Giochi di vergogna. Per le Olimpiadi il governo vuole tenere lontani i giovani dal 93

Giochi di vergogna. Per le Olimpiadi il governo vuole tenere lontani i giovani dal 93
Giochi di vergogna. Per le Olimpiadi il governo vuole tenere lontani i giovani dal 93
-

Repressione, sorveglianza, aumento dei prezzi… mentre il governo prepara il terreno per ospitare i Giochi Olimpici” accessibile a tutti », la prefettura di Seine-Saint-Denis svela un nuovo strumento per “ pulire » la città quest’estate: un riorientamento del sistema « Quartieri estivi » incoraggiare il finanziamento dei soggiorni fuori dipartimento, per liberare i giovani dai loro quartieri durante le Olimpiadi.

Una lettera del Prefetto delle Pari Opportunità del 28 marzo 2024 specifica: “ Nell’ambito della componente soggiorni dell’operazione “Summer Quarters”, il bando è orientato esclusivamente ad un’offerta diversificata di soggiorni offerti a giovani e famiglie. Particolare attenzione sarà riservata, nella selezione dei progetti, a coloro che propongono soggiorni fuori dipartimento. » Una novità ed un’eccezione rispetto agli altri dipartimenti dell’Ile-de-France, come si legge nell’articolo di Mediapart E BondyBlog. Bakary Soukouna, consigliere comunale dell’opposizione a Saint-Denis, ha confermato ai suoi giornalisti: “ Il messaggio è molto chiaro: se te ne vai, ti finanzieremo noi. Ci sono i budget, le porte sono aperte, è ora o mai più. »

Una stigmatizzazione dei giovani del quartiere

Chiesto da Mediapart e il BondyBlog, attivisti e attori associativi denunciano la stigmatizzazione dei giovani di Seine-Saint-Denis, che tentano anche di disinnescare una potenziale conflagrazione sociale allontanandoli dalle loro case in un momento in cui turisti e polizia saranno presenti in gran numero, a un anno di distanza ora dell’omicidio di Nahel da parte della polizia e in un momento in cui la solidarietà con la Palestina si diffonde tra i giovani. Alcuni stakeholder dell’associazione intervistati hanno affermato di non poter offrire la loro programmazione abituale in estate, perché non è stato offerto alcun budget dedicato a queste attività. Le piccole strutture, per mancanza di risorse, non potranno offrire soggiorni.

Infine, alcuni si rammaricano anche che questi sussidi non permettano agli abitanti di Seine-Saint-Denis di beneficiare dei Giochi Olimpici, come avviene in altri dipartimenti dove la maggior parte dei crediti sono destinati a progetti legati ai Giochi Olimpici, come è il caso ad esempio dell’Hauts-de-Seine. Alcuni denunciano anche un certo clientelismo nel processo, e temono che ciò porti a una selezione per esclusione, come ad esempio nell’assegnazione dei posti liberi per i giochi promessa dal presidente del dipartimento.

Non vedo come si possa fare un favore ai nostri figli non permettere loro di godersi le Olimpiadi. », dichiara Aly Dioura, presidente dell’associazione Seine-Saint-Denis au coeur, con la BondyBlog E Mediapart. “ L’80% dei test si svolgerà su apparecchiature situate a Seine-Saint-Denis. Abbiamo alimentato un intero processo di gentrificazione, il che significa che le persone hanno difficoltà a trovare un alloggio. Dall’altro lato, viene detto loro di andarsene. Sei fuori casa per un mese. Fare spazio. »
Marion, insegnante in un collegio di Saint-Denis, denuncia in modo più ampio una logica sprezzante e razzista nei confronti dei giovani dei quartieri popolari durante i Giochi: “ O impiegheremo i giovani come lavoratori forzati, come guardie giurate o camerieri, oppure li licenzieremo perché non vogliamo che vivano sul loro territorio. » Lei anticipa l’estate « pentola a pressione », tra l’esplosione dei prezzi dei trasporti, l’aumento della sorveglianza e il rafforzamento della polizia, l’aumento della violenza e dei controlli razzisti della polizia che subiranno i residenti, come è avvenuto nel 2020 durante il blocco del Covid.

Parigi 2024: una caccia olimpica ai poveri

Quest’ultimo dispositivo fa parte della lunga lista di misure adottate dal governo che sta cercando a tutti i costi di “ pulire » Parigi e Seine-Saint-Denis, dove si svolgerà la maggior parte dei test, sono indesiderabili, cioè poveri, razzializzati e immigrati che sarebbero troppi mentre la città si prepara ad accogliere 15,3 milioni di visitatori cumulativi. Questa è una traiettoria comune per le Olimpiadi, che spesso fungono da trampolino di lancio per i governi per gentrificare i quartieri operai nelle grandi città. Ad esempio, il Villaggio Olimpico tra Saint-Denis e Saint-Ouen, parzialmente finanziato dallo Stato attraverso Solideo, sarà convertito in abitazioni dopo i Giochi, con il conseguente aumento degli affitti e quindi la violenta gentrificazione che ne conseguirà. L’anno scorso, 400 immigrati furono deportati per far posto alla costruzione di questa struttura.

La stigmatizzazione dei quartieri popolari è una cosa comune per il governo di Gabriel Attal, che ha recentemente annunciato una nuova serie di misure repressive rivolte soprattutto ai giovani di questi ambienti: creazione di un’etichetta di “piantagrane” su Parcoursup per gli studenti “dirompenti”, implementazione di un equivalente di un’opera di interesse generale per i minorenni, l’istituzione della comparizione immediata per i minori di 16 anni… Ancora oggi, la politica del governo Attal è accompagnata da un discorso razzista di non integrazione che giustificherebbe l’allineamento o l’allontanamento di una popolazione che rappresenterebbe una minaccia per l’ordine repubblicano.

Questi giochi della vergogna sono un’opportunità per il governo Macron di combinare tutte le sue politiche razziste e antisociali, tra sfratti, gentrificazione, aumento dei prezzi e persino attacchi contro i sindacalisti che minacciano lo sciopero. È giunto quindi il momento di costruire una risposta da parte del movimento sociale nel suo insieme, sulle orme dei netturbini e dei fognari in sciopero contro l’alto costo della vita, o degli studenti e degli studenti delle scuole superiori che si ribellano contro l’attuale genocidio in Palestina.

-

PREV Saint-Denis registra una crescita di quasi mille abitanti all’anno
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News