Liberate due linci nel massiccio del Giura – macommune.info

-

foto d’archivio © Schermata video di Facebook Centre Athénas

Per uno di loro, trovato con ferita da arma da fuoco, è attualmente aperta un’indagine giudiziaria per tentata distruzione, condotta sotto l’autorità del Pubblico Ministero al fine di individuare i responsabili di tale reato (punibile con la pena massima di 3 anni in carcere e 150.000 euro di multa) che danneggia gravemente la popolazione della lince in Francia. Le due femmine sono state accudite e riabilitate dal centro di cura Athenas, struttura faunistica specializzata nella specie.

La lince boreale, il più grande felino selvatico presente in Europa, è una specie minacciata e rigorosamente protetta a livello internazionale e nazionale, il cui stato di conservazione è un tema importante per la Francia. Il massiccio del Giura ospita l’80% della popolazione di linci. La nostra regione ha quindi una responsabilità particolare nei confronti di questa specie.

Attualmente le due principali minacce che gravano sulla specie sono gli incidenti stradali e le distruzioni illegali che da sole rappresentano oltre l’80% della mortalità.

Dotato di collare GPS

Questo rilascio è disciplinato da un decreto ministeriale del 1 luglio 2022. I servizi statali (Dipartimento Prefetture, DREAL Bourgogne-Franche-Comté, DDT, Ufficio francese per la biodiversità) garantiscono il rispetto delle disposizioni previste.

Le linci erano dotate di un collare VHF/GPS per garantirne la sicurezza e raccogliere informazioni sul loro reinserimento e riabilitazione nell’ambiente naturale.

Gli interventi per la cura della lince ferita e più in generale per la preservazione della specie si inseriscono nel quadro più ampio del Piano d’azione nazionale a favore della lince boreale, di cui DREAL Bourgogne-Franche-Comté e l’Ufficio francese per la Biodiversità assicurano il coordinamento e animazione per conto dello Stato (sito dedicato alla lince dell’ANP).

Questo piano, che mobilita tutte le parti interessate (rappresentanti associativi, scienziati, rappresentanti delle attività socioprofessionali, allevatori, cacciatori, ecc.) mira a riportare la specie ad uno stato di conservazione favorevole. Questo primo Piano d’Azione Nazionale quinquennale costituisce un primo passo verso il raggiungimento di questo obiettivo a lungo termine.

Comunicato

3da4644c51.jpg

Una 28a lince rilasciata dal Centro Athénas

Vittima del bracconaggio nel febbraio 2023, una lince è stata liberata il 6 maggio 2024 dopo essere stata curata e accudita per 15 mesi dal Centro Athénas, che mercoledì ha pubblicato la notizia sui suoi social network.

#French

-

PREV Dopo il temporale si avvertono miglioramenti in Val-du-Lac
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey