RITRATTO. Laure Hublart, il grande passo di un Lot-et-Garonnaise verso la Scala di Milano

RITRATTO. Laure Hublart, il grande passo di un Lot-et-Garonnaise verso la Scala di Milano
RITRATTO. Laure Hublart, il grande passo di un Lot-et-Garonnaise verso la Scala di Milano
-

l’essenziale
Laure Hublart ha 13 anni, è una ballerina di danza classica del Lot-et-Garonne e partirà a settembre per la prestigiosa Scala di Milano. L’inizio di una nuova vita.

Alcune stelle sono fatte per brillare. Laure Hublart, 13 anni, è sicuramente una di queste. Da sempre appassionata di danza classica, inizia all’età di 4 anni a Condom con colei che diventerà la sua prima insegnante di danza, Carole Bardot-Bunn. Se le chiedi perché ha iniziato a ballare, non saprà risponderti. In effetti, la passione che ha sviluppato è difficile da spiegare. “Non so davvero perché ho iniziato”, sorride l’adolescente. I suoi genitori non sono ballerini e nemmeno artisti. Tuttavia, la danza è stata il ritmo della sua vita da quando era alta quanto tre mele e probabilmente continuerà per molti anni.

All’età di 9 anni, l’insegnante notò le impressionanti predisposizioni della giovane Laure. Capisce allora che non può aiutare la giovane ballerina a progredire ulteriormente e la affida a Hélène Darroman, della scuola di ballo della comunità di Albret.

13 anni e sto andando a Milano

Una scelta di vita che solo gli appassionati potevano comprendere. Con ben dieci ore di allenamento a settimana, Laure Hublart si prepara a perseguire il suo sogno, guadagnarsi da vivere con la danza. Tuttavia, all’età di soli 13 anni, tutto non fu facile per la giovane, che dovette dimostrare un’incrollabile forza di carattere. In effetti, ha subito due fallimenti, “educativi ma deludenti” per Laure.

La prima, quella dell’Opera di Parigi, il sogno di bambina. Fallisce a causa degli standard drastici richiesti per l’ingresso (dimensioni insufficienti). Delusa, va avanti, cresce e tenta la fortuna alle audizioni di Londra per unirsi al Royal Ballet. Ancora una volta, la giovane ballerina è vicina a riuscirci. Su 1.400 candidature è riuscita ad essere una delle 19 selezionate. Sfortunatamente per Laure, non è ammessa. “C’è più di qualcuno che si sarebbe arreso, ma non lei”, spiega la sua insegnante. Una passione trascendente che finì per portarlo alla Scala di Milano, monumento della danza classica. “Alla fine non è peggio, il tempo a Milano è migliore”, ride Hélène Darroman.

Laure e la sua insegnante Hélène Darroman si allenano ogni giorno alla scuola di danza comunitaria Albret a Nérac.
Foto – Morad Cherchari

Adattamento e lavoro

Una vera scelta di vita a soli 13 anni. Ballare, nel caso di Laure. Tornerà a scuola il 9 settembre e lì incontrerà la sua famiglia ospitante, che vive non lontano dalla scuola. Si tratta di un periodo di cinque anni di studio (fino al compimento dei 18 anni). Lei lo sa, vivrà, penserà e mangerà danza ogni giorno con allenamenti al mattino e al pomeriggio. Seguirà anche gli studi in italiano. Giovanissima, dovrà imparare la lingua di Dante dalla A alla Z. Un elemento che non sembra preoccupare Laure Hublart. “Ho un po’ paura ma, vivendo lì, penso che accadrà in modo naturale. » Un motivo di orgoglio per il suo mentore: “Già sono molto felice, ma non ne sono ancora del tutto consapevole, ma credo che non lo sia neanche lei. »

Primo obiettivo per la futura milanese, lo spettacolo dello schiaccianoci, al quale verranno scelti alcuni bambini per partecipare…

-

PREV Una boccata d’aria fresca per il “Goorgoorlou”, di Birame Khary Ndaw
NEXT Rimbaud, Ponge e Hélène Dorion nella tesi, il romanzo e il racconto nel commento… Fate le vostre domande sui temi dello scritto