Annunciate ad Angoulême le prime case galleggianti sulla Charente

-
La redazione ti consiglia

Angoulême: questi uffici con una vista eccezionale

Su una chiatta, in una delle torri più alte dell’Altopiano, sopra l’isola Marquet… CL è scivolata negli uffici più eccezionali di Angoulême, che godono di una vista mozzafiato.

L’idea frulla nella testa di Nicole Masset da quattro anni. Oggi i piani vengono finalizzati. Ha appena ricevuto le autorizzazioni di ormeggio da GrandAngoulême e dal Dipartimento, nonché quelle da Voies navigables de France. La prima casa dovrà essere ordinata in meno di un mese presso la società dell’Aveyron Carré de Vie, specialista in case galleggianti di fascia alta. Lontano dal modello delle cabine sull’acqua sviluppatosi su un lago, a Pressac nella Vienne.

Rivivi la vita all’aria aperta

Sulle rive della Charente, vengono promessi 38 m² di spazio interno. Come al solito, il designer di Angoumois, proprietario della galleria MR da più di quarant’anni, promette uno spazio raffinato e ordinato, alto 2,50 m. “L’obiettivo non è quello di realizzare una capanna, ma davvero un luogo carino, arredato e glamour in cui vivere. » Una camera da letto, un bagno e un soggiorno con stufa a legna devono costituire l’interno. Sul lato del fiume, i muri sono sostituiti da vetrate che si aprono sull’isola Marquet.

È uno stile di vita molto più all’aria aperta. Puoi stare fuori e indossare un maglione, senza aspettare il sole splendente.

Sul lato del boulevard, questi sono oblò che ricorderanno il lato marittimo e cercheranno di proteggere le notti a volte inquiete del Boulevard Besson-Bey. Le pareti saranno realizzate in legno bruciato per “mimetizzarsi il più possibile” con l’arredamento. In totale, la piattaforma non è lontana da 100 m², con 60 m² di terrazzo.

Impianti per fornire acqua potabile

La cucina principale si trova all’esterno, sotto un pergolato. “È uno stile di vita molto più outdoor rispetto a quello a cui siamo abituati. Puoi stare fuori e indossare un maglione, senza aspettare il sole splendente. Qui è molto poco sviluppato, ma molto di più nei paesi nordici», afferma Nicole Masset, che ha viaggiato attraverso la Francia per trarre ispirazione e perfezionare il suo progetto.

La redazione ti consiglia

100% autonomo. Angoumoisine promette che le sue case non avranno bisogno dell’allacciamento all’acqua e all’elettricità. L’acqua verrà prelevata direttamente dalla Charente (con riserva idrica di emergenza), grazie ad un sistema di fitodepurazione, su una zattera galleggiante adiacente. L’acqua viene filtrata, utilizzata e poi nuovamente filtrata dalle piante, prima di essere rilasciata nell’acqua. “L’acqua sarà ancora più pulita di prima”, garantisce l’investitore. La tecnica è brevettata. L’elettricità arriverà da un tetto coperto da pannelli solari. “L’obiettivo è avere il minimo impatto sul paesaggio e sull’ambiente”, promette. Una barca ti permetterà di navigare sull’acqua.

Epifenomeno o soluzione al cambiamento climatico?

Dovremmo aspettarci di vedere decine di case galleggiare sulla Charente entro dieci anni? “Stiamo lanciando il movimento, per vedere se altri vorranno riprenderlo in seguito. » In un contesto segnato dall’intensificarsi del cambiamento climatico e con l’avvicinarsi della legge sull’artificializzazione netta zero, queste case potrebbero risparmiare cemento e spazio.

Un progetto che lascia nei dubbi Michael Canit, presidente della Charente Eaux, il sindacato dipartimentale dell’acqua. “È un epifenomeno. Trovo difficile immaginare case galleggianti tra Angoulême e Cognac. Non sono sicuro che questa sia la soluzione nel nostro territorio. » Nella Charente Nature, l’associazione ambientalista, l’uomo dell’acqua Jacques Brie, è presente nella riserva. “Non abbiamo lavorato sulla questione. Ma bisogna saper stare attenti, a volte le conseguenze te ne accorgi solo dieci anni dopo. »


  • Gli habitat saranno autonomi al 100%: acqua prelevata dal fiume ed elettricità solare

    Galleria MR

  • Gli habitat saranno autonomi al 100%: acqua prelevata dal fiume ed elettricità solare.


    Gli habitat saranno autonomi al 100%: acqua prelevata dal fiume ed elettricità solare.

    Galleria MR

Oltre a ciò, Nicole Masset spera di riconciliare i Charentais con il loro fiume. “È stato così trascurato negli ultimi anni che sta tornando allo stato selvatico. Dobbiamo però renderci conto della sua importanza. » Il fiume fornisce gran parte dell’acqua potabile e alimenta le colture della Charente. Si prevede che entro il 2050 perderà dal 20 al 40% del suo flusso attuale, durante i periodi di magra.

La redazione ti consiglia

Questo balzo in avanti è anche un ritorno alle origini. “Se Houmeau è in fase di ricostruzione, il porto è stato a lungo trascurato. Cinquant’anni fa sull’isola Marquet c’erano degli orti e le verdure venivano fatte passare attraverso un filo. Sarebbe bello ritrovarlo. »

Per quanto riguarda i prezzi, Nicole Masset resta cauta e non fornisce cifre. “Non abbiamo ancora la stima esatta degli importi. » Il prezzo della casa di 40 m² sul Carré de Vie è di 83.900 €. Anche se ciò significa promuovere una “ecologia bobo”? “Ovviamente costerà di più di una casa di queste dimensioni sulla terra, ma evitiamo costi aggiuntivi per l’elettricità. Sarà un’abitabilità accessibile. »

Nicole Masset spera di portare la sua chiatta all'isola di Aix.


Nicole Masset spera di portare la sua chiatta all’isola di Aix.

Renaud Joubert

Un viaggio all’isola di Aix in preparazione

Chiamati “i figli del fiume”, questo è il secondo progetto che impegna Nicole Masset negli ultimi mesi. Collega l’isola di Aix con la sua chiatta, dal Quai de l’Houmeau. La barca che non ha mai navigato sulla Charente, dopo la chiusura della sua cava di sabbia, dovrebbe percorrere un tratto di 381 km del fiume, sempre con il desiderio di collegare i Charentais alla loro via d’acqua.
Nella barca, Nicole Masset spera di portare a bordo scienziati, partner istituzionali e privati. È ancora in trattative con diversi importanti leader di progetto. Partenza prevista tra un anno.

-

PREV SENEGAL-ENERGIE-INFRASTRUTTURE / SENELEC: ritenuto soddisfacente lo stato di avanzamento del progetto di ammodernamento della rete di trasporti – Agenzia di stampa senegalese
NEXT SENEGAL-ISTRUZIONE-ESAMI / Il CFEE e l’ingresso in 6a elementare si svolgono “in condizioni eccellenti”, secondo Moustapha Mamba Guirassy – Agenzia di stampa senegalese