Eliminazione della PN27: scadenze rispettate

Eliminazione della PN27: scadenze rispettate
Eliminazione della PN27: scadenze rispettate
-

Funzionari eletti a Brignoud Foto © Mathieu Karabagli

Il presidente del dipartimento Jean-Pierre Barbier ha visitato il luogo della rimozione del passaggio a livello n. 27 (PN27) a Brignoud, accompagnato dal vicepresidente incaricato della mobilità e dell’edilizia pubblica, Bernard Perazio, del vicepresidente incaricato del turismo e dell’attrattiva, Christophe Suszylo, e il consigliere dipartimentale del cantone di Moyen-Grésivaudan Annick Guichard, alla presenza dei sindaci e della Comunità dei comuni. Ricorda che per tutti i progetti attivi in ​​questo settore il Dipartimento investe 50 milioni di euro. Obiettivi ? Soddisfare le esigenze di viaggio attuali e future a Grésivaudan e offrire alternative efficienti all’uso delle auto individuali.

Un passaggio a livello pericoloso


Il Passaggio a Livello (PN 27) è un incrocio particolarmente pericoloso e prioritario. I flussi di traffico sono significativi: traffico stradale molto elevato (12.700 veicoli/giorno) sulla RD10
che attraversa la linea ferroviaria Grenoble-Montmélian, con traffico altrettanto intenso (60 treni/giorno); passaggio di numerosi pedoni e ciclisti costretti ad utilizzare la carreggiata per attraversare il passaggio a livello; Tempi di chiusura stradale particolarmente lunghi, data la vicinanza della stazione Brignoud.

Per questo motivo il Dipartimento, lo Stato, la SNCF Réseau, la Comunità dei Comuni di Le Grésivaudan e i comuni di Villard-Bonnot e Froges hanno deciso di eliminare la PN 27, iscritta nel Programma di Sicurezza Nazionale (PSN), e di sostituirla con percorsi sicuri. per ogni utilizzo.


È il Dipartimento dell’Isère che, in partenariato con SNCF Réseau, è responsabile di questo progetto di rimozione, che comprende:

  • la realizzazione da parte del Dipartimento di una nuova strada a nord dell’attuale PN 27 con un ponte stradale che ne consenta il passaggio sopra la linea ferroviaria, utilizzando una struttura sconnessa, integrando una pista ciclabile dedicata di 3 metri di larghezza (maggiori dettagli di seguito);

  • la realizzazione da parte di SNCF Réseau di un sottopassaggio e di rampe di accesso che consentano ai pedoni (comprese le persone a mobilità ridotta) e ai ciclisti di attraversare i binari ferroviari e raggiungere i vari marciapiedi del capolinea periurbano di Brignoud.

Iniziati nel giugno 2023, i lavori, realizzati dal Dipartimento fino alla fine del 2024, sono costati 15 milioni di euro, cofinanziati al 50% dal Dipartimento e dallo Stato, nell’ambito del piano France Relance. Il programma annunciato è stato rispettato.

Un ponte stradale per veicoli e modalità attive


Per attraversare in sicurezza la linea ferroviaria Grenoble-Montmélian, il Dipartimento ha costruito un ponte stradale integrale, lungo 600 m, a nord dell’attuale passaggio a livello, senza giunti stradali e senza supporti di sicurezza per facilitarne la successiva gestione riguardo ai vincoli imposti dal traffico ferroviario. Vengono inoltre realizzati i collegamenti alla RD 10 esistente, su entrambi i lati della struttura.

Questo ponte comprende una carreggiata a 2 corsie e uno spazio in modalità attiva con una larghezza di 3 m, fisicamente separato da essi. Il ponte sopra i binari ferroviari ha una luce di 18 me permette di superare uno scartamento ferroviario di 6,10 m di altezza. La struttura dell’impalcato è composta da 19 travi in ​​acciaio annegate nel cemento armato. La realizzazione di quest’opera ha avuto un impatto minimo sull’utenza poiché sono state necessarie solo interruzioni notturne del traffico ferroviario: una per la posa di tali travi e cinque per le fasi più restrittive di realizzazione dell’impalcato. Tale struttura presenta un’apertura sufficiente per consentire successivamente la realizzazione di un collegamento ciclabile Froges/stazione Brignoud lungo la linea ferroviaria.

Da notare che il Dipartimento ha dovuto adattare il suo progetto in seguito all’incendio doloso del ponte Brignoud. In seguito a questo evento, il Dipartimento ha avviato molto rapidamente delle discussioni affinché le conseguenze dell’incendio non incidessero sul calendario di rimozione della PN 27 e che l’intervento realizzato fosse compatibile con un progetto di ricostruzione del ponte Brignoud. La posizione della rotatoria RD10/RD10a è stata spostata di un centinaio di metri verso nord per consentire un collegamento diretto con il nuovo ponte. Ciò ha permesso di limitare gli spostamenti della rete, generando notevoli risparmi e impatti ambientali.

Scopri di più nel comunicato stampa

-

PREV SENEGAL-NUMERIQUE-PERSPECTIVES / Una campagna accademica per la creazione di un istituto dedicato all’intelligenza artificiale – Agenzia di stampa senegalese
NEXT La Grosse Journe Recycleries (ex sito di segheria) Moustey