Radio Chablais – Marathon des terrois du Valais: “Come evento nuovo, dovevamo trovare il nostro posto”

Radio Chablais – Marathon des terrois du Valais: “Come evento nuovo, dovevamo trovare il nostro posto”
Radio Chablais – Marathon des terrois du Valais: “Come evento nuovo, dovevamo trovare il nostro posto”
-

La Marathon des terroirs du Valais dovrebbe registrare un record di partecipazione questo fine settimana. Dopo le due prime edizioni con quasi 3.000 corridori, sabato a Martigny potrebbero essere circa 4.000. Questo grazie a vari miglioramenti.

Una ventina di persone erano impegnate questo giovedì mattina davanti al CERM di Martigny. La loro missione: trasformare la piazza nella zona di partenza e arrivo della terza edizione della Valais Terroirs Marathon, che si terrà questo sabato. Con quattro gare in programma. Uno da quattro chilometri, uno da dieci, la mezza maratona e la maratona.

È proprio questa una delle grandi novità della manifestazione di quest’anno: la centralizzazione delle partenze e degli arrivi presso il quartiere fieristico Octodurian, ad eccezione della partenza della maratona da Sion. “ È più semplice per i corridori, per l’organizzazione e logisticamente », afferma il project manager dell’evento Anthony Vollenweider.

Con il CERM come sede della Maratona si potrebbero migliorare diversi aspetti “extrasportivi”. Il villaggio sarà più grande e sono state create sinergie con il Gospel Air Festival di Martigny, che si svolgerà sempre questo fine settimana. Uno dei palchi musicali sarà posizionato al centro dell’area dedicata alla Maratona.

4.000 paia di scarpe sull’asfalto del Vallese

Quindi quest’anno ci sarà molta gente. Soprattutto perché l’evento avrà – già – una partecipazione record. Questo fine settimana, infatti, dovrebbero essere 4.000 i corridori che parteciperanno alla maratona regionale del Vallese. Al termine delle iscrizioni online, mercoledì sera, il numero era pari a 3.700. Gli organizzatori sperano ora di convincere qualche centinaio di persone in più da qui a sabato, giorno della gara.

Il successo di pubblico di quest’anno può essere spiegato da diversi fattori, secondo Anthony Vollenweider. A cominciare dalla data, modificata rispetto agli altri anni per evitare la concorrenza del GP di Berna.

Un concetto che sta diventando sempre più familiare

All’inizio dovevamo trovare il nostro posto, dato che siamo un evento nuovo “, lui spiega. “ Ora riusciamo a trovare il nostro fine settimana, tra le grandi gare svizzere e gli eventi internazionali. »

Un altro motivo: la migliore comprensione da parte del pubblico del concetto festivo e sportivo della Marathon des terroirs. “ L’ispirazione viene dalle gare festive francesi. In Svizzera è vero che siamo i primi a portare questo concetto. Siamo abituati a correre per guadagnare tempo, ma volevamo dimostrare che è possibile fare sport divertendosi », spiega Anthony Vollenweider.

Thierry Nicolet

-

PREV La Repubblica Centrafricana esprime il suo “attaccamento” all’integrità territoriale del Marocco
NEXT Tavole d’acqua: il Trégor, settore raro in Bretagna dove i livelli erano bassi alla fine di maggio