Alta Savoia: operazione “Place Nette” ad Annecy

Alta Savoia: operazione “Place Nette” ad Annecy
Alta Savoia: operazione “Place Nette” ad Annecy
-

Ex cittadina rurale, la città di Seynod ha vissuto negli ultimi decenni una vera e propria esplosione demografica. Il 1° gennaio 2017 si è fuso con le città di Annecy, Annecy-le-Vieux, Cran-Gevrier, Meythet e Pringy, per formare con loro un nuovo comune, dove risiedono ormai più di 130.000 abitanti. Di fronte alla pressione demografica osservata negli ultimi cinquant’anni, sono state costruite numerose unità di edilizia sociale. Negli anni ’70 fu costruito il nuovo quartiere Champ Fleuri. Considerata oggi una delle zone più sensibili di Annecy-Seynod, concentra un alto livello di delinquenza. È qui che mercoledì 15 maggio 2024 ha avuto luogo l’operazione “Place Nette”.

Da diversi mesi vengono effettuate numerose operazioni di sciopero in tutto il continente e nei territori d’oltremare, sotto la guida del Ministro dell’Interno e dei Territori d’Oltremare. Obiettivo: rafforzare la lotta contro la criminalità in tutte le sue forme, in particolare contro il traffico di droga, attraverso la mobilitazione di ingenti risorse umane e materiali.

Significa che affrontare le sfide

Mercoledì 15 maggio 2024. Sono le 16:30 quando nei locali della Brigata Territoriale Autonoma (BTA) di Annecy-Seynod inizia il briefing dell'”Operazione Place Nette”. Appoggiati alla mappa posta al centro del tavolo, i militari ripetono nei minimi dettagli lo svolgimento dell’intervento, il cui inizio è previsto per le 17,30, nel quartiere di Champ Fleuri. Si sta preparando un’operazione su larga scala alla quale prenderanno parte più di trenta gendarmi, provenienti da più unità. Otto gendarmi della BTA di Annecy-Seynod, tre del plotone di sorveglianza e intervento della gendarmeria (PSIG) di Annecy, sedici soldati dello squadrone mobile della gendarmeria 22/6 (EGM) di Hyères, tre motociclisti della sicurezza stradale dell’Alta Savoia Squadron (EDSR), sarà schierata una squadra cinofila del Bonneville Dog Investigation Group (GIC), supportata da tre agenti di polizia municipale. Coordinato dal tenente Christopher, comandante della BTA di Annecy-Seynod, l’intervento si svolgerà alla presenza del capo squadriglia Marlène Gillet, comandante della Compagnia dipartimentale della gendarmeria (CGD) di Annecy.

Mentre il briefing preparatorio si è appena concluso, i militari salgono a bordo del loro mezzo per convergere sul settore di intervento, situato a poca distanza dalla brigata. I gendarmi e gli agenti della polizia municipale interverranno in un’area mirata, riunendo un gruppo di edifici recenti, di una mezza dozzina di piani, situati in un ambiente verde. Questo quartiere sensibile, afflitto da molteplici problemi di delinquenza, in particolare dal traffico di droga, è soggetto a sorveglianza quotidiana da parte delle forze di sicurezza interne. “ L’operazione di oggi ha diverse virtù, indica il maggiore Laurent, vice comandante della BTA Annecy-Seynod. L’obiettivo è marcare e stabilire una presenza dissuasiva. Con l’avvicinarsi dell’estate aumentano i comportamenti criminali, come i rodei urbani, vera piaga per gli abitanti del quartiere. La nostra azione mira anche a rassicurare e tutelare la popolazione, che aspira a vivere in piena pace. »

Inoltre, l’evoluzione della delinquenza e la crescente mobilità dei trafficanti richiedono un costante adattamento delle forze dell’ordine. Inoltre, queste operazioni di sciopero costituiscono una leva aggiuntiva che aiuta a mantenere la pressione sui delinquenti e ad agire contemporaneamente su più fronti, grazie alle risorse messe in campo.

“Questo quartiere non è una zona senza legge”

Quando la polizia arriva sul posto, il sistema viene attivato secondo il piano prestabilito. Mentre le varie squadre entrano negli androni degli edifici per ispezionare le parti comuni e le cantine, attorno agli edifici viene allestita una pattuglia per garantire l’intervento. Contemporaneamente, altri militari pattugliano la zona, controllando persone e veicoli sulle strade pubbliche, su indicazione di una squadra terza, che opera in abiti civili. I controlli e le perquisizioni d’identità vengono effettuati su richiesta del pubblico ministero. Sebbene quella sera nel quartiere circolasse poca gente, a causa del tempo piovoso, un individuo è stato trovato in possesso di stupefacenti e di una ingente somma di denaro, appena un quarto d’ora dopo l’inizio dell’operazione.

Il suo appartamento è stato quindi perquisito, con il supporto della squadra cinofila del GIC di Bonneville, immediatamente inviata sul posto. Dopo una perquisizione preliminare effettuata in casa dal giovane conduttore, entra in scena Malinoise, di tre anni. Specializzato nella ricerca di narcotici, armi e munizioni, l’animale esplora metodicamente ogni angolo dell’appartamento, guidato dal suo padrone. Nella stanza verranno scoperti degli stupefacenti. L’individuo verrà preso in custodia dopo la perquisizione. Le indagini hanno permesso di identificare un complice e di scoprire, il giorno successivo, nascosto in un veicolo, un fucile carico con canna e calcio segati. È stato identificato il traffico locale e i due sospettati sono stati processati subito dopo la loro custodia, quindi incarcerati.

Per la squadra cinofila l’intervento prosegue nelle aree comuni e nelle cantine, agevolando notevolmente il lavoro delle altre unità. Efficiente e affidabile, il cane da ricerca è diventato, in pochi decenni, un attore essenziale nelle indagini della gendarmeria.
Per quasi tre ore, gendarmi e agenti della polizia municipale sorveglieranno il quartiere, collegati tra loro tramite trasmissione radio. In questo settore considerato difficile, dove la polizia rintraccia quotidianamente ogni tipo di traffico, l’operazione procede senza intoppi. “ Questo quartiere non è una zona senza legge. C’è un clima più sano, frutto della continua azione dei gendarmi locali impegnati sul terreno, che non si arrendono, osserva il comandante della compagnia dipartimentale della gendarmeria di Annecy. Un altro fattore essenziale è che per noi è un punto d’onore intervenire con calma e rispetto e dare l’esempio in ogni circostanza. »

Risultati convincenti

L’ordigno verrà sollevato alle 20,30. L’operazione ha consentito lo smantellamento di un punto di spaccio e il sequestro di sostanza stupefacente. Oltre all’arresto del trafficante e del suo complice, sono state arrestate quattro persone in possesso di armi bianche e altre tre in possesso di coltelli. Tre persone sorprese in possesso di cannabis sono state sanzionate con una sanzione penale fissa di 150 euro, registrata tramite verbale elettronico. Cinque veicoli sono stati infine multati e rimossi dal sequestro automobilistico per mancanza di assicurazione o ispezione tecnica. “ Questo intervento ha permesso ai gendarmi di intensificare la loro presenza sul terreno, grazie alla messa a disposizione di forze aggiuntive. L’impatto di tale azione è indiscutibile, sia per i delinquenti che per la popolazione. », Stima il capo squadriglia Gillet.

Le operazioni di Place Nette aiutano davvero a spostare l’ago, producendo risultati concreti. Fanno parte di una dinamica globale, volta a destabilizzare i trafficanti e altri delinquenti. A riprova, la precedente operazione Place Nette, effettuata nel dipartimento nell’autunno del 2023, ha permesso ai gendarmi di ottenere informazioni criminali decisive, e quindi di portare avanti questa azione a lungo termine, sequestrando quasi 200 kg di narcotici (tutti soggetti). , in 27 operazioni dal 1 gennaio 2024! », aggiunge il colonnello Benoît Tonanny, comandante del gruppo di gendarmeria dipartimentale dell’Alta Savoia.

  • © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • I gendarmi avanzano su un terreno in leggera pendenza, in mezzo a un gruppo di edifici, nel cuore di una città. Stanno uno dietro l'altro. Possiamo leggere

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gli agenti di polizia chiacchierano con un residente, che può essere visto da dietro. Tutti sono davanti alla porta di un edificio.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un giovane soldato, proprietario di un cane, guida il suo Malinois, indicando con il dito la porta chiusa di un parcheggio/box.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un gendarme tenta di aprire la porta di una stanza, con il corpo inclinato verso la serratura

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un giovane soldato, proprietario di un cane, guida il suo Malinois, addestrato alla direzione delle cassette della posta, nell'atrio di un edificio residenziale.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gendarmi e un agente della polizia municipale stanno parlando in un parcheggio scoperto, circondato da case. È una giornata piovosa.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Due gendarmi parlano con un adolescente che indossa un berretto viola, una giacca rosa, pantaloni da jogging rossi e scarpe da ginnastica. Sono in piedi, nel verde spazio esterno di un residence

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gli agenti di polizia circondano un gruppo di giovani nel parcheggio di un condominio.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un gendarme in uniforme sta di spalle davanti a un edificio cittadino. La sua giacca porta le parole sul retro

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • I gendarmi avanzano su un terreno in leggera pendenza, in mezzo a un gruppo di edifici, nel cuore di una città. Stanno uno dietro l'altro. Possiamo leggere

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gli agenti di polizia chiacchierano con un residente, che può essere visto da dietro. Tutti sono davanti alla porta di un edificio.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un giovane soldato, proprietario di un cane, guida il suo Malinois, indicando con il dito la porta chiusa di un parcheggio/box.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un gendarme tenta di aprire la porta di una stanza, con il corpo inclinato verso la serratura

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Un giovane soldato, proprietario di un cane, guida il suo Malinois, addestrato alla direzione delle cassette della posta, nell'atrio di un edificio residenziale.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gendarmi e un agente della polizia municipale stanno parlando in un parcheggio scoperto, circondato da case. È una giornata piovosa.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Due gendarmi parlano con un adolescente che indossa un berretto viola, una giacca rosa, pantaloni da jogging rossi e scarpe da ginnastica. Sono in piedi, nel verde spazio esterno di un residence

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

  • Gli agenti di polizia circondano un gruppo di giovani nel parcheggio di un condominio.

    © SIRPA-G / BRC Eugénie TAUPIN

-

PREV Ecco il punteggio di Raoul Hedebouw (PTB) alle elezioni 2024: tutto quello che c’è da sapere sui voti di preferenza
NEXT Scioglimento dell’Assemblea nazionale: reazioni in Charente