Ille-et-Vilaine: a 24 anni, Magali vuole sviluppare l’azienda agricola di domani

Ille-et-Vilaine: a 24 anni, Magali vuole sviluppare l’azienda agricola di domani
Ille-et-Vilaine: a 24 anni, Magali vuole sviluppare l’azienda agricola di domani
-

Di

Maxime Turberville

pubblicato su

18 maggio 2024 alle 17:13

Vedi le mie notizie
Segui Le Journal de Vitré

Preoccupa il problema del ricambio generazionale in agricoltura. Nei prossimi 10 anni la metà degli agricoltori andrà in pensione.

IL Gaec della fattoria Grand Patis di Bais (Ille-et-Vilaine), ha trovato la soluzione. Michel e Yolande Rubeillon possono contare su una delle loro figlie, Magali, per prendere in mano l’azienda di famiglia. Una trasmissione fluida che la giovane 24enne stava pianificando da diversi mesi.

Titolare di un BP REA (direttore di azienda agricola), Magali è attualmente in fase di installazione sul azienda agricola biologica. “Prendo il posto di mio padre e continuo con mia madre. Mio padre sarà un impiegato part-time”, presenta Magali.

Ridurre il bestiame

Rilevando l’azienda agricola, il giovane agricoltore mira a trasformare il bestiame Prim’Holstein in razze locali e rustiche: Black Pie Breton, Léon Wheat e Armoricaine.

Queste razze sono note per produrre un latte più ricco. La forza lavoro alla fine sarà quasi dimezzata.

Attualmente abbiamo 50 vacche da latte. Vogliamo arrivare a 30 in tutta tranquillità.

Magali Rubeillon

Un laboratorio e un negozio pianificati

Per sviluppare la fattoria Bais, alla giovane donna non mancano i progetti. A breve sarà allestito un laboratorio di lavorazione di 40 mq. Potrebbe essere operativo a luglio.

Magali ha intenzione di produrre il burro lì, il cui tumulo prenderà il nome La piccola Marcelle in riferimento alla nonna che era a capo dell’azienda agricola – ma anche formaggi freschi con erbe fresche, yogurt, panna o addirittura formaggi.

Video: attualmente su -

Questi prodotti trasformati saranno venduti direttamente dall’azienda agricola. Esiste già un edificio destinato a diventare un negozio.

«Troveremo i prodotti di qui o anche quelli dell’orto di mia sorella Elodie, con sede ad Argentré-du-Plessis.

L’obiettivo è riunire altri produttori. L’apicoltore che ha le sue arnie nella nostra azienda agricola potrebbe vendere i suoi prodotti. »

Magali spera di aprire questo negozio dopo l’avvio del laboratorio di lavorazione.

Sviluppa un terzo posto contadino

Al di là di queste nuove attività, è anche un terzo luogo contadino che il giovane agricoltore vuole sviluppare. Obiettivo: avere diverse attività contadine o artigiane per creare una “simbiosi”.

Magali sta cercando un fornaio contadino. Se per il momento l’azienda vende il grano, il desiderio è di usarlo qui per fare il pane, ad esempio.

“Abbiamo anche frutteti quindi è possibile fare arboricoltura. Alleviamo i nostri animali, ma se una persona vuole lavorare la carne, è possibile”, spiega Magali, che apre ogni porta per circondarsi.

Questo desiderio di apertura è caratterizzato anche dall’organizzazione di campi estivi in ​​estate, ma anche eventualmente verso altri tipi di pubblico. Domenica 2 giugno (leggi il nostro box), l’azienda agricola organizza la terza edizione di Una domenica biologica in fattoria.

Nel 2023, 300 persone avevano partecipato all’evento.

Un pomeriggio di attività in fattoria il 2 giugno

Domenica 2 giugno l’azienda agricola Grand Patis organizza la terza edizione del suo evento Una domenica biologica in fattoria. Dalle 15:00 alle 18:30 sono in programma una tavola rotonda (intorno alla trasmissione), visite alla fattoria, attività, giochi e un mercato biologico e locale. Incontro al Grand Patis di Goudeloup.

Per seguire le novità dell’azienda agricola: La ferme du Grand Patis (Facebook).

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV BISSAU CHIUDE PARZIALMENTE IL CONFINE CON IL SENEGAL
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey