nella Mosella, i residenti sono “impotenti” di fronte alle inondazioni

nella Mosella, i residenti sono “impotenti” di fronte alle inondazioni
nella Mosella, i residenti sono “impotenti” di fronte alle inondazioni
-

Tatiana Geiselmann (in Mosella) / Crediti fotografici: Jean-Christophe VERHAEGEN / AFP (Illustrazione)
13:56, 18 maggio 2024

La Mosella è stata messa in allerta rossa di piena nella notte tra venerdì e sabato. Quasi 250 comuni sono stati colpiti dal maltempo. Sul posto, i residenti ora devono fare i conti con ingenti danni. Ciò è particolarmente vero a Freyming-Merlebach, dove è andato Europe 1.

I fiumi continuano a crescere nella Mosella. Il dipartimento è messo in allerta rossa alluvione nella notte tra venerdì e sabato. Sabato mattina ha smesso di piovere, ma i fiumi continuano a straripare. Sono colpiti quasi 250 comuni. Una cosa mai vista dal 1997. Europe 1 si è recata nella città di Freyming-Merlebach nella Mosella, dove vigili del fuoco e residenti sono al lavoro per far uscire l’acqua dalle cantine.

La nuovissima business school di Freyming-Merlebach, inaugurata solo pochi mesi fa, è stata evacuata urgentemente venerdì, come ci racconta Bernard Frémy, il suo direttore. “Un torrente è arrivato, come nei film, in tempi relativamente brevi. Abbiamo fatto velocemente le valigie e siamo partiti. Ma è successo nel giro di 20 o 30 secondi.” L’acqua ha invaso tutte le aule. Attualmente il terreno è ancora coperto di fango, la cantina è ancora allagata, la caldaia è sott’acqua. Il danno minimo ammonta a 50.000 euro, secondo Bernard Frémy.

“Inondazione d’acqua”

Ma è ancora peggio nello studio medico della sua vicina Fabienne Broqui. “Eravamo impotenti contro questo diluvio d’acqua. Abbiamo l’acqua in cantina, fino al soffitto. Vedete, ci sono i vigili del fuoco. Inoltre, il nostro serbatoio del carburante si è ribaltato, quindi a livello del garage abbiamo 1m50, a livello del gabinetto 50 centimetri d’acqua con olio combustibile ovunque.”

Per strada si sente l’odore dell’olio combustibile. Questa è la seconda volta che l’ufficio viene allagato. La prima volta è stata nel 2001. Ma ieri sera l’acqua è salita ancora più in alto rispetto a 20 anni fa. Allora Fabienne si mise gli stivali da pioggia e cominciò a strappare la copertura dal pavimento, tirando fuori gli scaffali per pulire. Ma sa che non potrà tornare a lavorare qui per diverse settimane.

#French

-

PREV Ciclismo: Millavoise Marine Cabirou seconda durante la tappa di Coppa del mondo di mountain bike downhill in Italia questo sabato
NEXT La giustizia belga rinvia il caso al Marocco