Kenitra: AMDL attiva il progetto per la futura zona logistica di Oulad Bourahma

Kenitra: AMDL attiva il progetto per la futura zona logistica di Oulad Bourahma
Kenitra: AMDL attiva il progetto per la futura zona logistica di Oulad Bourahma
-

La creazione della zona logistica di Oulad Bourahma rientra nel programma di sviluppo integrato di Kenitra. Quest’ultima prevede la costituzione di una zona logistica di nuova generazione, a vocazione regionale o sovraregionale e con caratteristiche adeguate a soddisfare le esigenze degli spedizionieri e dei soggetti interessati (operatori economici, mandanti, enti locali, ecc.), nonché così da promuovere la strutturazione della logistica sia a livello locale che regionale.

Questa zona, che comprende spazi logistici (parco logistico a noleggio, parco noleggio PMI/PMI e depositi intermedi, grandi appezzamenti per attività logistiche specifiche e miste), sarà composta anche da spazi per servizi, in particolare un centro stradale, un centro logistico accoglienza e servizi alle persone e alle imprese e un terreno dedicato al centro di formazione.

Leggi anche: Mohamed Abdeljalil annuncia l’imminente lancio di tre progetti di zone logistiche, per un investimento di un miliardo di dirham

Con una superficie totale di circa 44,5 ettari (ha), il terreno del progetto si trova a nord-est della città di Kénitra, sulla strada nazionale n. 4 (RN 4), nel comune rurale di Ameur Seflia. Il sito beneficia della vicinanza di centri economici, in particolare della piattaforma industriale integrata Atlantic Free Zone e del complesso Stellantis, nonché della ferrovia e della superstrada che porta a Sidi Yahia.

Ricordiamo che AMDL ha avviato la costruzione di zone e impianti logistici su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle regioni di Souss-Massa (45 ha), Casablanca-Settat (70 ha), Fès-Meknes (32 ha), Marrakech-Safi ( 37 ha), Béni Mellal-Khénifra (9 ha) e Drâa-Tafilalet (5,5 ha).

-

PREV il minorenne denunciato
NEXT Chiamate d’emergenza – Polizia municipale di Marsiglia: colpo di calore sulla Canebière – Chiamate d’emergenza