SERFIM TIC innova per la gestione dell’acqua nella metropoli di Lione

-

SERFIM TIC e Albertazzi (SERFIM Eau) hanno vinto il mercato dell’Acqua Grande Lione per la sostituzione di centinaia di sensori obsoleti (chiamati datalogger). Ma anche astucci Mobil’Eau per utilizzatori professionali.

Nell’ambito di questa importante operazione tecnica, SERFIM TIC e Albertazzi hanno optato per una soluzione basata sull’Internet delle Cose (IoT – Internet of Things) con l’installazione di datalogger collegati ai contatori dell’acqua. Oltre alla segnalazione delle informazioni di flusso e pressione dalle tubazioni, tramite una rete di telecomunicazioni 4G, questo monitoraggio in tempo reale garantirà il rilevamento proattivo delle perdite. L’idea è garantire la qualità e l’affidabilità della fornitura di acqua potabile nella metropoli di Lione.

Abbiamo risposto a questo bando con Albertazzi perché siamo al confine tra i nostri due business, l’acqua e l’Internet of Things. In un’epoca in cui l’acqua è diventata una risorsa preziosa e vitale, l’Internet of Things contribuisce a un migliore monitoraggio delle reti di distribuzione », testimonia Marc Charrondière – responsabile dello sviluppo IoT presso SERFIM TIC

  • JCB18Z
  • kobelco sk75

Albertazzi, operando quotidianamente nei mercati della Grande Lione, mette a disposizione di SERFIM TIC la sua esperienza nel settore dei tubi. Con tutte le competenze e le risorse disponibili così messe in comune, portiamo risorse e conoscenze aggiuntive. La sinergia è il nostro motore di performance », assicura Fabien Archier – Responsabile Agenzia Albertazzi Vienna e Responsabile Attività di Pompaggio.

Rinnovo delle valigie Mobil’Eau

Le custodie Mobil’Eau di Eaux du Grand Lyon sono un dispositivo mobile di misurazione del consumo d’acqua che offre ai professionisti la possibilità di monitorare i propri consumi quando si collegano alla rete dell’acqua potabile (nei cantieri ad esempio). Per migliorarne il funzionamento, SERFIM TIC interviene per aggiornarli. Le tubazioni verranno mantenute mentre i sistemi GPS e di telelettura verranno integrati nei contatori esistenti.

La sfida è garantire autonomia alle valigie per diversi anni utilizzando la rete di telecomunicazioni NB-IoT (equivalente al 4G a bassa velocità) in sostituzione dell’attuale rete 2G. I dati di consumo rilevati dai sensori rimandano ad una piattaforma software progettata da SERFIM TIC che elabora questi dati (rilevamento perdite, controlli di flusso e consumo, ecc.) e consente di ridurre i rischi di rifiuti, contribuendo così alla preservazione delle risorse idriche.

Territori intelligenti e responsabili

Le reti a bassa velocità sono perfettamente adatte all’Internet delle cose. Le loro caratteristiche permettono di mettere in rete una moltitudine di sensori e altri oggetti connessi per rendere i nostri territori più intelligenti e responsabili.
SERFIM TIC riafferma il suo impegno per l’innovazione e la sostenibilità con questi contratti vinti per Eaux du Grand Lyon. Sviluppando un approccio innovativo, SERFIM TIC si impegna a creare un prodotto su misura, caratterizzato da una tecnologia a bassissimo consumo e da una maggiore autonomia. Contribuendo così alla preservazione della preziosa risorsa che è l’acqua, SERFIM TIC dimostra ancora una volta il suo impegno per un futuro sostenibile e responsabile.

#French

-

PREV Cadetti del Tour du Cantal: doppio colpo per Corrézien Lancelot Gayant nel corso della quarta tappa
NEXT CARTE. Un buon inizio d’anno, una Francia ben bagnata, il 70% delle falde freatiche sono al di sopra della norma