La lotta di un imprenditore di Outaouais a cui è stata rubata l’identità aziendale

-

Attivo da quasi 60 anni nel settore edile, a Deny Pétrin è stato recentemente rubata la sua identità di imprenditore. Volendo correggere la situazione, l’ottuagenario si sente impotente di fronte a un sistema che ritiene non in grado di offrirgli un aiuto soddisfacente. La Régie du logement du Québec conferma che “le verifiche sono in corso”.

Tutto è iniziato qualche mese fa quando Deny Pétrin, proprietario di Construction DJ, ha ricevuto due chiamate da clienti nella zona di Montreal che lamentavano lavori incompleti. L’imprenditore tranquillo, specializzato in edilizia residenziale, ha finito per capirlo un altro uomo operava con la sua licenza del RBQ.

RBQ di un’altra persona”,”text”:”Non capisco come possa essere così facile prendere la licenza RBQ di un’altra persona”}}”>Non capisco come possa essere così facile ottenere la licenza RBQ da un’altra personaè difficile credere all’uomo che da 40 anni è al timone della sua azienda.

Cos’è una licenza RBQ?

Un imprenditore edile chi esegue o fa eseguire lavori per conto terzi, ma anche chi fa offerte, sollecita clienti o addirittura pubblica un annuncio su un giornale o altrove, deve possedere una licenza della Régie du logement du Québec.

RBQ rilascia quattro categorie di licenze: appaltatore generale, appaltatore specializzato, costruttore-proprietario generale e costruttore-proprietario specializzato.

Fonte: Régie du logement du Québec

Deny Pétrin afferma di aver contattato l’Associazione dei professionisti dell’edilizia e dell’edilizia abitativa del Quebec. Dopo alcune chiamate, spiega RBQ”,”text”:”che un direttore mi ha suggerito di assumere un avvocato e presentare un reclamo all’RBQ”}}”>che un regista mi ha suggerito di assumere un avvocato e di presentare un reclamo al RBQ.

In un’intervista a Radio-Canada, lo deplora RBQ non fa nulla”,”text”:”il RBQ non fa nulla”}}”>RBQ fare niente per aiutarlo, secondo lui, e lei no non proteggere. L’imprenditore che vive nel comune di Notre-Dame-de-la-Salette a Outaouais ha detto a Radio-Canada che questo incidente lo ha raffreddato al punto che ha pensato di sospendere la sua licenza RBQ per un anno. Vuole che la sua storia venga resa pubblica per sensibilizzare altri imprenditori e clienti.

Non avevo bisogno di questo stress. Ho già abbastanza cose da fare ogni giorno. Non posso restare a guardare e non fare nulla. Potrebbero esserci altre persone che hanno gli stessi problemi.

Una citazione da Deny Pétrin, presidente, Construction DJ

La Régie du logement du Québec assicura di sì il potere di reprimere gli imprenditori delinquenti e che possono essere esposti a multe salate e procedimenti giudiziari e sanzioni penali dal Direttore del Procuratore Penale (DPCP).

Invitato a commentare il caso del signor Pétrin, il RBQ menziona che gli investigatori della direzione dell’ispezione generale stanno attualmente cercando di raccogliere quante più informazioni possibili per trasmettere il dossier al DPCPche potrà valutare se sussistano i presupposti per sporgere denuncia.

Apri in modalità a schermo intero

Gli ultimi mesi sono stati difficili per Deny Pétrin. “Non avevo bisogno di quello stress”, ha detto.

Foto: Radio-Canada / Olivier Plante

Di fronte alle lamentele del signor Pétrin riguardo alla sua sensazione di essere abbandonato a se stesso in questa situazione, il RBQ risponde RBQ. […] Un po’ come quando siamo vittime di una frode con carta di credito, dobbiamo rivolgerci al tribunale o alla polizia”,”text”:”Purtroppo un caso di frode non è di competenza della RBQ. […] Un po’ come quando siamo vittime di una frode con carta di credito, dobbiamo rivolgerci al tribunale o alla polizia”}}”>sfortunatamente, un caso di frode non è sotto la giurisdizione del RBQ. […] Un po’ come quando siamo vittime di una frode con carta di credito, dobbiamo rivolgerci al tribunale o alla poliziaspiega il portavoce della RBQSylvain Lamothe.

D’altro canto, ritiene che il sig. Pétrin sì ben fatto rivolgersi alla Régie, perché Questo ci permette di fare dei passi.

Non avere la licenza è un reato ai sensi della legge sull’edilizia. Ciò è punibile con una multa salata, compresa tra 10.000 dollari per un individuo e fino a 200.000 dollari per un’azienda.

Una citazione da Sylvain Lamothe, portavoce della Régie du logement du Québec

Chi ha impersonato l’azienda del signor Pétrin?

Joseph Robert Davis si presenta come proprietario di DJ Construction su siti pubblicitari come LinkedIn. Nella versione inglese delle Pagine Gialle viene utilizzato anche un numero RBQ e di QST non valido. Vive nella zona di Montreal.

Radio-Canada ha anche ottenuto copie delle fatture che Joseph Robert Davis ha inviato a due clienti. Su queste fatture, il signor Davis modifica leggermente il nome dell’azienda del signor Pétrin utilizzando Costruzione del DJpiuttosto che Costruzione del DJ. Su alcune di queste fatture viene utilizzato anche il numero di licenza RBQ dal signor Pétrin.

Un consulente per la comunicazione del RBQSylvain Lamothe, conferma a Radio-Canada che Joseph Robert Davis RBQ”,”text”:”non ha mai posseduto una licenza RBQ”}}”>non ha mai avuto la patente RBQ e che l’azienda DJ Construction non è mai esistito nei loro file. Sebbene il registro delle imprese del Quebec includa alcune società registrate a nome di DJ Construction, nessuna è di proprietà del signor Davis.

Apri in modalità a schermo intero

Questa pagina DJ Construction esiste ancora sul sito web delle Pagine Gialle in lingua inglese. C’è scritto che l’azienda accetta “tutti i progetti piccoli e grandi”. Radio-Canada ha oscurato alcune informazioni personali di Joseph Robert Davis, come il suo indirizzo email e un numero RBQ non valido.

Foto: schermata

Secondo una ricerca condotta da Radio-Canada, Joseph Robert Davis ha avuto degli scontri con la legge negli ultimi anni, in particolare per una causa di modesta entità ancora in corso presso il tribunale di Laval.

Un cliente che si ritiene ingannato chiede il risarcimento dei danni per un lavoro di installazione di finestre parzialmente eseguito dal signor Davis nel 2022, sempre a nome della società DJ Construction. Il ricorrente, che Radio-Canada non è riuscita a contattare, sostiene che il sig. Davis ha fatto promesse e ha ripetutamente mancato alla sua parola. In questo caso non è stata ancora emessa alcuna sentenza.

Abbiamo anche potuto parlare con un altro cliente che sostiene di essere stato truffato e che non ha voluto partecipare alla nostra segnalazione per paura di ritorsioni.

Nelle ultime settimane, Radio-Canada ha chiesto a più riprese a Joseph Robert Davis di dare la sua versione dei fatti in un’intervista. Nonostante diversi tentativi da parte di Radio-Canada di confermare i termini, è stato impossibile realizzare questa intervista con il signor Davis prima della pubblicazione di questo rapporto.

Nella sua lotta, l’imprenditore di buona reputazione, Deny Pétrin, ha saputo trovare un’alleata: Julie Labrosse, un’agente immobiliare diventata un amico negli anni.

Consapevole delle preoccupazioni del signor Pétrin, quest’ultimo ha contattato la Régie du logement du Québec oltre a confrontarsi via e-mail con Joseph Robert Davis, il quale ha risposto che si trattava di un errore di tipografia.

Un cartello con la foto di Julie Labrosse e un altro cartello con la compagnia di Deny Pétrin.

Apri in modalità a schermo intero

L’agente immobiliare Julie Labrosse ha aiutato Deny Pétrin quando ha notato che la sua identità di imprenditore era stata rubata.

Foto: Radio-Canada / Olivier Plante

Per Julie Labrosse, era chiaro che stavamo andando avanti con i procedimenti giudiziari. Deny Pétrin ha scelto di sporgere denuncia presso la Sûreté du Québec (SQ) a Outaouais.

Sergente Marc Tessier, responsabile delle informazioni per il S.Q.conferma che è stata presentata denuncia, ma che il fascicolo è chiuso agli occhi del S.Q. di Papineau. A Pétrin è stata rubata l’identità [d’entrepreneur]ma non è stato vittima di perdite monetarie”,”testo”:”Sì, al signor Pétrin è stata rubata l’identità [d’entrepreneur]ma non ha subito alcuna perdita monetaria”}}”>Sì, al signor Pétrin è stata rubata l’identità [d’entrepreneur]ma non ha subito alcuna perdita monetariaprecisa il Sig. Tessier.

Come proteggersi da un appaltatore senza licenza?

Secondo Me Benoît Paris, avvocato dei servizi giuridici dell’Associazione dei professionisti dell’edilizia e dell’edilizia abitativa del Quebec, una situazione come quella vissuta da Deny Pétrin è piuttosto rara.

Se è così, lo raccomanda RBQ”,”text”:”per notificare l’RBQ”}}”>per avvisare il RBQ e intraprendere azioni legali contro i colpevoli, ad esempio inviando una costituzione in mora. Il signor Pétrin, tuttavia, non intende ricorrere a questo metodo, perché non ha l’impressione che ciò accadrà scoraggiare colui che ha usurpato la sua identità di imprenditore.

La parte anteriore di una casa.

Apri in modalità a schermo intero

80 anni, Deny Pétrin lavora nel settore edile da più di 60 anni.

Foto: Radio-Canada / Olivier Plante

Me Paris suggerisce ai clienti di effettuare alcune verifiche prima di affidare una grossa somma di denaro ad un imprenditore.

Consultare il Registro delle Imprese può essere un buon modo per verificare chi sono gli amministratori o i procuratori. Se la persona che abbiamo di fronte sembra non essere né l’uno né l’altro, possiamo chiedergli con quale diritto è presente davanti a noispiega l’avvocato, che lo ammette le cose stanno andando veloci e un cliente non sempre ci vuole il tempo per proteggersi.

Il portavoce della RBQ, Sylvain Lamothe, è d’accordo. Sottolinea l’importanza di effettuare controlli adeguati prima di concludere un contratto con un imprenditore edile. A volte ci vorranno ore e ore prima di decidere il colore dei nostri mobili da cucina, ma la scelta di un appaltatore può essere fatta rapidamente. Per quello? si chiede.

Ritratto di Sylvain Lamothe nel suo ufficio.

Apri in modalità a schermo intero

Sylvain Lamothe, portavoce della Régie du logement du Québec.

Foto: Radio-Canada

A volte, anche l’ubicazione dell’azienda può sollevare un campanello d’allarme, avvisa Me Paris. Fa l’esempio di un cliente residente nel nord del Quebec che comunica con il rappresentante di un’azienda con sede nel sud del Quebec, che conta da uno a cinque dipendenti.

Non sto dicendo che sia impossibile [ou automatiquement de l’usurpation]ma forse vale la pena ricontrollareaggiunge Me Paris, che tuttavia crede che le persone in malafede troverà sempre il modo di sviluppare schemi.

Ma sono sicuro che riflettendo potremmo forse elaborare meccanismi che proteggano di più.

Una citazione da Benoît Paris, avvocato dell’Associazione dei professionisti dell’edilizia e dell’edilizia abitativa del Quebec

Con la collaborazione di Julien David-Pelletier

-

PREV Uomo di Winnipeg accusato di 21 reati nell’indagine di Brooklands
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France