Il ritorno dell’austerità al PLQ: “È un passo falso”, secondo un esperto

-

Uno dei momenti chiave del consiglio generale del Partito Liberale del Quebec (PLQ) è il ritorno alle origini sul piano economico, con possibili discussioni sull’austerità. Per un direttore delle relazioni politiche, questa è una decisione sbagliata.

• Leggi anche: I liberali celebrano Philippe Couillard e vogliono un ritorno al “rigore” di bilancio

• Leggi anche: 81 giovani sostengono Charles Milliard: Beauchemin fiducioso di trovare sostegno anche tra i 16 ei 25 anni

• Leggi anche: Tre partiti, tre consigli in Quebec questo fine settimana

“È stato un buon inizio per il Partito Liberale del Quebec, abbiamo visto tutti i leader riuniti sotto lo stesso tetto, era da molto tempo che non lo vedevamo dal PLQ”, sottolinea Jeremy Ghio, direttore delle relazioni pubbliche TATTO.

“Per me, alla fine della settimana è stato commesso un passo falso, che ha riportato sul tavolo lo spettro dell’austerità liberale”, aggiunge.

Ciò riporterebbe brutti ricordi agli abitanti del Quebec dei governi precedenti. A lungo termine, una scelta del genere potrebbe nuocere ai liberali, secondo Ghio.

Il deputato liberale Frédéric Beauchemin ha dichiarato sabato mattina durante la conferenza che il Quebec deve assumere più insegnanti e che non sarà tagliando la spesa pubblica che ciò avverrà. Secondo Jeremy Ghio è perfettamente accettabile criticare la gestione delle finanze del CAQ, senza necessariamente parlare di austerità.

Foto Marc-André Gagnon

Il direttore cita un esempio: “il partito avrebbe potuto, ad esempio, affermare che non avrebbe inviato assegni di 600 dollari e che non avrebbe abbassato le tasse”.

Questa posizione per i liberali, che si autoproclamano “l’unico partito dell’economia”, sarebbe stata forse più vantaggiosa che riportare in auge lo spettro dell’austerità liberale che li aveva scossi durante le elezioni del 2018, secondo lui.

Una corsa alla leadership sempre più interessante

Se il PLQ ha scelto di “allungare la salsa” della corsa per la leadership del PLQ fino al gennaio 2025, il direttore deve vedere che in definitiva si tratta di una buona decisione.

Al momento in cui scriviamo, cinque candidati hanno espresso interesse: Frédéric Beauchemin, Karl Blackburn, Denis Coderre, Charles Millard e Antoine Tardif.


Schermata, LCN

L’ala giovanile del PLQ darebbe il proprio sostegno a Charles Millard.

La gara inizierà a gennaio 2025, ma i concorrenti avranno tempo fino ad aprile per presentare la propria candidatura. La scelta del prossimo leader avverrà nel giugno 2025.

Guarda l’intervista completa nel video qui sopra.

-

PREV Eure: hanno assistito a tre riprese di Douze coups de Midi
NEXT INFORMAZIONI UTILI. Crisi in Nuova Caledonia: le navette marittime continuano questa mattina le loro rotazioni, i voli Aircalin modificati e la fornitura di gas continua