Pluripremiati soccorritori in chalet delle Guide alpine svizzere in Canada

-
>>>>

Da sinistra a destra: Kirstin Clausen, direttrice dell’Heritage Preservation Organization of British Columbia (Heritage BC), Ilona Spaar, vincitrice del premio e Berdine Jonker, membro del consiglio di Heritage BC.

(cortesia)

I due svizzeri all’estero Ilona Spaar e Johann Roduit sono stati premiati per il loro impegno nel salvataggio degli chalet dell’Edelweiss Village a Golden, in Canada. Il duo ha ricevuto l’Outstanding Heritage Award dalla Provincia della British Columbia, nella categoria pianificazione e gestione.

Questo contenuto è stato pubblicato su

23 maggio 2024 – 13:00

«Quando ci siamo lanciati nel progetto per salvare gli chalet delle guide alpine svizzere, non avremmo mai immaginato che, due anni dopo, avremmo ricevuto un premio del genere», racconta Ilona Spaar, ancora visibilmente commossa.

All’inizio di maggio l’emigrante svizzero in Canada si è recato a Nelson, nella Columbia Britannica, per ricevere l’eccezionale premio dal direttore dell’Heritage Preservation Organization della provincia Heritage BCLink esterno, Kirstin Clausen, durante una cerimonia ufficiale. Il compagno di Ilona Spaar, Johann Roduit, anch’egli svizzero canadese, purtroppo non ha potuto intraprendere il viaggio.

Il premio nella categoria “pianificazione e gestione” riconosce le “migliori pratiche” nella pianificazione e gestione dei siti storici attraverso relazioni, studi e progetti, nonché nella manutenzione, “funzionamento e riorientamento dell’attività”.

Impatti positivi

Nel suo discorso Kirstin Clausen si è complimentata per il progetto dei due svizzeri: «Il successo della campagna per salvare l’Edelweiss Village è stato seguito da vicino dai difensori del patrimonio di tutta la Columbia Britannica. La Swiss Edelweiss Village Foundation è riuscita nel suo intento perché ha trovato partner, si è impegnata in una campagna di base e ha mantenuto il suo impegno a favore dei valori della comunità. L’ampio sostegno a livello locale e non solo testimonia la qualità della sua azione e del suo lavoro per salvare questo sito storico”.

La British Columbia Heritage Preservation Organization è un organismo riconosciuto. “Il premio rappresenta un’opportunità per attirare l’attenzione sulla nostra fondazione”, afferma Ilona Spaar. Ciò arriva al momento giusto per la giovane fondazione, che presto lancerà un sistema di adesione.

Un compromesso tra profitto e conservazione

>
>

Johann Roduit

cortesia

Per molti mesi il destino degli chalet delle sei guide svizzere rimase incerto. Nel luglio 2023 sono stati finalmente acquistati dalla società immobiliare MontayneLink esterno“un gruppo immobiliare attento al patrimonio”, secondo la Canadian Heritage Preservation Organization, che ha immediatamente avviato i primi lavori di restauro.

A differenza della Svizzera, che ha regole severe e architetti responsabili del patrimonio, in Canada nessuna legge disciplina le possibili trasformazioni degli edifici storici. “Abbiamo quindi fatto di tutto per salvare gli chalet e siamo arrivati ​​a un buon compromessoLink esterno», Stime Johann Roduit.

Per il loro progetto Ilona Spaar e Johann Roduit si sono ispirati alla Fondazione GissbachLink esterno in Svizzera, che è riuscita a salvare un gruppo storico di edifici sulle sponde del lago di Brienz (cantone di Berna). Per Johann Roduit, “questo è un modello innovativo che abbiamo introdotto qui per riunire patrimonio culturale e attività redditizie”.

Case vacanze e spazi comunitari

Il nuovo proprietario progettaLink esterno completare entro l’estate il restauro degli chalet per trasformarli in affitti per vacanze di breve durata. Intende anche costruire un nuovo edificio chiamato “Swiss big hall”, in parte museo e in parte sala di ricevimento aperta al noleggio.

Affinché gli chalet possano essere visitati da quante più persone possibile, la fondazione ha chiesto a Montayne di non affittarli durante la bassa stagione. “L’azienda ci ha dato la sua approvazione”, afferma Ilona Spaar.

Nell’ottobre 2024 si celebrano i festeggiamenti per il 125°e ricorrerà l’anniversario dell’arrivo delle guide alpine svizzere nelle Montagne Rocciose. Sono previste una visita all’Edelweiss Village e un ricevimento ufficiale con il console svizzero a Vancouver.

Edelweiss Village, un secolo di storia svizzero-canadese

Tutto è iniziato alla fine del 2021, quando Ilona Spaar ha dedicato un libro alla storia delle guide alpine svizzere in Canada. Esperte riconosciute nel loro campo, le guide alpine svizzere furono assunte intorno al 1900 dalla compagnia Canadian Pacific Railway per accompagnare i turisti sulle vette della regione.

Per salvarli da viaggi lunghi e costosi, la Canadian Pacific Railway ebbe l’idea di costruire una casa permanente per le guide straniere e le loro famiglie. Così è nata l’idea dell’Edelweiss Village, un pittoresco insediamento svizzero a Golden, nella Columbia Britannica.

Messi in vendita nel 2022, gli chalet sono stati minacciati di acquisizione da parte di aziende poco interessate alla loro conservazione. Johann Roduit e Ilona Spaar hanno creato una fondazione per raccogliere fondi e sensibilizzare numerose parti interessate locali e internazionali sul destino di questo pezzo di storia svizzero-canadese. I due svizzeri sono riusciti a far inserire il sito storico nella listaLink esterno uno dei dieci luoghi più a rischio del Canada, che ha meritato grande attenzione all’Edelweiss Village.

Il loro impegno si è tradotto, nel luglio 2023, nell’acquisto da parte della società Montayne e in importanti lavori di trasformazione.

Di più

>>Chalet Feuz, Vorher e nuova ristrutturazione
>
>

Di più

Gli chalet delle guide alpine svizzere in Canada vengono salvati

Questo contenuto è stato pubblicato su

05 febbraio 2024

Il destino di sei chalet svizzeri in Canada era precario. Ora le antiche case delle leggendarie guide alpine svizzere sono state salvate.

continua a leggere Gli chalet delle guide alpine svizzere in Canada vengono salvati

Testo riletto e verificato da Samuel Jaberg

Di più

>>
>
>

Di più

Vuoi sapere di più? Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per la Quinta Svizzera e ricevi ogni giorno i nostri migliori articoli nella tua casella di posta.

continua a leggere Vuoi saperne di più? Iscriviti alla nostra Newsletter

Saperne di più


seguente

Precedente

>>Team University Calgary per uno chalet
>
>

Di più

Proroga per il villaggio svizzero Edelweiss in Canada

Questo contenuto è stato pubblicato su

28 giugno. 2022

Due svizzeri all’estero combattono per salvare gli chalet. Grazie alle nuove tecnologie, uno di essi è visitabile in 3D.

continua a leggere Rinforzo per il villaggio svizzero Edelweiss in Canada

-

NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey