Villeneuve-la-Garenne: gli inquilini di La Rotonde si sentono isolati dal cantiere del mercato

Villeneuve-la-Garenne: gli inquilini di La Rotonde si sentono isolati dal cantiere del mercato
Villeneuve-la-Garenne: gli inquilini di La Rotonde si sentono isolati dal cantiere del mercato
-

A più di due mesi dall’incendio che ha colpito parte dell’edificio, l’incendio brucia ancora alla Rotonde, questo edificio nel centro di Villeneuve-la-Garenne. È tra gli inquilini che monta la rabbia. Nel mirino, il colossale cantiere del nuovo mercato, proprio sotto le loro finestre. “Runeremo le nostre rivendicazioni in una petizione che indirizzeremo al municipio e al locatore 3F”, promette un residente.

La costruzione del nuovo mercato ha comportato l’installazione di palizzate, sottili lastre di metallo che isolano la Rotonda dal cantiere. “Con i contenitori dell’immondizia davanti ai padiglioni riusciamo a malapena a passare”, denuncia Laurence. Ma la cosa peggiore è che i veicoli di emergenza non possono accedere all’edificio. »

Man mano che la discussione procede, le lamentele si accumulano. Come questo tubo strappato in cantiere, privando temporaneamente l’edificio dell’acqua. “Siamo stati convocati anche per un incontro per verificare la struttura al livello dei box, nel seminterrato. Volevano sapere se c’erano delle crepe. È stato allora che mi sono reso conto dei rischi», aggiunge un altro inquilino.

Parcheggio scomodo

“Ci sono sempre dei fastidi in un cantiere, d’accordo, ma ciò non deve compromettere la sicurezza degli inquilini”, ritiene Hajara. “Tra i contenitori dei rifiuti e le auto parcheggiate alla rinfusa non può passare un mezzo di soccorso. Era già successo il giorno dell’incendio. È un disastro”, riassume Cathy, proprietaria di un parrucchiere.

L’inquietudine è tanto maggiore in quanto l’incendio di marzo ha lasciato il segno nella mente delle persone. «Non c’è ancora l’ascensore. Devo venire da lontano per fare la spesa per mia madre che è anziana e bloccata ad un piano alto. Quindi sì, sono preoccupata”, sospira una giovane donna.

Villeneuve-la-Garenne, 18 maggio. Un pugno di abitanti della Rotonde, questo edificio che domina il cantiere del nuovo mercato, si sente offeso. Chiedono più sicurezza e informazioni.

A poche decine di metri, Pascal Pelain, sindaco (UDI), cerca di disinnescare la ribellione. Parte dei disagi deriva dalla natura del cantiere. Questo colossale progetto costa più di 20 milioni di euro, di cui 12 solo per la costruzione del mercato, il resto per il parcheggio sotterraneo e lo sviluppo dell’area circostante. Il tutto dovrà essere messo in servizio entro la fine del 2025.

“Il primo passo è la deviazione delle reti, acqua, gas, elettricità”, ricorda l’eletto. Solo che non tutti i tubi sono rappresentati esattamente sulle planimetrie. “Un tubo situato a 1 metro di profondità era ben referenziato. Non quello che è stato strappato a 3 metri di distanza”, cita come esempio Pascal Pelain.

Per quanto riguarda l’accesso dei vigili del fuoco o dei servizi di emergenza, il sindaco di Villeneuve vuole essere rassicurante. “I cancelli e le recinzioni sono progettati per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso”, assicura. Il vero problema sono le auto parcheggiate in modo casuale. Sono stati loro ad ostacolare l’azione dei vigili del fuoco il 17 marzo! »

-

PREV Guillermo Garcia si diverte e il Quebec ottiene la sesta vittoria consecutiva
NEXT Sottomarini per il Marocco? Navantia risponde