Scomparsa di Lina, 15 anni, nel Basso Reno: la madre lancia un appello straziante che potrebbe rivelarsi decisivo

Scomparsa di Lina, 15 anni, nel Basso Reno: la madre lancia un appello straziante che potrebbe rivelarsi decisivo
Scomparsa di Lina, 15 anni, nel Basso Reno: la madre lancia un appello straziante che potrebbe rivelarsi decisivo
-

Non dà alcun segno di vita da più di otto mesi. Lina, 15 anni, è scomparsa il 23 settembre 2023 mentre si recava alla guardia di Saint-Blaise-la-Roche, nel Basso Reno. Originario di Plaine, l’adolescente aveva in programma di prendere il treno delle 12:05 per Strasburgo. Doveva incontrare lì il suo fidanzato diciannovenne, Tao. Purtroppo non è mai arrivata a destinazione.

Otto mesi dopo quel fatidico giorno del 23 settembre, La madre di Lina, Fanny Groll, continua instancabilmente le ricerche. Mentre la sua associazione “Les Bonnes Étoiles de Lina” fa tutto il possibile per ritrovare le tracce dell’adolescente, lei stessa fa numerose apparizioni sui media affinché sua figlia non venga dimenticata. Questo martedì, 28 maggio 2024, farà la sua apparizione Chiamare testimonilo spettacolo di Julien Courbet dedicato ai casi legali irrisolti.

“Ho bisogno di sapere dov’è Lina.”

In questo nuovo numero, Fanny Groll fa una chiamata straziantecome rivelato in un primo estratto recentemente rivelato da M6. “Ho bisogno di sapere dov’è Lina, ho bisogno di sapere come sta, ho bisogno di sapere dov’è mia figlia e ho bisogno di capire. È un’incomprensione, è uno shock (…) tutto quello che stiamo vivendo qui non è quindi possibile!”, si dispera sullo schermo.

Anche se questo ulteriore ricorso può sembrare inutile, in realtà potrebbe segnare una svolta decisiva nelle indagini. Dal suo lancio nel giugno 2021, lo spettacolo Chiamare testimoni ha già dimostrato la sua efficacia nella risoluzione di casi apparentemente disperati. Nel giugno 2023, ad esempio, la messa in onda di un numero dedicato alla scomparsa di Tessa Raimbault ha permesso di risolvere il caso dopo quattro anni di peregrinazione.

Chiama testimoni, questo spettacolo che fa miracoli con i casi irrisolti

Tessa Raimbault, 17 anni, è stata trovata morta il 20 dicembre 2018 sul ciglio di una strada a Saint-Julien-de-Concelles (Loira Atlantica). Nessuna delle strade esplorate dalla polizia aveva prodotto il minimo risultato fino alla messa in onda, il 12 giugno 2023, del programma Chiamare testimoni.

Due giorni dopo l’intervento di Julien Courbet, una persona ha contattato la gendarmeria di Rezé indicando di aver ricevuto la confessione da uno dei suoi amici. Quest’ultimo è stato poi rinviato a giudizio per omicidio colposo aggravato dalla circostanza dell’omissione di soccorso. Rischia sette anni di carcere.

-

PREV conosciamo i candidati nelle circoscrizioni elettorali della Mosella
NEXT Limoux. Una celebrazione di mezza estate con Aude come protagonista