Europei 2024. Chi è il candidato del Giura nella lista della Riconquista di Marion Maréchal

Europei 2024. Chi è il candidato del Giura nella lista della Riconquista di Marion Maréchal
Europei 2024. Chi è il candidato del Giura nella lista della Riconquista di Marion Maréchal
-

Di

Monica Henriet

pubblicato su

16 maggio 2024 alle 11:10

Vedi le mie notizie
Segui Le voci del Giura

La direzione nazionale del partito Riconquista ha appena confermato con la pubblicazione dell’elenco ufficiale dei candidati l’investitura Thierry Perretcon sede a Plainoiseau vicino a Lons-le-Saunier, nell’elenco Francia orgogliosacondotto da Marion Maréchal e supportato da Eric Zemmour per le prossime elezioni europee del 9 giugno 2024.

“Questa lista è un sapiente mix di insegnanti, funzionari eletti, dirigenti in servizio o in pensione, agenti di polizia, agricoltori che la rendono la più competente, la più originale e la più credibile”, annuncia Ledonien Thierry Perret chi è il unico candidato della Franca Contea mantenuto dal partito della Riconquista.

62 anni, questo dirigente in pensione è sempre stato coinvolto nella destra. “Per prima cosa ho fatto una campagna per Carlo Pasqua E Filippo de Villiers agli Europei del 1999 prima di unirsi al Fronte nazionale in seguito al trasferimento di potere tra Jean-Marie Le Pen e sua figlia Marin. Ho lasciato questo movimento nel 2021 per unirmi alla campagna presidenziale di Éric Zemmour nel gennaio 2022», spiega.

“Uno spazio limitato agli attuali confini geografici”

Il candidato si dice favorevole all’unione dei diritti. “Nella mia formazione sono riconosciuta per la mia padronanza delle materie riguardantiecologia e il transizione energetica “.

Quanto all’Europa, “dobbiamo ripristinare il suo spirito iniziale, quello di Adenauer, Spaak, Faure, Pineau, Benvenuti, Bech e Linthorst-Homan. Una comunità economica, estesa ai membri ammessi fin dal Trattato di Roma in uno spazio limitato agli attuali confini geografici.

“Un’identità autoctona europea, plasmata nei secoli dalle religioni cattolica, protestante, ortodossa ed ebraica sulla base di una cultura greco-latina dove anche i non credenti trovano il loro posto nei precetti scaturiti da questi anni di Storia divenuti oggi regole della vita comune.

“L’unione dei diritti europei”

“Un’Europa dove le tradizioni di ogni nazione, di ogni regione sono considerate elementi del patrimonio senza tempo e inalienabili. Un’assemblea in cui l’esercito verde messicano di sinistra islamica sarà ridotto al minimo indispensabile, in cui l’unione dei diritti europei traccerà la rotta da seguire per il futuro delle generazioni future in un’istituzione finalmente liberata dalla signora Trump. Von der Leyen“, conclude Thierry Perret, candidato Elezioni legislative del 2022 nella prima circoscrizione elettorale del Lons-le-Saunier.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV A Mayotte il colera miete una seconda vittima
NEXT In Vandea, dopo un impatto con un altro veicolo, un’auto urta un palo elettrico