12:30 notizia – Inondazioni nella Mosella: “È tutto nell’acqua”, lamenta in lacrime un residente di Bouzonville

12:30 notizia – Inondazioni nella Mosella: “È tutto nell’acqua”, lamenta in lacrime un residente di Bouzonville
12:30 notizia – Inondazioni nella Mosella: “È tutto nell’acqua”, lamenta in lacrime un residente di Bouzonville
-

Un mese di pioggia in 24 ore è quello che è caduto venerdì 17 maggio sulla Mosella. Sabato il dipartimento è stato messo in allerta rossa per inondazioni. La situazione è complicata. L’improvviso innalzamento delle acque ha causato danni. Più di cento gli interventi dei vigili del fuoco anche questa mattina. Soprattutto a Bouzonville, dove l’acqua in alcuni punti ha superato i due metri. Per muoversi, è ovviamente complicato.

Dietro la scuola elementare, in centro città, non c’è nessuno a piedi. Il giubbotto di salvataggio è obbligatorio. L’equipaggio, composto da quattro vigili del fuoco, è arrivato ieri sera dai Vosgi. “Se la gente ha bisogno di qualcosa, noi dobbiamo esserci”, commenta un pompiere di RTL. Norbert è appoggiato alla finestra di casa sua. All’interno, 1m50 d’acqua. Affronta punti positivi ai vigili del fuoco. “Hanno funzionato bene ieri sera.” E per continuare: “Spero che domani o dopodomani vada un po’ meglio”. Un po’ una presa in giro, manca una cosa, oltre l’elettricità: “l’aperitivo”.

Se Norbert ha scelto di restare a casa, non è così per Christine, in lacrime. A casa sua”è tutto nell’acqua. I mobili, i cassetti, i piatti…”. È stata evacuata in barca e lasciata a vivere con la figlia, poche cose in mano, “i vestiti, lo spazzolino da denti, il telefono”. Le pattuglie, in barca, sono andate avanti tutto il pomeriggio e altro ancora, purché il calo non sia significativo!

Ascolta anche sul giornale

Fatti vari – Un uomo è morto e altri due sono rimasti feriti sabato 18 maggio in Nuova Caledonia in uno scontro a fuoco contro un posto di blocco eretto dai rivoltosi.

Fatti vari – 350 investigatori continuano a rintracciare il minimo indizio per ritrovare il commando che martedì ha attaccato il convoglio carcerario a Eure.

Internazionale – Secondo l’esercito israeliano, nella Striscia di Gaza sono stati trovati tre corpi di ostaggi israeliani. Questi ultimi li hanno rimpatriati.

La redazione consiglia

Novità dalla redazione RTL nella tua casella di posta.

Utilizzando il tuo account RTL, iscriviti alla newsletter informativa di RTL per seguire quotidianamente tutte le ultime novità

Per saperne di più

#French

-

PREV Elicottero dopo essere caduto su una parete da arrampicata
NEXT Naso di Mbappé, deludente Thuram, delizioso Rabiot-Kanté… Preferiti e favoriti