Migliaia di partecipanti alzano la loro bandiera a Zurigo

Migliaia di partecipanti alzano la loro bandiera a Zurigo
Migliaia di partecipanti alzano la loro bandiera a Zurigo
-

Secondo un giornalista Keystone-ATS sul posto, molti partecipanti indossavano bandiere arcobaleno, altri indossavano i colori LGBT+ nei cerchietti o sulle magliette. Il Pride di Zurigo è “un grande evento”, lo abbiamo sentito durante i discorsi ufficiali sull’Helvetiaplatz. “Ma è anche un evento importante e combattivo”, perché le persone continuano a essere discriminate, e il Pride manda un segnale forte contro l’esclusione.

Oltre al grande corteo della manifestazione, il venerdì sera è iniziata una festa che prosegue il sabato sulla riva del lago. Uno dei momenti salienti è stata la tanto attesa prima apparizione dal vivo di Nemo dopo la sua vittoria all’Eurovision Song Contest (ESC). Migliaia di persone hanno accolto il giovane cantante, che si considera non binario, come un eroe.

Sono più di cento i gruppi iscritti all’evento, più che mai. Lo Zurich Pride, che esiste da 30 anni, quest’anno si svolge all’insegna del motto “Liberi in ogni senso – da 30 anni”.

Nove persone arrestate

La manifestazione si è svolta generalmente in modo pacifico, ha riferito la polizia municipale a fine giornata. Già prima dell’inizio della processione l’atmosfera era rilassata e bonaria: la gente chiacchierava, suonava i tamburi e ballava. Tuttavia, nove persone sono state temporaneamente arrestate.

Sei svizzeri e un tedesco di età compresa tra 19 e 33 anni, appartenenti ad ambienti di estrema destra e che viaggiavano soprattutto in motoscafo nel bacino del lago, sono stati portati in una stazione di polizia per ulteriori accertamenti. Portavano striscioni omofobi e facevano circolare volantini omofobi utilizzando un drone.

Sono stati temporaneamente arrestati anche un afghano di 39 anni e un eritreo di 23 anni, che si sono comportati in modo inquietante nei confronti dei partecipanti alla manifestazione, ha detto la polizia. Altre tre persone furono deportate.

#Swiss

-

PREV La Fondazione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale di Rabat lancia un’esclusiva visita virtuale alla Kasbah des Oudayas
NEXT Trio-laid e Pascal Bibeau e i suoi musicisti nei parchi di Sorel-Tracy dal 22 luglio!