Madame Guilbault, i giovani ne hanno abbastanza delle vostre vuote promesse!

Madame Guilbault, i giovani ne hanno abbastanza delle vostre vuote promesse!
Madame Guilbault, i giovani ne hanno abbastanza delle vostre vuote promesse!
-

Signora Geneviève Guilbault,

I giovani ne hanno abbastanza delle promesse vuote e delle belle conferenze stampa per annunciare il rinvio di progetti che non verranno mai realizzati. Sono passati 6 anni da quando la tua squadra ha preso il potere. Durante le campagne elettorali del 2018 e del 2022 avete promesso di strutturare un progetto di trasporti nella parte orientale di Montreal.

Siamo nel 2024 e…niente! Proprio come il progetto del tram di Quebec City, avete svoltato, vi siete arresi silenziosamente: senza scandali, senza schizzi.

Vi scriviamo per chiedere ancora una volta che il governo dia priorità a ciò che simboleggia l’inferno quotidiano per i giovani cittadini dell’Est: il completamento il più rapidamente possibile di un progetto strutturante di trasporto collettivo nella parte orientale della metropoli.

La realtà

Per prima cosa vi presentiamo la nostra realtà. Secondo Centraide-Mtl, la percentuale di individui di 15 anni e più senza diploma di scuola superiore ammonta al 23% a Pointe-aux-Trembles, al 25% a Rivière-des-Prairies e al 30% a Montréal-Est. Lo standard di Montreal? 17%.

Signora Ministro, siamo già vulnerabili. Perché mettere ancora una volta ostacoli sulla nostra strada? È accettabile che sia più veloce andare in macchina all’Università di Trois-Rivières che all’Università di Montreal con i mezzi pubblici da Rivière-des-Prairies? È auspicabile, signora Ministro, che un giovane di Rivière-des-Prairies che desidera studiare debba trascorrere in media 12,5 ore settimanali sui trasporti pubblici? Dove posso trovare il tempo per studiare e mettermi in gioco?

Non è giusto dover percorrere il Cammino di Santiago per raggiungere gli istituti post-secondari. È una questione di equità territoriale. È una questione di giustizia sociale.

Impatti

Inoltre, dopo la pandemia, il numero di passeggeri sui trasporti pubblici è effettivamente diminuito. Ma sappi che i giovani, gli anziani e le persone svantaggiate non hanno smesso di usarli, perché quando non hai altre opzioni, non c’è scelta da fare.

Noi giovani dipendiamo dal resto della metropoli e dalla rete di trasporti pubblici. Gli studenti che dovranno recarsi all’UQÀM continueranno ad utilizzare i mezzi pubblici. La giovane studentessa di infermieristica dovrà comunque svolgere il tirocinio al CHUM e dovrà inevitabilmente prendere l’autobus e la metropolitana.

È inevitabile. Dopo l’interruzione del servizio STM, diverse linee di autobus che collegano i nostri quartieri al resto della metropoli hanno visto i loro orari ridotti. La frequenza di passaggio degli autobus che ci collegano ai treni suburbani e anche alla metropolitana. Questi tagli, signora Ministro, non sono dettagli aneddotici. Sono, in realtà, ingiustizie.

Questa mancanza di ambizione per l’Est ha un impatto diretto sulla nostra vita quotidiana e sul nostro futuro collettivo. Se la tendenza continua, dobbiamo ammettere che l’Oriente rimarrà il figlio povero dell’isola di Montreal. Tuttavia, questo non dipende da noi, ma da te.

Insomma, chiediamo da voi un atto concreto, un annuncio, una palata di terra. Vogliamo avere accesso ai luoghi del sapere proprio come i giovani dei quartieri centrali. Il futuro di Rivière-des-Prairies dipende dalla vostra capacità di agire. Siamo convinti che non sia troppo tardi.

Nel frattempo, vi invitiamo a compiere con noi il viaggio medio di uno studente dell’Università di Montreal o della McGill di Rivière-des-Prairies-Pointe-aux-Trembles. Comprenderete così la dolorosa realtà di un accademico che non ha ancora la sua limousine ministeriale…

Foto per gentile concessione di François-Olivier Lauzière

Il Consiglio dei Giovani di Rivière-des-Prairies-Pointe-aux-Trembles (organizzazione che mira a difendere la voce dei giovani nel quartiere)

Membri :

Alexandre Fabien Gagné, copresidente, 17 anni

Daniel Di Stefano, copresidente, 22 anni

Alyson Augustin, 13 anni

Anaïs Léveillée, 15 anni

Anick Joly, 17 anni

Brian Di Penna, 22 anni

Darlene Jean-Jacques, 18 anni

Esteban Lantimo, 15 anni

Gustavsi Tasi, 24 anni

Jolianne Pelletier, 22 anni

Noveen Norzi Allan, 14 anni

Olivier Provost, 24 anni

Raphaël Boisvert, 22 anni

Raphaëlle Poirier, 14 anni

William Déziel, 22 anni

-

NEXT LIVE – Elezioni legislative 2024: “Non promettiamo montagne e meraviglie come fanno gli estremi”, insiste Gabriel Attal