Ciclismo. Nel 2024 è dura per il Team Bricquebec Cotentin

Ciclismo. Nel 2024 è dura per il Team Bricquebec Cotentin
Ciclismo. Nel 2024 è dura per il Team Bricquebec Cotentin
-

Di

Baptiste Hue

pubblicato su

24 maggio 2024 alle 12:56

Vedi le mie notizie
Segui La Presse de la Manche

Questo è un primo passo complicato per te e per il Team…

Sì… è difficile! Personalmente speravo di riuscire a superare lo scoglio del circuito finale. Ma, con la mia taglia, non è bastato. Insomma, è una prima giornata complicata per me e per tutta la squadra. Non abbiamo molte persone davanti… Quindi, ora ci concentreremo sulle tappe piuttosto che sul generale.

Personalmente sei lontano dal livello della scorsa stagione. Come lo spieghi?

E’ vero, quest’anno faccio un po’ fatica. È l’anno delle Olimpiadi, l’anno più importante della mia carriera e non riesco a ritrovare la forma, è ancora stupido. E non riesco a spiegarmelo! Sicuramente mi sono infortunato al ginocchio quest’inverno, ma oggi va tutto bene, quindi non credo che sia quello.

“Ero un robot ed ero infelice”

Come stai affrontando questa situazione?

È molto difficile mentalmente passare da una grande stagione 2023, con sette vittorie, a questa difficile stagione 2024 in cui ho difficoltà a finire le mie gare. Mi chiedo: sono in declino? Cerco soluzioni, ma non le trovo.

All’inizio della stagione hai detto che volevi fare tutto al millimetro nel 2024…

Questo è quello che ho fatto! Ho sempre detto che avrei svolto il lavoro al 100% l’anno delle Olimpiadi. Ho passato 5 mesi vivendo la vita di un atleta olimpico, pensando solo alla bici, bici, bici… Ma ho l’impressione che per me non funzioni. Al contrario, mi ha seppellito. Ero un robot ed ero infelice. Quindi ho deciso di fare come prima, di vivere una vita “normale”, di mangiare quello che voglio quando lo voglio. E già le cose vanno molto meglio. Riesco a finire di nuovo la spesa, cosa che non accadeva due mesi fa.

La tua selezione per le Olimpiadi è in pericolo?

Sì e no… Fondamentalmente la mia partecipazione era sempre stata prevista. Ma in effetti, se non sarò al livello durante lo stage di giugno, è chiaro che non andrò. Non ha senso andare alle Olimpiadi per essere cattivo. Ma ehi, sono ancora fiducioso perché, in pista, le cose stanno ancora andando bene. Se a giugno mi esibirò al mio livello, dovrebbe bastare. Nel frattempo sono qui al Tour de la Manche per collezionare traguardi.

Pensi comunque di poter fare risultato sabato nella cronometro, il tuo campo preferito?

È possibile. Spero davvero di tornare alla vittoria in questo momento. Voglio rassicurarmi, dimostrare che sono ancora qui. Sarebbe positivo per la squadra. Tutti mi vedono vincere. Ma sarà la mia prima volta dell’anno, quindi non ho garanzie.

Riteniamo che la tua scarsa forma abbia un impatto negativo su tutta la squadra in questa stagione?

È vero. Quest’anno non posso vincere, quindi è difficile per tutta la squadra. È noioso. Benjamin (Labbe) è il più costante, ma non gioca per vincere. L’anno scorso abbiamo avuto una stagione fantastica. Quest’anno la dinamica non è davvero eccezionale…

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV “le svastiche sono nuove”
NEXT Elezioni legislative del 2024 nella Manica. Scopri la lista dei candidati per circoscrizione elettorale