[Communiqué] Mangiare biologico in mensa, sì, è possibile a Reunion!

[Communiqué] Mangiare biologico in mensa, sì, è possibile a Reunion!
[Communiqué] Mangiare biologico in mensa, sì, è possibile a Reunion!
-

Nella mensa, ogni pasto scolastico potrebbe non solo nutrire i nostri figli, ma anche preservarne la salute, le risorse, la biodiversità e il clima: questo è esattamente ciò che Génération Ecologie vuole che i comuni della Reunion realizzino con l’implementazione delle mense biologiche.

Scritto da zinfos974 – lunedì 27 maggio 2024 alle 8:43

Le nostre priorità sono chiare in questo contesto: la salute dei nostri figli, il sostegno al settore locale dell’agricoltura biologica e la riduzione della nostra impronta ecologica. Inoltre, vogliamo promuovere l’educazione sanitaria organizzando laboratori per educare i nostri figli sull’importanza di una dieta sana (senza pesticidi, senza sostanze chimiche).

I nostri comuni possono selezionare e collaborare con produttori biologici locali che garantiscono la fornitura di prodotti sani, freschi e di stagione. Successivamente, l’ecosistema verrà gradualmente messo in atto per garantire la regolarità e la qualità delle consegne. I menù saranno studiati con il lavoro di nutrizionisti, in modo da elaborarli in base alle esigenze nutrizionali dei nostri bambini, includendo, ovviamente, due volte a settimana un pasto vegetariano gustoso ed equilibrato. Mangiare meno carne, infatti, contribuisce anche a ridurre il nostro impatto sul clima.

Inoltre è possibile realizzare sistemi di compostaggio dei rifiuti organici della ristorazione scolastica, programmi di riciclo per ridurre i rifiuti e preservare le risorse naturali. Questa iniziativa comprende contenitori per il riciclaggio, servizi di raccolta regolari, centri di smistamento e campagne di sensibilizzazione per incoraggiare la partecipazione di tutti.

La partecipazione dei genitori è essenziale, motivo per cui è necessario organizzare incontri preliminari al progetto per comprendere le loro esigenze e preoccupazioni. Questo approccio partecipativo è al centro del nostro approccio eco-cittadino.

Mentre il governo, sotto l’influenza della lobby agrochimica, sta organizzando il grande salto indietro nella politica agricola e alimentare, i nostri funzionari eletti a livello locale si stanno attivando! Lo dimostra così il lavoro di Laetitia Thomas, consigliera comunale e metropolitana di Génération Ecologie a Faches-Thumesnil (comune di 18.000 abitanti nel dipartimento del Nord) che ha creato mense biologiche nel suo comune: mangiare sano con prodotti 100% locali e di stagione è fattibile.

Génération Ecologie e tutti gli attivisti per una buona alimentazione locale e sana si impegnano a garantire l’accesso al cibo biologico a tutti gli studenti dell’Isola della Riunione.

Vincent DefaudDirettore d’Oltremare del Consiglio Nazionale per l’Ecologia della Generazione, Referente del Dipartimento per l’Ecologia della Generazione La Réunion

Jessica Sarpedontevicerappresentante sud della Génération Ecologie La Réunion

#French

-

PREV PERCORSO. La fiamma olimpica arriva in Guadalupa: traffico, orari e divertimenti… tutto quello che c’è da sapere su sabato 15 giugno 2024
NEXT VIDEO. Euro-2024: quando un ex venditore del Lot-et-Garonne arbitra la partita inaugurale tra Germania e Scozia a Monaco