il TER obbligato a prendere una decisione

il TER obbligato a prendere una decisione
il TER obbligato a prendere una decisione
-

A Dakar, come in altre grandi città del Senegal, il giorno dopo la festa del Korité o del Tabaski è caratterizzato da un’atmosfera deserta. La maggior parte dei senegalesi non lavora il giorno successivo a queste celebrazioni, sebbene questo giorno non sia ufficialmente un giorno festivo. Questo martedì, il giorno dopo Tabaski, illustra perfettamente questo fenomeno. Nonostante l’assenza di una dichiarazione di giorni festivi da parte del presidente Bassirou Diomaye Diakhar Faye, la capitale rimane sorprendentemente calma, con i residenti che non sono ancora tornati al lavoro.

Di fronte a questa situazione, la società SETER, gestore del Treno Espresso Regionale (TER), ha preso una decisione strategica riguardo alla circolazione dei treni. Per rispondere al significativo calo del numero di passeggeri, SETER ha deciso di ridurre la frequenza degli attraversamenti della linea. Questo adeguamento mira ad evitare perdite economiche, perché far circolare treni con solo dieci o venti passeggeri a bordo sarebbe finanziariamente insostenibile per un’azienda che già fatica a far quadrare i propri conti.

SETER lo ha quindi indicato “la frequenza dei vostri treni è oggi adattata ai minori flussi di viaggiatori”. Questa misura pragmatica consente di ridurre i costi operativi adeguando il servizio alla reale domanda degli utenti nel periodo post-festivo.

-

PREV Informazioni sul tour | Mercati notturni, cinema all’aperto, festival dei bambini… 7 idee per le gite di questa settimana in Touraine
NEXT Forum Cina-Africa: l’inviato speciale cinese per il Medio Oriente visita il Marocco