Orange Coco festeggia in doppio

Orange Coco festeggia in doppio
Orange Coco festeggia in doppio
-

Il cambiamento è stato decisamente accattivante. La filiale di Granby si è rinnovata negli ultimi mesi con grande piacere di decine di clienti venuti per festeggiare la riapertura e scoprire la varietà di prodotti freschi, ecologici e sfusi. Degustazioni e regali hanno arricchito la grande festa.

“Sono molto felice di vedere la nostra attività festeggiare il suo quinto anniversario, nonostante tutte le sfide affrontate dai negozi di generi alimentari sfusi nell’ultimo anno. Siamo orgogliosi del nostro posto”, ha ammesso la proprietaria Isabelle Guilmain.

Gli acquisti all’ingrosso non sono stati immuni dagli scossoni dell’inflazione e dai diffusi aumenti dei prezzi dei prodotti. Da parte loro, il droghiere e il suo team hanno mantenuto la rotta grazie soprattutto alla fedeltà dei clienti e ad un’offerta unica di prodotti locali.

Nonostante i forti venti, Orange Coco è diventata “la più grande azienda eco-responsabile del Quebec”. In soli cinque anni ha venduto più di 140.000 kg di alimenti secchi e 100.000 litri di prodotti domestici sfusi. L’azienda ha contribuito a eliminare 50.000 container all’anno.

“Questo è il nostro più grande orgoglio, ridurre gli sprechi uno alla volta”.

— Isabelle Guilmain, proprietaria di Orange coco: vita alla rinfusa

Non c’è bisogno di adottare l’abitudine a rifiuti zero secondo la signora. Crede che un piccolo cambiamento nelle abitudini di consumo sia sufficiente per fare una grande differenza per il pianeta. La gente comune può recarsi al negozio una volta al mese per acquistare detersivi sfusi. Questa semplice azione è sufficiente per eliminare alcuni contenitori utilizzati all’anno.

«Possiamo fare anche l’esempio delle spezie usate più raramente. Da parte mia, è timo. Invece di comprare un barattolo che perde la sua freschezza nel tempo, puoi andare al supermercato per la quantità necessaria solo per alcune ricette.

Il futuro sembra complessivamente positivo per la piccola impresa e il suo proprietario prevede di concentrarsi maggiormente sull’istruzione e sulla consapevolezza. Tra il grande pubblico desidera affrontare in particolare le questioni relative alla riduzione dei rifiuti, ai benefici dei prodotti ecologici per la casa e alle conseguenze legate alle abitudini di consumo.

“All’inizio dell’anno ho tenuto una conferenza presso un’azienda sui prodotti per la casa e ho notato che c’erano molte domande senza risposta. La prova che tra la gente c’è spazio per l’istruzione legata alla massa”, ha giudicato.

“È un’abitudine economica che riduce la perdita di cibo. Allo stesso modo, consente alle persone di provare nuovi prodotti”.

— Isabelle Guilmain, proprietaria di Orange coco: vita alla rinfusa

Un’offerta ristrutturata

Il negozio di alimentari locale ha recentemente dovuto affrontare un’altra grande sfida. Lo scorso febbraio le strutture hanno subito le conseguenze dei danni causati dall’acqua che hanno costretto i lavori a durare diverse settimane. Isabelle Guilmain ha fatto il grande passo ristrutturando la sua attività.

Dopo i grandi lavori di ristrutturazione, all’ingresso della filiale sono stati esposti i prodotti sfusi. (Nicolas T. Parent/La Voix de l’Est)

“Abbiamo innovato per rendere le nostre installazioni più facili da usare. Abbiamo sistemato i nostri frigoriferi nella parte rinnovata, sul retro, e abbiamo raggruppato i nostri prodotti sfusi in un unico posto all’ingresso. Tutto ora è più chiaro e raffinato. Abbiamo ricevuto solo commenti positivi dai clienti”, ha assicurato, ovviamente orgogliosa del risultato.

I clienti abituali e i curiosi possono trovare in abbondanza articoli sfusi e provenienti da oltre 220 produttori e artigiani locali. Frutta e verdura, piatti pronti, alcolici locali… tutto è pensato “per incoraggiare gli acquisti locali e far conoscere ai consumatori sapori e attrazioni locali”.

-

PREV Elezioni legislative 2024: Bastian Maldiney “realista e fiducioso nel buon senso degli abitanti” del Paese di Retz
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France