La Martinica si trova per la prima volta nella sua storia in “crisi di siccità”.

La Martinica si trova per la prima volta nella sua storia in “crisi di siccità”.
La Martinica si trova per la prima volta nella sua storia in “crisi di siccità”.
-

AFP

In allerta rossa, la Mosella in preda alle inondazioni

“In 20 anni non ho mai visto una cosa del genere”: messa in allerta rossa per pioggia fino alle 22, venerdì la Mosella si trova ad affrontare forti precipitazioni, costringendo i vigili del fuoco a effettuare centinaia di interventi nei comuni dove “l’acqua raggiunge talvolta i 40 centimetri di altezza nelle strade.”Sono riuscito a tirare fuori alcuni dei miei attrezzi ieri sera, ma è un disastro: lo scaldabagno, il quadro elettrico, tutto è allagato, lì non funziona più niente”, si lamenta all’AFP Christian Vivin, residente a Boulay -Moselle da 12 anni, notando la sua cantina sommersa fino a 2,40 m di altezza. “C’è acqua più in alto” Per me è la prima volta che mi succede. Avevamo già avuto piccoli problemi con le allagamenti e le fognature, ma no così”, testimonia. Diverse strade sono bloccate in questa cittadina di 5.000 abitanti a est di Metz, dove i vigili del fuoco sono schierati in gran numero per le operazioni di pompaggio: l’acqua arriva già fino alla parte superiore delle ruote delle auto e la pioggia continua. Il municipio, come altri edifici, è senza elettricità “In 20 anni non ho mai visto una cosa del genere, non è mai stata così intensa qui”, conferma Valérie Henrion. Situata sulle alture del paese, la sua casa finora è stata meglio conservata, ma lei è preoccupata. “Annunciano pioggia da diversi giorni, quindi non smetterà”, anticipa Il ministro degli Interni, Gérald Darmanin, ha invitato i mosellani, sui social network, alla massima cautela e al rispetto delle istruzioni delle autorità. La polizia chiede ai residenti di restare in casa e di “sollevare oggetti di valore” per limitare i danni, chiamando i vigili del fuoco solo “in caso di reale necessità”. vigili del fuoco, “sono colpiti quasi 177 comuni”. L’area si è ampliata e riguarda i settori di Boulay, Saint-Avold, Sarreguemines e Bouzonville, precisano. “Gli abitanti di queste zone devono aspettarsi condizioni meteo difficili”. “Abbiamo ricevuto più di 2.000 chiamate in tutto il dipartimento. Attualmente sono 740 gli interventi, da questa mattina sono stati mobilitati 650 vigili del fuoco con numerosi mezzi, anche numerosi mezzi di pompaggio e squadre specializzate. “, ha dichiarato all’AFP Jérôme Boulanger, vicedirettore di dipartimento di Sdis 57.Météo-France segnala un episodio di pioggia “su una piccola porzione settentrionale a est del paese” e ha classificato i dipartimenti vicini di Meurthe-et-Moselle, Vosges e Bas- Reno sotto vigilanza arancione, oltre alla Mosella in rosso.” Le quantità d’acqua previste durante l’episodio sono riviste in aumento. Saranno dell’ordine di 80 e 100 millimetri dalla regione di Thionville all’Alsazia bossue. Sul Basso Reno, sono previsti accumuli tra 70 e 90 mm nell’estremo nord del dipartimento, 40 e 70 mm più a sud”, indica l’organismo previsore. “Le piogge continueranno ed i fiumi continueranno ad alzarsi fino a tarda notte. Non si può quindi dire che la parte più difficile sia passata”, ha sottolineato il prefetto Laurent Touvet alla fine del pomeriggio. “La situazione resta grave ma non drammatica”. Météo-France dovrebbe abbandonare la vigilanza rossa alle 22:00 – Collegio evacuato – Una parte dell’autostrada A4, che collega Parigi a Strasburgo, è chiusa al traffico, ha indicato il prefetto sul suo conto X, così come una trentina di strade dipartimentali, nonché una parte della A320 verso la Germania, e la A35 che attraversa l’Alsazia da nord a sud. Secondo il Républicain Lorrain, i genitori degli studenti furono chiamati a prendere i loro figli da diverse scuole o collegi, come a Bouzonville o Falck. Il collegio di Diemeringen, nel Basso Reno, doveva essere evacuato e accessibile In questo dipartimento, secondo la prefettura, alle 15.30 erano in corso un centinaio di interventi di emergenza, in particolare per “liberare le strade”, mobilitando 120 vigili del fuoco e 50 mezzi chiusura al traffico. Il picco dell’alluvione è previsto a fine giornata e nella notte.mlx-apz/bdx

-

PREV Jordan Bardella illustra il suo programma e chiede la “maggioranza assoluta” per la RN
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey