Di fronte alle richieste del municipio, un festival di musica metal vince la causa nel Morbihan

Di fronte alle richieste del municipio, un festival di musica metal vince la causa nel Morbihan
Di fronte alle richieste del municipio, un festival di musica metal vince la causa nel Morbihan
-

Il municipio di Saint-Nolff pensava di vietare il bar e i concerti dopo le 22 del festival di musica rock e metal che si è aperto questo venerdì 24 maggio per tre giorni. Richiesta d’urgenza di un provvedimento di libertà sommario, la giustizia amministrativa ha annunciato che non si pronuncerà, ma ha stabilito che le richieste degli organizzatori del festival non erano tardive.

Mentre gli appassionati di rock e metal cominciavano ad arrivare nella sede rurale del nuovo festival Re-Animator, al Vieux Moulin vicino a Saint-Nolff, questo venerdì 24 maggio il sindaco del comune di Morbihan ha deciso di concedere le autorizzazioni necessarie per aprire un locale temporaneo per bere e per consentire la prosecuzione dei concerti oltre le 22:00. Un epilogo che consente, secondo gli organizzatori di questa prima edizione, di svolgere il festival “in buone condizioni”.

Il raduno, sotto il patrocinio di un altro festival metal, Motocultor, ritiene che la pressione esercitata dall’azione legale abbia permesso questo risultato a suo favore. Di fronte al rifiuto del municipio di concedere le esenzioni necessarie, è stata presentata una richiesta di provvedimenti provvisori al Tribunale amministrativo di Rennes, questo giovedì 23 maggio 2024, poche ore prima del lancio di Re-Animator, che presenta i concerti di una ventina di gruppi rock su due palchi, nell’arco di tre giorni.

Mentre l’istituto per bere garantisce “un terzo della ricetta” del festival, gli organizzatori e in particolare i team del Motocultor Fest Prod temevano per l’equilibrio finanziario dell’associazione organizzatrice.

>>

La locandina del nuovo festival, Re-Animator

©DR

I servizi comunali di Saint-Nolff avevano infatti ricevuto la richiesta relativa al locale di ristorazione il 22 maggio 2024. Ma “è tempo di analizzare” non è bastato, per il sindaco Nadine Le Goff-Carnec. Riteneva che l’associazione lo fosse “fuori tempo”.

“Non avrei avuto difficoltà a constatare l’illegittimità della decisione non essendo previsto alcun termine di legge” riguardo a presentare tali richieste, ha affermato il magistrato del tribunale amministrativo, alla presenza del sindaco di Saint-Nolff.

Alla fine, all’ultimo minuto, il Comune ha rilasciato le autorizzazioni e la festa si terrà “senza la spada di Damocle” sopra la testa, secondo gli organizzatori. Nel corso dell’udienza il giudice ha subito annunciato che avrebbe rilasciato una “non c’è bisogno di giudicare”.

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey