5 siti imperdibili in Alberta

5 siti imperdibili in Alberta
5 siti imperdibili in Alberta
-

Laghi cristallini, scintillanti cascate e ghiacciai, montagne innevate, praterie di bisonti e foreste popolate da lupi, alci, alci… Ti trovi in ​​Alberta, una provincia del Canada occidentale che deve il suo nome a una delle ragazze della regina Vittoria , Luisa Carolina Alberta. Focus su 5 siti imperdibili, incontro con la natura preservata e le Prime Nazioni.

5 siti imperdibili in Alberta

Accedi allo slideshow (10)

Buone notizie: Calgary è raggiungibile con un volo giornaliero diretto da Parigi con Westjet. Ancora un altro motivo per partire per il paradiso all’aperto dell’Alberta.

1- Parco Nazionale di Banff

È nel mezzo delle Montagne Rocciose canadesi che si annida il più antico parco nazionale canadese (creato nel 1885), un regno di favolose avventure all’aria aperta dichiarato patrimonio dell’UNESCO: Banff. Tra le scoperte imperdibili: i laghi Moraine, Louise e Peyto, tinti di smeraldo o turchese; Monte Sulphur, la cui salita in funivia offre panorami mozzafiato sulle cime innevate; o Cave and Basin, sorgenti termali scoperte dai ferrovieri nel 1883. Le meraviglie abbondano e lo scollegamento è totale in questa natura originaria, in mezzo a una fauna eccezionale: alci, pecore bighorn, alci, orsi grizzly, orsi neri, caribù, mufloni, marmotte, castori…

2- Parco Nazionale Jasper

Seguendo la grandiosa Icefields Parkway, raggiungiamo a nord il Jasper National Park, il più grande parco nazionale canadese e la seconda riserva a cielo scuro più grande del mondo, classificata come Banff patrimonio dell’UNESCO. Un mondo di superlativi: il ghiacciaio Athabasca, il più visitato del Nord America; Cascate Athabasca, le più famose della regione; Spirit Island, la più fotografata al mondo; Maligne Lake, il più grande lago naturale delle Montagne Rocciose canadesi… Parti per una crociera sulle sue acque turchesi, conquista il Columbia Icefield o il ghiacciaio Athabasca, osserva la fauna selvatica, fai rafting sul fiume Athabasca, sulla scia del commercio di pellicce. Le esperienze all’aria aperta sono molte.

3- La Valle di Kananaskis, terra delle Prime Nazioni

Fuori dai sentieri battuti, il paese riservato e pittoresco di Kananaskis non è un segreto per i calgariani che amano ricaricare le batterie lì in estate e in inverno per fare escursioni, pescare, pagaiare in kayak, fare escursioni a cavallo, andare in bicicletta, fare ciaspolate o sciare. Qui, sempre laghi, cascate, fiumi e un’atmosfera più intima. Siamo ai piedi delle Montagne Rocciose e l’ambientazione sembra uscita da un film. Da non perdere le escursioni alle Troll Falls, nel mezzo della foresta, con una guida della nazione Kainai. I riflettori si accendono sulla storia e sull’identità delle popolazioni indigene del Canada, che desiderano condividere la propria identità culturale, tra spiritualità, umiltà di fronte alla natura e rispetto per gli anziani, cemento per la trasmissione della loro eredità.

4- Calgary

In questa “città dei cowboy”, la natura verdeggiante incontra edifici ultramoderni, nel mezzo delle pianure agricole dell’Alberta. La città più grande della provincia deve la sua prosperità all’oro nero. I visitatori scoprono il Museo di arte e storia di Glenbow, Fort Calgary o l’Heritage Park Historical Village che testimoniano l’arrivo dei pionieri nel XVIII secolo, commercianti di pellicce o esploratori. Gli amanti della street art seguiranno felicemente il percorso artistico avviato dal Beltline Urban Murals Project, rivelando più di 180 affreschi. A luglio, Calgary festeggia con lo Stampede, un importante festival che celebra le tradizioni occidentali. In programma: rodeo, corse di carri, corse di botti e persino dimostrazioni di lazo. Inevitabile.

5- I Calanchi

A est di Calgary si svela un altro volto del Canada occidentale, arido, senza tempo. Canyon lunari scolpiti dall’acqua e dall’erosione delineano il paesaggio, con camini delle fate striati di ocra e carbone (“hoodoos”), vecchie miniere abbandonate e una grande concentrazione di fossili di dinosauri. Paleontologi nel cuore, non perdetevi il Royal Tyrell Museum a Drumheller e il Dinosaurs Provincial Park, patrimonio dell’UNESCO. La regione è anche l’occasione per immergersi nell’atmosfera del selvaggio West di una volta. Nel saloon di una vecchia città mineraria, sonnolenta o addirittura spettrale, come in Wayne, siamo sicuramente nell’ambientazione di un vecchio western.

COME ARRIVARE LÀ ?

Con Les Maisons du Voyage, spinti dal desiderio di condividere più di 30 anni di esperienze e passioni. I loro itinerari rari e autentici favoriscono la curiosità intellettuale, gli incontri e la visione del turismo responsabile. Dedicati a ciascuna regione del mondo, gli esperti delle Maison vi offrono un servizio personalizzato: una promessa di qualità dimostrata da una clientela esigente.

Scopri tutti i viaggi di Maisons du Voyage in Alberta su https://www.maisonsduvoyage.com/amerique/canada/ouest-canadien

Ente del turismo dell’Alberta
Ente del turismo dell’Alberta

-

PREV Jérôme Guedj (PS) candidato all’Essonne senza l’etichetta del “Nuovo Fronte Popolare”
NEXT Elezioni legislative anticipate. Nella Manica, il Fronte Popolare in funzione