Le finanze del Variétés Club de France messe sotto controllo da un’indagine Mediapart

Le finanze del Variétés Club de France messe sotto controllo da un’indagine Mediapart
Le finanze del Variétés Club de France messe sotto controllo da un’indagine Mediapart
-

La generosità del Variétés Club de France ha motivazioni più egoistiche? È quanto dimostra un’indagine Médiapart, pubblicata martedì 21 maggio, che ha indagato sull’organizzazione delle partite di gala di questa squadra di calcio che riunisce più volte all’anno celebrità per cause di beneficenza. Lo stesso Presidente della Repubblica ha partecipato a diversi incontri, come quello dello scorso aprile a beneficio dei Pezzi Gialli.

Alla guida del club, una figura all’incrocio tra sport e politica: Jacques Vendroux, giornalista sportivo scomparso Radio Francia Per Europa 1 e il JDD Versione Bolloré. È supportato dal figlio Baptiste Vendroux, anche lui giornalista sportivo Primo Videoe da Tom Rocheteau, figlio dell’ex nazionale del Saint-Étienne, Dominique Rocheteau.

Questi tre, unici membri delle commissioni “viaggi” e “partite di gala” del VCF, sono anche a capo dell’agenzia Ventilo Sports, struttura creata nel 2018 per organizzare le partite di gala del Variétés Club de France.

Per avvicinarsi ai suoi sponsor, Ventilo offre posti per il ricevimento organizzato all’Eliseo dopo le partite di gala: due posti a 25.000 euro fino a 10 posti per i partner “maggiori” a 75.000€. Come sottolineato Mediaparti proventi delle sponsorizzazioni vanno direttamente nelle casse di Ventilo e non in donazioni (57.500 euro donati ai Pezzi Gialli in aprile), per consentire l’accesso al ricevimento dell’Eliseo organizzato con fondi pubblici.

Oltre alla sponsorizzazione, il Variétés Club de France incoraggia i suoi sponsor a fare una donazione in beneficenza. Ma il valore aggiunto dell’agenzia sportiva non sembra scontato: l’inchiesta Mediapart dimostra che gli importi pagati ai beneficiari del VCF non sono cambiati sostanzialmente dalla creazione di Ventilo Sports sei anni fa.

“Lobbying mascherato” all’Assemblea nazionale

Mediapart ritiene addirittura che il Variétés Club de France consenta di esercitare pressioni sull’Assemblea nazionale, avvicinando i membri della squadra di calcio parlamentare. Ventilo organizza anche partite di beneficenza per questa squadra informale creata nel 2014 da MPs. Il collegamento è stato fatto da Karl Olive, deputato del Rinascimento degli Yvelines, capitano della squadra parlamentare e presidente del VCF.

Secondo i documenti consultati dai media investigativi, il riavvicinamento di Ventilo e del gruppo parlamentare permette di collegare deputati, attori privati ​​e imprenditori, il che è simile a “lobbismo mascherato” Per Mediapart. Il sito rileva che Google, Meta (Facebook) e TikTok erano partner del VCF nel settembre 2022, insieme alla start-up francese Sorare (gioco di calcio fantasy), mentre il loro settore di attività è al centro di importanti questioni legislative.

LEGGI ANCHE. VIDEO. Emmanuel Macron segna ancora su rigore con il Variétés Club de France

Médiapart precisa che né Baptiste Vendroux, né Tom Rocheteau, né la Presidenza della Repubblica hanno risposto alle sue richieste. Solo Jacques Vendroux ha risposto online alle domande del giornale, prima di concludere la conversazione che non ha giudicato “non molto interessante”.

-

PREV Grave incendio alla Porte de Saint-Cloud: una decina di appartamenti distrutti, vigili del fuoco in sorveglianza
NEXT Eventi del fine settimana del 22 e 23 giugno 2024 a Mentone