Valle dell’Hérault: netto miglioramento sul fronte dell’acqua… l’urbanizzazione resta sotto pressione per alcuni comuni

Valle dell’Hérault: netto miglioramento sul fronte dell’acqua… l’urbanizzazione resta sotto pressione per alcuni comuni
Valle dell’Hérault: netto miglioramento sul fronte dell’acqua… l’urbanizzazione resta sotto pressione per alcuni comuni
-

Le precipitazioni primaverili alleviano le risorse idriche. Per sette comuni della Valle lo sviluppo urbano è tuttavia limitato dalla capacità di accesso all’acqua. Le soluzioni stanno arrivando…

La graduale revoca delle restrizioni lo testimonia: dopo una primavera particolarmente piovosa, la situazione idrologica si sta distendendo nel cuore dell’Hérault. Ed è tanto meglio. Le sorgenti rinascono, la falda alluvionale dell’Hérault sta bene e nel carso, ad esempio, “La perforazione di Combes Salinière è aumentata di 14 metri”, misura Olivier Servel. Un presidente dell’Assessorato alle Acque che mette comunque in guardia. Perché a fronte del miglioramento che lascia presagire un’estate tranquilla sul fronte delle risorse, è comunque prudente, e responsabile, mantenere intatta la cultura e la pratica, “gesti ecologici”.

Preparati per il futuro

Per la Valley Water Authority si tratta soprattutto di continuare a prepararsi per il futuro in un territorio che non sfuggirà a una chiara tendenza climatica al riscaldamento e all’aridificazione e, quindi, a una maggiore pressione sulle risorse idriche. Quindi, per compensare questi sviluppi in un territorio che è, allo stesso tempo, soggetto a un’enorme pressione demografica, la ricerca e la messa in sicurezza delle reti sono più cruciali che mai.

Altrove, nella valle, i lavori a Laumède, nel comune di Pouget, procedono bene e suggeriscono, entro il 2026-2027, un’interconnessione duratura tra Le Pouget, Popian, Saint-Bauzille, Pouzols. Attualmente “le risorse (proprie) di questi comuni sono state ben ricaricate* (Le Pradel per Saint-Bauzille e Popian) e la falda freatica di Pouzols). Stiamo collegando definitivamente Pouzols con Pouget (fine dei lavori quest’estate). Se necessario, Pouzols sarà al sicuro. » Lo stesso per Saint-Bauzille collegata urgentemente ad una rete temporanea durante la vendemmia 2023.
Tensioni sull’acqua… pressioni sull’urbanistica
In definitiva, questi quattro comuni saranno collegati e messi in sicurezza nel settore Puits de Laumède. “Abbiamo effettuato ulteriori perforazioni, su un bacino idrografico, che potranno rilasciare più acqua In un futuro più o meno lontano (2026-2027), potremo rifornire questi quattro comuni da questo sito”. Nell’attesa di questa scadenza, la solidarietà intercomunale, di buona qualità, sulla risorsa attuale porta a vincoli su questi stessi villaggi. Perché entro il 2026-2027, in caso di tensione sull’acqua, “Se tutti attingiamo alla stessa risorsa, bisognosa di slancio in questi quattro comuni, non rinunceremo al Bene Laumède. Pensiamo ancora che riusciremo ad articolare tutto questo, ma dovremo procedere in modo ecosostenibile gesti…” Si pone quindi la questione dell’urbanizzazione di questi villaggi, “dobbiamo essere coerenti. Ciò che facciamo altrove a Montarnaud, Argelliers e Saint-Paul-et-Valmalle*, è ​​logico farlo qui. Quando mi chiedono una licenza di costruzione o una licenza di costruire, sono obbligato, come responsabile dell’acqua, per dire che le risorse non sono illimitate.” In definitiva, i sindaci hanno il controllo sui permessi, ma il Magistrato alle Acque non dà mano verde all’urbanizzazione del settore. Ed entro il 2027, la capacità del bacino drenante di Laumède dovrebbe consentire di allentare parte della pressione… sulla pianificazione urbanistica.

Per il settore di Argelliers, Montarnaud, Saint-Paul-et-Valmalle, fornito da Pic-Saint-Loup, la futura risorsa complementare di Redonnel dovrebbe portare una ventata di novità nell’urbanistica. E la prospezione nel settore della Boissière sembra promettente e potrebbe fornire una nuova, severa, soluzione su questa parte del territorio.

-

PREV Meaux: la fiera dei creatori “L’arte di essere donna” si impadronisce del Colosseo
NEXT Da Calais a Boulogne-sur-Mer, i migranti faticano a seppellire i propri morti