Nell’Ille-et-Vilaine, 15 milioni di euro per sviluppare le energie rinnovabili

Nell’Ille-et-Vilaine, 15 milioni di euro per sviluppare le energie rinnovabili
Nell’Ille-et-Vilaine, 15 milioni di euro per sviluppare le energie rinnovabili
-

Buone notizie per lo sviluppo delle energie rinnovabili nell’Ille-et-Vilaine. La struttura Energ’iV, che dipende dall’Unione dipartimentale dell’energia, annuncia una raccolta fondi di 15 milioni di euro. Creata nel 2018, questa società a economia mista (SEM) è stata creata in partenariato con Rennes Métropole, il Consiglio dipartimentale, la Banque des Territoires (gruppo Caisse des Dépôts) e tre banche (Crédit Mutuel Arkéa, Caisse d’Epargne e Credito agricolo). La sua missione: investire in progetti di energia rinnovabile (eolico, solare, biogas, NGV, idrogeno e stazioni multienergia) insieme ad attori pubblici o privati.

“Dotata inizialmente di un capitale di 6 milioni di euro, Energ’iV ha sviluppato in cinque anni una cinquantina di progetti di energia rinnovabile che hanno prodotto 26 GWh di elettricità e 30 GWh di biogas nel 2023 e che rappresentano più di 50 milioni di euro di investimenti”, indica la SEM in un comunicato stampa.

Massificazione dei progetti

Per consolidare i progetti, Energ’iV aveva bisogno di ulteriore carburante. Da qui la raccolta di 15 milioni di euro tra i suoi azionisti storici e un nuovo entrante, la Banque populaire Grand Ouest. I nuovi fondi dovrebbero consentire alla SEM di sviluppare più progetti. Obiettivo: aumentare la produzione di elettricità rinnovabile da 26 GWh a 320 GWh entro il 2030, di cui 69 GWh nella metropoli di Rennes. Ciò comporterà in particolare l’accelerazione dei circuiti di autoconsumo e lo sviluppo di piccoli impianti solari montati a terra nelle terre desolate. Per quanto riguarda il biogas, il metano e il calore rinnovabile, non sono oggetto di obiettivi quantificati ma sono ben integrati nel piano di sviluppo. Dal punto di vista finanziario, Energ’iV spera di generare un fatturato sufficiente a partire dal 2028 per “autosostenere le proprie attività e investimenti a partire dal 2029”.

#French

-

PREV Dovrebbe esserci una distribuzione controllata della cocaina in Svizzera?
NEXT Elezioni legislative nel Lot-et-Garonne: i momenti salienti della campagna di mercoledì 19 giugno