A Couthures-sur-Garonne, il festival di tutto il giornalismo

-

Sai Il piccolo mondo ? Se non è così, probabilmente è perché non sei mai stato al Festival Internazionale del Giornalismo, a Couthures-sur-Garonne, un villaggio del Sud-Ovest che si trasforma ogni estate, per tre giorni, in un festival a cielo aperto Forum. IL Piccolo mondo è il giornale del festival, otto pagine prodotte ogni giorno dai figli dei frequentatori del festival e da quelli di Couthures – supervisionati da adulti – e vendute all’asta dai loro giovani autori per le vie del villaggio.

I titoli del gruppo Le Monde (Posta internazionale, HuffPost, Il mondo, Telerama E La vita) E I nuovi Obche organizzano questo evento dal 2018, si aspettavano tutto tranne che ricevere qualche anno fa una lettera dalla Biblioteca nazionale di Francia (BNF) che ricordasse loro che “tutte le pubblicazioni pubblicate e distribuite in Francia” doveva essere oggetto di deposito legale presso la BNF e che tale obbligo non era stato rispettato in merito Il piccolo mondo. Una svista prontamente riparata.

>>

Durante la precedente edizione del Festival Internazionale del Giornalismo, a Couthures-sur-Garonne (Lot-et-Garonne), il 14 luglio 2023. CAMILLE MILLERAND / DIVERGENZA PER IL MONDO

È così che questo quotidiano effimero e ultralocale è entrato tra le testate giornalistiche elencate dalla venerabile istituzione. Al Festival Internazionale del Giornalismo non esiste giornalismo grande e piccolo, media grandi e piccoli, ma solo una professione in tutta la sua diversità, i suoi contrasti, i suoi modi di fare… I frequentatori del festival, qualunque sia la loro età, potranno apprendere le tecniche giornalistiche, partecipando alle attività proposte nell’ambito della scuola marinara, come i laboratori di scrittura guidati da Sylvie Kauffmann, direttrice editoriale di Mondo.

Personalità e media

A Couthures potranno incontrare personalità come Claire Chazal, Thierry Thuillier, direttore dell’informazione di TF1, Jérôme Fenoglio, direttore di Mondola reporter di guerra Patricia Allémonière, il deputato europeo (Renew) e giornalista Bernard Guetta o lo scrittore e giornalista Eric Fottorino, ma partecipano anche a una tavola rotonda organizzata in occasione del cinquantesimo anniversario della legge Cressard, che offriva lo status ai freelance giornalisti.

Leggi l’analisi | Articolo riservato ai nostri abbonati Elezioni europee: Bernard Guetta, sostenitore di sinistra del campo Macron

Aggiungi alle tue selezioni

Naturalmente, i grandi media saranno presenti in gran numero: TF1, France 2, France 24, Public Senate, Agence France-Presse, RTL, -, France Culture, Il mondo, La Croce, Opinione, Mediapart, L’anatra incatenata, Mariannema anche 1, Il nostro tempoRivista XXI E Reporterrecosì come i partner del festival che sono il quotidiano Sud-ovest e France 3 Nouvelle-Aquitaine. Non saranno esclusi i nuovi media, con la partecipazione di giornalisti e divulgatori come Jean Massiet, Charlie Danger o Gaspard G, i cui nomi e volti sono familiari agli utenti delle piattaforme e dei social network.

La stampa internazionale sarà ben presente, con Il guardianoIL Corriere della Sera, Der Spiegel, El Pais, il quotidiano svizzero Il tempo e RTBF, la rete radiotelevisiva belga francofona, tutti partner dell’evento. Tra i giornalisti stranieri, i frequentatori del festival potranno dialogare anche con l’americano Adam Shatz, collaboratore del Newyorkese E New York Timesl’israeliano Meron Rapoport, collaboratore abituale dei media israelo-palestinesi +972o il fumettista belga Pierre Kroll, atteso con una delegazione dell’associazione Cartooning for Peace.

Selezione film

Per il secondo anno, il Festival dell’Informazione Locale proporrà a Couthures un appuntamento quotidiano sui media locali e regionali, mentre il Fipadoc (Festival Internazionale del Cinema Documentario) presenterà una selezione dei film proiettati nella sua ultima edizione, tra cui il tanto notato 20 giorni a Mariupoldi Mstyslav Chernov, vincitore del Premio Pulitzer.

Leggi la recensione: Articolo riservato ai nostri abbonati “20 giorni a Mariupol”, di Mstyslav Chernov, ovvero la storia dell’annientamento

Aggiungi alle tue selezioni

Intorno al Festival Internazionale del Giornalismo si è creato negli anni un intero ecosistema, con la partecipazione di attori come Reporter Senza Frontiere o, per la prima volta quest’anno, la BNF. Verrà presentato il lavoro dei fotoreporter Guillaume Herbaut e Camille Millerand realizzato nell’ambito della grande commissione fotografica. Questa operazione con fondi pubblici di portata eccezionale, destinata a documentare lo sguardo di duecento fotografi sulla Francia post-Covid, è attualmente oggetto di una mostra alla BNF, a Parigi.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Il grande ordine, una boccata d’aria fresca e orgoglio per i fotoreporter

Aggiungi alle tue selezioni

Incontri, tavole rotonde, laboratori, mostre, proiezioni, spettacoli, performance: saranno oltre duecento gli eventi proposti al pubblico del festival in questi tre giorni. Il programma è strutturato attorno a sette temi, che cambiano ogni anno. Per questa edizione, il pubblico del festival, consultato in autunno, ha selezionato due temi molto politici: uno sulla capacità del capitalismo di trasformarsi di fronte all’emergenza climatica, l’altro sull’ascesa dell’estrema destra in Europa, un fenomeno la cui la portata sarà meglio misurata dopo le elezioni del 9 giugno.

Dibattiti tematici

Il tema sulle questioni relative alle risorse idriche sarà particolarmente atteso nel Lot-et-Garonne e beneficerà della presenza dell’antropologo Philippe Descola. Affronteremo anche il tema dell’invecchiamento bene, mentre attualmente tra i parlamentari si dibatte la questione della fine della vita. Tra gli ospiti su questo tema, il comico Alex Vizorek, che ora lavora su RTL e presenterà una versione speciale del suo spettacolo Ad Vitam.

Gli ultimi tre temi riguardano l’informazione e il giornalismo: si parlerà dei media di fronte alle guerre, del modo in cui i giovani si informano e della difficoltà di dibattere oggi, sia in ambito pubblico che in ambito privato, con a promettente incontro, dal titolo “Come sopravvivere ai pasti in famiglia grazie alla comunicazione non violenta”.

>Il giornalista e presentatore David Pujadas, durante l'edizione 2023 del Festival Internazionale del Giornalismo, a Couthures-sur-Garonne (Lot-et-Garonne).>

Il giornalista e presentatore David Pujadas, durante l'edizione 2023 del Festival Internazionale del Giornalismo, a Couthures-sur-Garonne (Lot-et-Garonne).

Il giornalista e presentatore David Pujadas, durante l’edizione 2023 del Festival Internazionale del Giornalismo, a Couthures-sur-Garonne (Lot-et-Garonne). CAMILLE MILLERAND / DIVERGENZA PER IL MONDO

La serietà dei temi trattati dovrà essere, come ogni anno, controbilanciata da un clima allo stesso tempo costruttivo e amichevole, dagli interventi di artisti locali, dai dj set a chiudere le serate e dalla proiezione che si preannuncia magica – sotto le stelle e sullo schermo gigante – da Il regno degli animalifilm girato in parte nel Lot-et-Garonne.

Lo sguardo degli artisti sull’attualità ha da sempre spazio al Festival Internazionale del Giornalismo: il reading musicale tratto dal diario di guerra di Olga e Sasha, le due sorelle ucraine che le lettrici del Mondo e “M Le magazine du Monde” che seguono da quasi due anni, si svolgeranno sul palco principale del festival. Uno spettacolo che dovrebbe toccare Camélia Jordana. L’attrice e musicista ha accettato di essere la madrina di questa ottava edizione del Festival Internazionale del Giornalismo. Sarà a Couthures per condividere con i frequentatori del festival la sua visione degli eventi attuali e la sua esperienza di artista impegnata.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Aperitivo con Camélia Jordana: “Tutti ci riceviamo in faccia cose iperviolente”

Aggiungi alle tue selezioni

Festival Internazionale del Giornalismo | Il luogo d’incontro degli appassionati di notizie, dal 12 al 14 luglio, a Couthures-sur-Garonne

Nell’atmosfera conviviale del villaggio di Couthures-sur-Garonne, in Nuova Aquitania, numerosi professionisti dell’informazione e operatori dell’attualità saranno presenti dal 12 al 14 luglio 2024 per discutere con i frequentatori del festival sui grandi temi dell’attualità del anno e il ruolo dei media nel loro trattamento.

Quest’anno il festival proporrà ben più di 200 eventi: convegni, incontri, workshop, mostre, proiezioni, performance artistiche, ma anche un festival junior…

I biglietti possono essere acquistati online sul sito del festival oppure all’arrivo all’ingresso del villaggio.

Festival Internazionale del Giornalismo
Un evento co-organizzato da Le Monde, Le Nouvel Obs, Télérama, Courrier international, La Vie, Le Huffpost
Il 12, 13 e 14 luglio 2024, a Couthures-sur-Garonne
festivalinternationaldejournalisme.com

>Festival Internazionale del Giornalismo, edizione 2024>

Festival Internazionale del Giornalismo, edizione 2024

Festival Internazionale del Giornalismo, edizione 2024

Gilles van Kote

Riutilizza questo contenuto

-

NEXT L’accoglienza familiare, una professione sostenuta dal Dipartimento dell’Aude