Marocco per una riflessione approfondita sul futuro del processo di conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare

Marocco per una riflessione approfondita sul futuro del processo di conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare
Marocco per una riflessione approfondita sul futuro del processo di conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare
-

Martedì 21 maggio 2024 alle 17:14

Vienna – L’ambasciatore rappresentante permanente del Marocco a Vienna, Azzeddine Farhane, si è espresso martedì a favore di una riflessione approfondita sul futuro del processo delle conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare.

“Il Marocco propone una riflessione approfondita sul futuro del processo di conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare. Riteniamo che non vi sia alcuna interruzione nella sicurezza nucleare, che rimane un tema centrale a cui noi, come Stati membri, dovremmo continuare a dare priorità per rispondere alle nuove sfide e aspettative legate all’uso dell’energia nucleare per scopi pacifici”, ha indicato , in un intervento a nome del Marocco, in occasione della “Conferenza internazionale sulla sicurezza nucleare: modellare il futuro” (ICONS 2024), che si svolgerà dal 20 al 24 maggio a Vienna.

Intervenendo al conclave, organizzato su iniziativa dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), il diplomatico ha osservato che l’identificazione di obiettivi e priorità chiari per le conferenze internazionali sulla sicurezza nucleare “servirà alla visibilità di questo significativo processo multilaterale in vista della prossimo convegno, che si terrà nel 2028”.

Allo stesso modo, Farhane ha sottolineato l’importanza di organizzare un segmento di alto livello sulla sicurezza nucleare sotto la guida dell’AIEA durante i lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, come quadro inclusivo per ottenere il sostegno incrollabile dei capi di Stato. e Governo per l’azione dell’Agenzia volta a rafforzare il suo regime di sicurezza nucleare internazionale.

Per quanto riguarda il contributo del Marocco al rafforzamento della sicurezza nucleare, il diplomatico ha ribadito l’attaccamento del Regno, sotto la guida di Sua Maestà il Re Mohammed VI, ai principi della cooperazione Sud-Sud e della solidarietà africana, così come il suo impegno a continuare le sue azioni a favore dei paesi forti. cooperazione multilaterale per promuovere la pace e la sicurezza.

Nell’ultimo decennio, ha affermato, il contributo del Marocco agli sforzi internazionali volti a rafforzare il regime di sicurezza nucleare internazionale è stato ricco di contenuti, diversificato nella metodologia e sfaccettato nelle sue dinamiche, contributo che deriva dal costante impegno del Regno per il disarmo e la non -proliferazione, nonché la sua profonda convinzione del ruolo dell’azione multilaterale in questo settore.

A livello regionale, negli ultimi anni, secondo i dati dell’AIEA, il Marocco è stato uno dei principali paesi africani ad offrire formazione, seminari, insegnamento e a condividere le proprie competenze tecniche con l’insieme degli Stati membri africani, ha continuato Farhane , nel corso di questo convegno, che si tiene per la quarta volta dopo le edizioni 2013, 2016 e 2020.

Il Marocco, ha aggiunto, riafferma il principio secondo cui la responsabilità primaria della sicurezza nucleare spetta interamente agli Stati, nel rispetto dei loro obblighi nazionali e dei loro impegni internazionali.

A suo avviso, ICONS 2024 offre una “preziosa opportunità per valutare i progressi compiuti negli ultimi dieci anni, identificare le esigenze degli Stati di stabilire obiettivi e priorità rilevanti all’interno dell’AIEA e considerare solide basi per plasmare il futuro della sicurezza nucleare”.

Secondo gli organizzatori, all’ICONS 2024 parteciperanno rappresentanti di oltre 130 paesi, che coprono diversi temi che vanno dalle norme sulla sicurezza nucleare allo sviluppo di capacità di sicurezza nucleare.

-

PREV anche nell’U18 vince sempre Déols
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey