“Il prestigio della città e la bellezza dei paesaggi”… L’edizione 2026 partirà da Barcellona

“Il prestigio della città e la bellezza dei paesaggi”… L’edizione 2026 partirà da Barcellona
“Il prestigio della città e la bellezza dei paesaggi”… L’edizione 2026 partirà da Barcellona
-

Dopo Bilbao l’anno scorso, il Tour de France migrerà ancora una volta in Spagna per il suo grande inizio, durante l’edizione 2026. Questa volta, la carovana partirà da Barcellona, ​​​​in Catalogna, ha annunciato martedì il direttore della corsa Christian Prudhomme.

“Barcellona è una città prestigiosa ed è una città sportiva”, ha sottolineato l’organizzatore, precisando che ci saranno “due tappe complete e la partenza” della terza tappa in Catalogna.

Cliccando su” Accetto “accetti il ​​deposito di cookie da parte di servizi esterni e avrai così accesso ai contenuti dei nostri partner.

Maggiori informazioni alla pagina Policy di gestione dei cookie

Accetto

Sarà la terza volta dalla sua creazione nel 1903 che il Tour partirà dal territorio spagnolo, dopo San Sebastian nel 1992 e Bilbao, quindi, nel 2023. Con Copenaghen nel 2022 e Firenze nel 2024, sarà anche il quarto “grande” partenza” dall’estero in cinque anni, prima di quella di Lille nel 2025.

“Queste grandi partenze permettono al Tour de France di brillare ancora di più”, ha difeso Prudhomme. Lo rivendico alla condizione espressa che ci siano piccoli villaggi francesi nelle città tappa del Tour, come Evaux-les-Bains quest’anno, Castelnau-Magnoac nel 2022 o Châtillon-sur-Chalaron nel 2023”.

Una prima spiegazione tra i favoriti in vetta al Montjuic?

Barcellona, ​​città che ha ospitato i Giochi Olimpici del 1992, era “candidata da molto tempo” e l’attuale sindaco socialista della città, Jaume Collboni, in carica da un anno, “sognava” di ospitare la Grande Boucle, secondo al direttore del Tour, felice di questa grande partenza.

“Avete il prestigio della città. Hai la bellezza dei paesaggi, la vicinanza del mare. E poi hai questa geografia sportiva che significa che puoi immaginare un incontro dal fine settimana del grande inizio per i favoriti della classifica generale”, prevede Christian Prudhomme.

I primi passi svelati a settembre

I dettagli delle prime fasi non saranno rivelati fino a settembre. Unico indizio sul percorso: la salita della collina di Montjuic, a Barcellona, ​​”è ovviamente un vantaggio indiscutibile”, ha aggiunto. Quanto al possibile imperativo di mettere sul percorso, come nel 2023, i Pirenei della prima settimana del Tour, Prudhomme ha appena ricordato che “il dogma è che non esiste dogma. Tutto è possibile “. Quest’anno il Tour de France partirà il 29 giugno per la prima volta dall’Italia con un arrivo senza precedenti tre settimane dopo a Nizza e non a Parigi, a causa dei Giochi Olimpici.

-

PREV Una grande pista ciclabile per l’area urbana di Dax
NEXT IN BULK – Piano Pic, Hendaye celebra il mare, Jazz in Marciac, pacchetto misterioso, Jazz in Sanguinet, patrimonio in Auch, Musica da camera, Rockabilly Fest, Errobiko Festibala.