Secondo rimpasto di governo in meno di due settimane

Secondo rimpasto di governo in meno di due settimane
Secondo rimpasto di governo in meno di due settimane
-

Meno di due settimane dopo la nomina di un nuovo ministro dell’Istruzione superiore, il premier del Saskatchewan Scott Moe ha annunciato un secondo rimpasto di governo.

Il deputato del Saskatchewan per Martensville – Warman, Terry Jenson, diventa il nuovo ministro SaskBuilds e fornitura. Un portafoglio precedentemente detenuto da Joe Hargrave, deputato del principe Albert Carlton.

Meno di cinque ore prima della nomina di Jenson, il Saskatchewan Party ha annunciato su X (ex Twitter) che Hargrave non si sarebbe candidato di nuovo alle prossime elezioni.

Io e la mia famiglia abbiamo riflettuto a lungo sulla situazione. Ho deciso che non potevo impegnarmi per altri quattro anni come parlamentareha scritto in un comunicato stampa diffuso dal partito.

Joe Hargrave ha 22 annie membro del Saskatchewan Party non si ricandiderà alle prossime elezioni previste per l’autunno.

Tra questi ultimi troviamo diversi grandi nomi del governo, in particolare il ministro delle Finanze, Donna Harpauer, il ministro delle Relazioni governative, Don McMorris, l’ex ministro dell’Istruzione superiore, Gordon Wyant, e il ministro responsabile per le imprese la Provincia, Dustin Duncan.

Non c’è dubbio che ci siano candidati esperti che ci lascianoriconosce Scott Moe. Siamo comunque grati per il loro lavoro.

Secondo il primo ministro, queste molteplici partenze non sono legate a una disfunzione interna del partito.

In questo momento si stanno svolgendo diverse riflessioni personali sulle implicazioni dell’essere un parlamentare al giorno d’oggi.spiega il signor Moe.

Un nuovo leader parlamentare per sostituire Jeremy Harrison

Inoltre, il Ministro delle Autostrade, Lori Carr, diventa il nuovo leader parlamentare del governo. Da parte sua, il ministro dei servizi penitenziari, della polizia e della sicurezza pubblica, Paul Merriman, diventa vice capogruppo parlamentare.

Venerdì scorso, Jeremy Harrison ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di leader della Camera del governo. Una decisione presa a seguito di un discorso del presidente della Camera, Randy Weekes, in cui accusava Harrison di averlo intimidito e molestato e addirittura di aver portato un’arma da fuoco nel Palazzo Legislativo.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Jeremy Harrison ha annunciato venerdì di aver rassegnato le dimissioni dalla carica di leader parlamentare del governo. (Foto d’archivio)

Foto: stampa canadese/Heywood Yu

Jeremy Harrison ha confermato la scorsa settimana di aver effettivamente portato un fucile nell’edificio quasi 10 anni fa. Indica che, all’epoca, vi aveva fatto una breve sosta prima di ripartire alla fine della settimana di caccia. Non voleva lasciare il fucile incustodito in macchina.

Interrogato a riguardo dai giornalisti, il Primo Ministro riconosce che Jeremy Harrison ha commesso un a errore di giudizio portando un’arma da fuoco al Palazzo Legislativo.

Spiega anche l’assunzione una parte di responsabilità nei numerosi alterchi avvenuti tra l’ex leader parlamentare e il presidente della Camera.

Di solito ci sono incontri settimanali tra i leader parlamentari e il presidente dell’Assemblea legislativa. Ho appreso che questi incontri hanno cessato di svolgersi regolarmentespiega Scott Moe.

Secondo lui, questi incontri ufficiali sono essenziali per garantire una buona comunicazione tra le diverse parti.

Inoltre, Scott Moe ricorda che esiste una politica anti-molestie nei confronti dei membri dell’Assemblea legislativa.

Invito il presidente [Randy Weekes]se ritiene di essere stato vittima di molestie, sporgere denuncia ufficiale e seguire la procedura prevista a tal fine Egli ha detto.

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey