La Costituzione friburghese festeggia il suo 20° anniversario

La Costituzione friburghese festeggia il suo 20° anniversario
La Costituzione friburghese festeggia il suo 20° anniversario
-

La Costituzione del Canton Friburgo compie 20 anni. Il 16 maggio 2004 i friburghesi hanno adottato la Carta con il 58% dei voti. Con il progetto elaborato dall’Assemblea Costituente i cittadini hanno apportato una sferzata di modernità all’intero ordinamento giuridico cantonale.

Il popolo ha così riconosciuto a larga maggioranza la “qualità” del lavoro costruito dall’Assemblea Costituente. “Un’assemblea pienamente rappresentativa della società friburghese”, constata l’Associazione costituente in un comunicato stampa in occasione dell’anniversario dell’atto fondamentale che disciplina le istituzioni friburghesi.

“Tra lo scontro di idee e la ricerca del consenso, gli elettori hanno lavorato con uno spirito visionario e realistico allo stesso tempo.” Hanno perpetuato un'”avventura affascinante” all’interno dell’Associazione Costituente, la cui idea è stata lanciata dall’ex consigliere federale Alain Berset.

Numerose innovazioni

Ogni 12 marzo, data dell’elezione dell’Assemblea Costituente nel 2000, l’associazione si riunisce per mantenere i legami e per seguire nel tempo l’attuazione della “nuova” Costituzione. “Le innovazioni apportate dalla Carta sono numerose e importanti”, afferma.

La politica familiare si è così concretizzata in assegni per i figli, anche se i genitori sono lavoratori autonomi, in assegni di maternità, anche per le madri senza attività lucrativa e in caso di adozione, e in prestazioni aggiuntive per le famiglie.

In termini di diritti sociali, l’articolo sul diritto degli anziani alla partecipazione, all’autonomia, alla qualità della vita e al rispetto della propria personalità si è concretizzato nel vasto programma “Senior +”. Anche i diritti politici si sono arricchiti di un nuovo strumento, la mozione popolare.

Gran Consiglio rafforzato

Senza dimenticare il diritto di voto e di eleggibilità concesso agli stranieri a livello comunale, ricorda l’associazione. Anche le istituzioni sono state oggetto di riforme sostanziali: il Gran Consiglio è stato rafforzato con la creazione di una propria segreteria, riducendo l’organico da 130 a 110 deputati.

Inoltre, l’istituzione del mandato consente al legislatore cantonale di intervenire nelle materie di competenza del Consiglio di Stato. Anche il Tribunale cantonale e il Tribunale amministrativo sono diventati un tutt’uno, e ora la giustizia è vigilata da un Consiglio giudiziario.

Infine, sono state sviluppate le disposizioni sulle lingue ufficiali. Mantengono il principio di territorialità e di libertà di lingua e specificano che un comune può avere due lingue ufficiali se la minoranza linguistica è significativa. Un disegno di legge è in preparazione in questo settore.

“Lei tiene testa”

“La Costituzione del 16 maggio 2004 regge”, conclude l’associazione nel suo comunicato stampa. A seguito delle iniziative popolari, ha subito due integrazioni, con la lotta al fumo passivo e la trasparenza del finanziamento dei partiti politici, che «idealmente» avrebbero potuto accontentarsi di un posto nella legge.

Al momento del bilancio, gli elettori del Canton Friburgo guardano quindi con un sorriso al cammino percorso, stima l’associazione. D’ora in poi “sperano che la Costituzione continui a dare energia alla vita politica e a migliorare il benessere dei residenti”.

All’epoca, temendo le spese che avrebbe comportato l’applicazione della Costituzione, l’UDC e il PLR si opposero, così come le associazioni datoriali. Infine, molti politici fecero la loro prima apparizione nell’Assemblea Costituente, tra cui Alain Berset e Christian Levrat, entrambi socialisti.

/ATS

-

PREV NÎMES L’ex sindaco di Moulézan condannato questo lunedì
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News