Antiquariato Chez Aïcha: il segreto ben custodito di Ville-Émard

-

Questa simpatica grotta di Ali Baba attira già da 24 anni gente del posto e molti frequentatori abituali. Vengono regolarmente a fare il loro piccolo giro, frugando tra i mobili e gli oggetti accatastati e ben sistemati. Qui troviamo sicuramente qualcosina, e non necessariamente quello che cercavamo inizialmente!

Natalie Sicard

“Ognuno ha diritto alla felicità” è la frase preferita della proprietaria, Farida, che ha lasciato la sua nativa Tunisia nel 1990 per stabilirsi a Montreal. Mentre sistemava la sua casa, è rimasta piacevolmente sorpresa dalla quantità di oggetti e mobili che stava risparmiando, perché nel suo paese la gente dona invece di buttarli via. Rifinire e riverniciare i mobili è diventato il nuovo hobby di chi già amava l’arredamento. Una volta che la sua casa fu ben fornita, ne vendette anche alcuni ai vicini. Da qui l’idea di aprire il suo negozio.


Natalie Sicard

Quando ha presentato il suo business plan al quartiere, le è stato detto: “Ma cara signora, questo è un quartiere povero, pensa davvero che venderà cose usate?” E ancora! Da quasi un quarto di secolo i suoi reperti, comprati, ritrovati e braccati qua e là, attirano il quartiere e i nuovi residenti che si insediano nella zona. Antiquariato, mercatini, Farida fa in modo di avere un po’ di tutto e soprattutto a prezzi molto convenienti, perché “ognuno ha diritto alla sua piccola felicità”, una bella tazza, un vecchio piatto, un bicchiere fantasia, che rallegra il loro quotidiano.

Nostalgia del passato

Lo spazio di 1.800 piedi quadrati, distribuito su due piani, è infatti pieno di reperti. Tazzine da caffè, stoviglie colorate o fumè, in porcellana italiana, Pyrex o maiolica blu, provenienti dall’Inghilterra, dalla Francia, dall’Olanda o dal Portogallo, puoi trovare il pezzo che impreziosirà la tua tavola. Numerosi e variegati anche gli apparecchi di illuminazione: dalla lampada a nastro al lampadario a sospensione in stile Liberty, passando per la lampada provenzale francese e il suo arlecchino o il mappamondo anni settanta che è apparso in un film sulla mafia. Il seminterrato è pieno. In questo gioioso bric-à-brac, “ci sono clienti che a volte si sentono commossi nel trovare un oggetto che ricorda loro la loro giovinezza o addirittura la casa dei loro nonni e perfino dei bisnonni”.


0525 CASA Seconda vita

Natalie Sicard

“La gente è nostalgica”, dice la donna che conosce la storia di quasi ogni pezzo che ha portato alla luce in un mercatino delle pulci, in una svendita o in un lotto rimasto dal set di un film. E si diverte a raccontarlo, il che rende l’atmosfera accogliente e favorevole agli incontri e agli scambi. Rischia di diventarlo ancora di più nel prossimo futuro, quando sua figlia Aïcha rileva l’attività, per aggiungere una sala da tè: “Un progetto nell’aria per festeggiare il nostro 25° anniversario l’anno prossimo”, mi ha confidato il proprietario un sorriso.


0525 CASA Seconda vita

Natalie Sicard

Per saperne di più consultare:

Facebook e Instagram: mercatino delle pulci e antiquariato Chez Aicha

Negozio Etsy: Mercatino delle pulci ad Aicha

-

PREV Calo del 44% degli sbarchi di pesca nel porto di Laâyoune a fine aprile
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey