nel Pas-de-Calais le macchine da stampa funzionano a pieno regime prima delle elezioni legislative

nel Pas-de-Calais le macchine da stampa funzionano a pieno regime prima delle elezioni legislative
nel Pas-de-Calais le macchine da stampa funzionano a pieno regime prima delle elezioni legislative
-

Considerando i tempi stretti prima del primo turno elettorale, la tipografia di Boulonnais ha dovuto produrre in sole 48 ore tre milioni di schede elettorali e 1,5 milioni di circolari per 30 candidati.

Attività di combattimento nelle tipografie. L’annuncio dello scioglimento dell’Assemblea nazionale il 9 giugno accelera l’organizzazione di nuove elezioni legislative in un arco di tempo particolarmente breve. Partiti, candidati, seggi elettorali: con l’avvicinarsi delle vacanze estive i calendari si sono ribaltati. Quelli delle tipografie, di cui anche loro hanno tanto bisogno.

La tipografia di Boulonnais (Sib), a Saint-Etienne-au-Mont, nel Pas-de-Calais, funziona a pieno regime all’inizio della settimana. Stampa, taglio, confezionamento: le macchine di questa azienda di 150 dipendenti sono al lavoro per rispondere agli ordini.

Il Sib deve stampare in sole 48 ore tre milioni di schede elettorali e 1,5 milioni di circolari per 30 candidati. Fortunatamente, l’azienda disponeva di carta sufficiente a soddisfare le aspettative.

“Alcuni candidati hanno aspettato fino all’ultimo momento”

Le circolari e le schede elettorali vengono poi affisse nel Pas-de-Calais, nell’Île-de-France e nella Somme. Gli ordini sono stati effettuati direttamente dai partiti politici o da agenzie di comunicazione subappaltate.

“Ci sono alcuni candidati che hanno aspettato fino all’ultimo momento per attendere la convalida della prefettura o per inviarci dei file”, sottolinea Arnaud Diers, direttore commerciale del Sib, al microfono di BFM Grand Littoral. “Abbiamo dovuto ordinare alcuni documenti durante la notte dai distributori.”

È stato quindi necessario riorganizzare urgentemente gli orari. “Abbiamo organizzato dei team nei fine settimana per inviare i camion direttamente a ciascun distributore”, continua l’interessato.

“Non è importante”

Arnaud Diers stima che le elezioni legislative anticipate permetteranno alla sua azienda, vittima delle inondazioni dello scorso novembre, di realizzare un fatturato “tra 30 e 40.000 euro”.

“Non è molto”, assicura, soprattutto perché “avevamo altri lavori in corso che non potevamo rinviare”.

Nel 2022 la Sib è riuscita a generare un fatturato quattro volte superiore a questo. Va detto che l’azienda ha prodotto complessivamente 20 milioni di stampe per 200-300 candidati. Ma aveva due settimane, non due giorni, per farlo.

Aurélie Chialvo e Clément Kaminski, con Florian Bouhot

-

PREV un gruppo d’ispirazione isolana – Le Petit Journal
NEXT A Damien Degot, il Gran Premio di Rodez