Cantal: sciopero degli insegnanti per una terza classe seconda

Cantal: sciopero degli insegnanti per una terza classe seconda
Cantal: sciopero degli insegnanti per una terza classe seconda
-

Di

Maria Boudon

pubblicato su

28 maggio 2024 alle 14:46

Vedi le mie notizie
Segui le notizie Cantal

Questo lunedì 27 maggio 2024le richieste di insegnanti del liceo di Mauriac si è concentrato principalmente su tre ambiti: l’apertura di una nuova classe seconda, l’adeguamento dei trasporti scolastici e lo sviluppo dell’istruzione professionale.

Una terza di seconda classe

Gli insegnanti si erano già mobilitati lo scorso aprile, quando il Rettorato dell’impossibilità di aprire una terza classe seconda nel prossimo anno scolastico. Attraverso questa nuova mobilitazione si spera ancora di fargli riconsiderare questa decisione definita ingiusta. «Se rimaniamo su due classi di seconda elementare, avremo aule da 35 alunni e non sappiamo nemmeno come riusciranno ad inserirsi», spiega Anne-Catherine Bostdecherprofessore bibliotecario.

Inoltre, necessitano di finanziamenti per mantenere opzioni essenziali come la sezione nuoto, la sezione europea e il cinema-audiovisivo. “Se le nostre opzioni vengono svalutate, se siamo costretti a chiudere le specialità, saremo sempre meno attraenti e abbiamo paura di questo circolo vizioso”, continua l’insegnante.

Revisione delle esenzioni

Gli insegnanti denunciano anche l’attuale politica di esenzioni che permette agli alunni del terzo anno assegnati al Lycée de Mauriac di raggiungere Aurillac per il percorso generale. “Spesso gli studenti scelgono di andarsene invece di restare nella scuola superiore locale e questa politica ci mette in pericolo”, sospira Anne-Catherine Bostdecher. Il collettivo ritiene che questa pratica debba essere limitata per stabilizzare il numero del personale e garantire una migliore gestione delle risorse delle scuole superiori.

Per un trasporto scolastico adattato

Inoltre, viene rivolta alla Regione una richiesta pressante di adeguare gli orari dei trasporti scolastici alle esigenze degli studenti. Attualmente gli autobus non corrispondono agli “orari di fine corso”, creando un divario dannoso per le famiglie.

Gli insegnanti richiedono l’autobus alle 18:00 il lunedì, il martedì, il giovedì e il venerdì e il mercoledì alle 17:00. Questo riadeguamento degli orari è considerato cruciale, soprattutto perché gli orari sono stati modificati a seguito delle recenti riforme. “Questa richiesta è stata, a quanto pare, avanzata dal senatore Stéphane Sautarel e la situazione potrebbe risolversi, ma vogliamo mantenere la pressione affinché non ci dimentichi.

Video: attualmente su -

Sviluppo delle sezioni professionali

Anche la parte di formazione professionale della scuola superiore è al centro delle richieste. I docenti hanno proposto diversi progetti per aprire sezioni professionali presso il Rettorato, soprattutto in aree promettenti per la Regione. Questi progetti mirano a rafforzare l’attrattività delle BTS “Mestieri dell’Acqua”, i cui diplomati sono particolarmente ricercati sul mercato del lavoro.

Il collettivo degli insegnanti spera che questo sciopero e le azioni che ne deriveranno attireranno l’attenzione delle autorità competenti sui bisogni urgenti della scuola superiore comprensiva. Chiedono una risposta rapida e adeguata per evitare di compromettere la qualità dell’insegnamento e il benessere degli studenti.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey