Accoglienza prescolare: “Cosa vogliamo per i nostri figli?”

-
Immagini Getty

L’assistenza prescolare sta attraversando un momento cruciale. Il 9 giugno la popolazione di Ginevra deciderà se vuole abolire le pratiche professionali della prima infanzia, cioè un regolamento che regola le condizioni di lavoro del personale. A Ginevra, la legge impone alle strutture (asilo nido, scuola materna, asilo nido) di essere firmatarie di un contratto collettivo di lavoro (CCT) o di impegnarsi a rispettare le pratiche in vigore nel settore, in base al settore pubblico.

Se sì, questi verrebbero aboliti a favore del salario minimo. Una modifica che varrebbe in 57 strutture, prevalentemente asili nido privati. I sostenitori lo vedono come un modo per incoraggiare la creazione di nuove strutture. Gli oppositori temono un deterioramento della qualità dell’assistenza all’infanzia.

Lotta contro la sottoofferta salariale

“L’applicazione delle pratiche professionali è una tutela essenziale. Si tratta di un meccanismo per lottare contro la sottoquotazione salariale, di cui questo settore è stato vittima. Farlo esplodere è un attacco diretto alle condizioni di lavoro di queste professioni essenzialmente femminili», insiste Amanda Ojalvo, del comitato referendario.

Senza contare che “questo creerà disparità di trattamento”: da un lato i dipendenti delle strutture con CCT (dove gli stipendi saranno più alti), dall’altro gli istituti dove verrà applicato il salario minimo.

“Stiamo assistendo ad una fuga di competenze”

“Questa modifica non avrà alcun impatto sulla creazione di nuovi asili nido o sui prezzi degli asili nido privati”, avverte Valérie Buchs, del sindacato SIT. Viceversa, si rischia di peggiorare la situazione. “Chi vorrà lavorare dove le condizioni di lavoro sono peggiori? E questo in un contesto in cui il reclutamento è già difficile. Assisteremo a una fuga di competenze”, assicurano gli avversari.

Scarsa qualità della ricezione

Peggio ancora, secondo loro, i grandi perdenti saranno i bambini. Perché le pratiche professionali non regolano solo gli stipendi. “Ci garantiscono sette giorni di formazione all’anno. In un campo in continua evoluzione, ciò è essenziale, ritiene Maurice Perrier, dell’Associazione ginevrina degli educatori dell’infanzia. Anche il tempo di preparazione previsto è molto importante. Lo usiamo per fare il punto sulla situazione dei bambini, discutere le cose da mettere in atto e ascoltare i genitori. Senza questo tempo, il nostro compito si ridurrà alla guardia!”

“I primi anni di un bambino sono cruciali. Le pari opportunità dipendono molto da questo. Cosa vogliamo per i nostri figli?”, riassume Amanda Ojalvo.

Dopo di noi, a chi tocca?

Gli oppositori sottolineano che l’applicazione delle pratiche riguarda anche altri ambiti di attività. “Accettare di farne a meno nel settore prescolare creerà un precedente e sarà una porta aperta per altre professioni. Dopo gli asili nido, chi sarà il prossimo?”, si chiede Davide De Filippo della Comunità d’azione sindacale di Ginevra.

Incoraggiare l’apertura di nuovi asili nido

“Non abbiamo nulla contro gli usi professionali”, assicura Pierre Nicollier, presidente del PLR, favorevole alla modifica della legge. In questo caso, questa è una situazione speciale. Chiediamo agli asili nido privati ​​– che fanno campagna per il sì – di allinearsi al funzionamento delle strutture comunali. Questo è il nocciolo del problema! Questo è un ulteriore passo verso una municipalizzazione che non dice il suo nome. Il quadro giuridico è troppo rigido e costituisce un ostacolo all’apertura di nuovi posti”.

Un’opinione condivisa dal centrista Sébastien Desfayes, su iniziativa del disegno di legge. “Oggi mancano circa 3.200 posti. L’obiettivo di questa legge è incoraggiare l’apertura degli asili nido e la soluzione migliore è fare appello al settore privato. Tuttavia è costretto a offrire condizioni di ingaggio molto favorevoli e difficili da mantenere. Dall’introduzione degli usi nel 2020 hanno dovuto chiudere tre asili nido privati. Se gli usi persistono, ne seguiranno altri e ci troveremo di fronte ad un problema di carenza senza soluzione”.

“Un argomento fallace”

Quanto ad un possibile peggioramento della qualità dell’accoglienza e al problema delle assunzioni, i due eletti non ci credono. “Questo è un argomento bugiardo e fallace! Giochiamo con le corde del cuore spaventando la gente, ritiene Pierre Nicollier. Non solo i professionisti continueranno ad essere qualificati e il tasso di supervisione rimarrà lo stesso, ma anche le strutture private dovranno offrire un quadro di qualità per attrarre personale. Lo stipendio è sicuramente importante, ma possiamo offrire anche altri vantaggi: più flessibilità, possibilità di crescita, accesso ad una palestra, ecc..”

Altrove va tutto bene!

Per il deputato di Centro basta guardare cosa succede altrove. «Gli usi esistono solo a Ginevra. Tuttavia non ho l’impressione che a Neuchâtel, a Berna o nel Canton Vaud ci siano problemi. Al contrario, Ginevra è l’unica ad applicare queste pratiche e, come per caso, è qui che si registra una carenza di posti assolutamente sorprendente».

La giustizia governa a favore degli oppositori

All’inizio di maggio il Tribunale federale (TF) si è pronunciato a favore dell’utilizzo professionale della prima infanzia. In una sentenza ha confermato la condanna di un asilo nido privato ginevrino che non li ha applicati. Secondo i giudici, vi è “evidente interesse pubblico” a garantire che la loro attuazione sia rispettata, perché questa pratica contribuisce a “garantire la qualità della supervisione dei minori in accoglienza”.

-

PREV Rapporto nel corso di un’esercitazione dei vigili del fuoco della Senna Marittima che ha coinvolto 50 vittime
NEXT Verso un “no” all’iniziativa “Per le emergenze pubbliche locali 24 ore su 24, 7 giorni su 7” nel cantone di Friburgo – rts.ch