Luogotenente governatore monolingue in NB: vittoria federale in appello

Luogotenente governatore monolingue in NB: vittoria federale in appello
Luogotenente governatore monolingue in NB: vittoria federale in appello
-

Giovedì la più alta corte della provincia si è pronunciata su questo caso. I tre giudici firmatari – tra cui il Presidente della Corte Suprema Marc Richard – ribaltano la decisione emessa nel 2022 in questo caso dalla Court of King’s Bench.

La Corte d’appello ritiene che la nomina di Brenda Murphy a luogotenente governatore del New Brunswick nel 2019 non abbia violato la Carta canadese dei diritti e delle libertà.

Secondo i giudici, la Carta dà ai francofoni del New Brunswick il diritto di ricevere servizi in francese da parte delle istituzioni governative, ma questo diritto ha dei limiti.

Non si tratta del diritto di “indirizzarsi” o altrimenti comunicare con il Capo dello Stato o con l’individuo che personifica l’istituzione. si legge nella decisione.

Una battuta d’arresto per la Société de l’Acadie du N.-B.

Si tratta di una grave battuta d’arresto per la Société de l’Acadie du Nouveau-Brunswick, che ha condotto questa battaglia in tribunale e ha vinto il primo turno.

Nell’aprile 2022, il giudice capo della Corte di King’s Bench, Tracey K. DeWare, si è pronunciato a favore del SANB.

Ha stabilito che la persona che ricopre la carica di luogotenente governatore del New Brunswick deve essere in grado di esprimersi in entrambe le lingue ufficiali. Il giudice DeWare, tuttavia, non ha invalidato la nomina di Brenda Murphy.

Il governo federale ha presentato ricorso contro questa decisione e il governo del New Brunswick si è successivamente gettato nella mischia ottenendo lo status di interveniente.

La Corte d’appello del New Brunswick esaminerà le argomentazioni di entrambe le parti nel giugno 2023 (nuova finestra).

Il vicegovernatore è un’istituzione?

Una delle questioni centrali del caso era se il luogotenente governatore dovesse essere considerato un’istituzione e quindi soggetto agli stessi obblighi dei dipartimenti e delle corporazioni della Corona, ad esempio.

Gli avvocati del governo federale sostengono che la vicegovernatrice non è un’istituzione – anche se è l’unica a ricoprire questa posizione – e che quindi non si può pretendere che sia bilingue.

Gli avvocati del Società acadiana del Nuovo BrunswickSANB dal canto loro sostengono che non si può dissociare la carica dalla persona che la occupa e che quest’ultima deve quindi potersi esprimere in inglese e francese.

Resta ora da vedere se il Società acadiana del Nuovo BrunswickSANB farà appello contro questa decisione.

Nel giugno 2023, quando la Corte d’appello del New Brunswick esaminò il caso, il presidente della Corte Suprema Marc Richard disse che si aspettava che il caso finisse alla Corte Suprema del Canada.

-

PREV Inaugurazione di una piattaforma logistica nella Zona Franca Atlantica di Kenitra
NEXT Nucleare. Francia, Germania e Regno Unito “condannano le ultime misure dell’Iran”