Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal: Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal – Lequotidien

Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal: Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal – Lequotidien
Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal: Sovvenzione di coinvestimento USAID in Senegal – Lequotidien
-

“Promuovere una crescita economica inclusiva e sostenibile in Senegal attraverso investimenti di capitale”. Questo è il tema del workshop sulla capitalizzazione che ha riunito stakeholder del coinvestimento, rappresentanti del governo, membri della comunità internazionale e stakeholder del settore privato. Questo incontro, organizzato dal progetto West Africa Trade and Investment Hub, aiuta a rafforzare la competitività del settore privato nell’Africa occidentale adottando un approccio orientato al mercato. Mira inoltre a condividere la conoscenza, incoraggiare l’apprendimento riflessivo, esporre i prodotti e i servizi sviluppati dagli attori del co-investimento e facilitare il networking.

“L’iniziativa ha mobilitato fondi significativi, creato posti di lavoro sostenibili e stimolato il commercio a livello regionale e internazionale collaborando con aziende private”, si legge nel comunicato stampa. Secondo questo documento, USAID, attraverso Trade Hub, ha assegnato 9,1 milioni di dollari in sovvenzioni di coinvestimento a 12 aziende, gestendo 39,7 milioni di dollari a sostegno della creazione di 4.343 posti di lavoro coinvolgendo 24.946 piccoli proprietari terrieri. Un sostegno significativo che Salamba Dieng, direttore generale di un’azienda locale di trasformazione di prodotti locali, non dimenticherà presto. “L’USAID ci ha formato su molte cose. È stata una collaborazione che non dimenticherò per tutta la vita. Se non fosse stato per questo progetto, non sarei qui oggi, ad aspirare a grandi cose”, ha dichiarato. Secondo lei, è dal Covid-19 che USAID e Trade Hub li hanno sostenuti. “È un supporto fondamentale che ci ha permesso oggi di diventare una SMI. Vogliamo crescere ed essere tra le grandi aziende senegalesi. Ci stiamo dando i mezzi per raggiungere questo obiettivo. USAID e Trade Hub ci hanno supportato su due fronti. Innanzitutto il sostegno finanziario per 900mila dollari e sul piano tecnico. Va detto che il sostegno finanziario non è definitivo. Abbiamo iniziato con 400mila dollari, loro hanno visto durante tutto il progetto che la compagnia poteva assorbire più capitale, hanno aumentato”, ha magnificato, sottolineando che anche lo Stato del Senegal ha concesso loro il suo aiuto.

“Abbiamo anche beneficiato dell’aiuto dello Stato del Senegal attraverso programmi come l’Upgrading Office. Oggi abbiamo anche fatto un breve investimento per l’acquisizione delle nostre macchine industriali con l’Upgrade Office. Lavoriamo anche in stretta collaborazione con Asepex e Adepme sull’esportazione dei prodotti”, ha testimoniato.
Questo sostegno da parte di USAID e Trade Hub ha consentito agli imprenditori senegalesi di fare molte cose oggi.

“Produciamo cereali locali a base di miglio, fonio, bissap, “haraw”, burro di karitè. Questi prodotti vengono acquistati da produttori locali, lavorati dai senegalesi e venduti all’estero. Vendiamo anche polvere di pane di scimmia in Giappone. Esportiamo in Francia, Olanda, tra le altre destinazioni. Esportiamo l’80% della produzione. I senegalesi vendono i loro prodotti all’estero. Quando vedo la kinoa e la portata globale di questo prodotto, dico che la kinoa, in termini nutrizionali, non è migliore del miglio. Abbiamo ottimi prodotti”, si è rallegrato il leader aziendale.

Di fronte a tutta questa gamma di prodotti e alla loro utilità alimentare, Salamba Dieng esorta i senegalesi a consumare localmente per risolvere non solo il problema del deficit bancario, ma soprattutto l’importazione di prodotti alimentari dall’estero. “Dobbiamo consumarli per ridurre le nostre importazioni e risolvere il problema del deficit della bilancia commerciale. Si tratta di prodotti naturali al 100% che fanno molto bene agli esseri umani”, ha affermato.
Di Justin GOMIS – [email protected]

-

PREV Castelnau Montratier-Sainte Alauzie. Il mulino della Boisse, protagonista delle giornate del patrimonio
NEXT 229 km/h in autostrada: l’automobilista viene catturato dalla polizia e la sua Tesla sequestrata