Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, esegue la preghiera dell’Eid Al-Adha presso la moschea Hassan II a Tetouan e riceve i saluti in questa felice occasione

Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, esegue la preghiera dell’Eid Al-Adha presso la moschea Hassan II a Tetouan e riceve i saluti in questa felice occasione
Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, esegue la preghiera dell’Eid Al-Adha presso la moschea Hassan II a Tetouan e riceve i saluti in questa felice occasione
-

Lunedì 17 giugno 2024 alle 11:34

Tetouan – Sua Maestà il Re Mohammed VI, Amir Al-Mouminine, che Dio lo aiuti, accompagnato da Sua Altezza Reale il Principe ereditario Moulay El Hassan, Sua Altezza Reale il Principe Moulay Rachid, Sua Altezza Reale il Principe Moulay Ahmed e Sua Altezza Reale il Principe Moulay Ismaïl, si è esibito lunedì 10 Di Al Hijja 1445 AH , corrispondente al 17 giugno 2024, la preghiera benedetta dell’Eid Al-Adha nella moschea Hassan II a Tetouan.

Molti cittadini si sono radunati lungo il percorso del corteo reale per condividere con Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, la gioia di questo giorno benedetto e per augurare al Sovrano buon compleanno e lunga vita.

Al suo arrivo alla moschea, il Sovrano passò in rassegna un distaccamento della Guardia Reale che stava rendendo gli onori.

Dopo la preghiera dell’Eid, l’Imam ha indicato nel suo sermone i significati profondi dell’Eid Al Adha che corona i primi dieci giorni di Di Al Hijja durante i quali i musulmani rafforzano la loro fede in Dio e Lo ringraziano per i numerosi benefici che Egli ha concesso loro. loro, sottolineando che questa festa è un dono divino attraverso il quale si manifestano l’unità, la fraternità, l’aiuto reciproco e la solidarietà tra i musulmani.

Sottolineando che l’Onnipotente ha benedetto il Regno del Marocco con l’Istituzione di Imarat Al-Mouminine, l’Imam ha affermato che Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, che Dio lo glorifichi, protettore della Nazione e della Religione, ha potuto, grazie a La sua saggezza e la sua lungimiranza, hanno fatto sì che il Marocco diventasse una nazione prospera grazie ai progetti strutturanti che ha lanciato e che hanno elevato il Regno tra le Nazioni e ne hanno fatto un modello a livello regionale e internazionale.

L’Imam ha inoltre osservato che Sua Maestà il Re, che Dio lo preservi, assicura soprattutto l’esercizio del culto e la consacrazione dei suoi valori e precetti.

L’Imam ha concluso implorando l’Altissimo di preservare Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, di coronare le Sue azioni con il successo per il bene del Suo popolo fedele e di realizzarLo nelle persone di Sua Altezza Reale il Principe ereditario Moulay El Hassan, Sua Altezza Reale il Principe Moulay Rachid e tutti i membri dell’Illustre Famiglia Reale.

Ha inoltre innalzato preghiere per il riposo delle anime dei defunti Sovrani, del defunto Sua Maestà il Re Mohammed V e del defunto Sua Maestà il Re Hassan II, che Dio li accolga nella Sua Santa Misericordia.

Successivamente, Sua Maestà il Re, Amir Al-Mouminine, ha eseguito il rituale del sacrificio, seguendo la tradizione del profeta Sidna Mohammed, pace e benedizioni su di Lui. Successivamente, l’Imam della moschea ha proceduto all’immolazione della seconda pecora.

Sua Maestà il Re è poi ritornato al Palazzo Reale tra le acclamazioni dei cittadini accorsi numerosi per ribadire il loro incrollabile attaccamento al Glorioso Trono Alaouita e all’augusta persona di Sua Maestà il Re. Allo stesso tempo, in occasione di questo giorno festivo, risuonarono i colpi di cannone.

Al Palazzo Reale, Sua Maestà il Re Mohammed VI, Amir Al-Mouminine, che Dio lo aiuti, accompagnato da Sua Altezza Reale il Principe ereditario Moulay El Hassan, Sua Altezza Reale il Principe Moulay Rachid e Sua Altezza Reale il Principe Moulay Ahmed, ha ricevuto i saluti del Capo del Governo, dei Presidenti delle due Camere del Parlamento, il vicepresidente del Consiglio superiore del potere giudiziario, il primo presidente della Corte di cassazione, il presidente della Procura della Repubblica, il procuratore generale del Re presso la Corte di cassazione, il decano della Corte islamica corpo diplomatico in Marocco, ambasciatore del Camerun, presidenti di organi costituzionali e diverse alte personalità civili e militari.

-

PREV COOPERAZIONE SENEGAL-STATI UNITI / Infrastrutture: il Senegal beneficerà di un ”terzo patto” del MCC, secondo Abdourahmane Sarr – Agenzia di stampa senegalese
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France