Ardèche: scoprire il mestiere dell’agricoltore e creare vocazioni

-

È Sylvain Balmelle che visita l’allevamento di capre al liceo agrario. Sylvain Balmelle è un allevatore di capre e produttore di formaggio a Ribes vicino a Largentière. E l’idea è quella di avviare questi giovani alle professioni agricole per favorire magari le vocazioni. In Ardèche, il numero degli impianti è all’incirca uguale a quello dei pensionamenti ogni anno. Ma il dipartimento costituisce un’eccezione e tra dieci anni il 40% degli agricoltori andrà in pensione.

Mettiamo fine ai luoghi comuni

Sylvain Balmelle mette le cose in chiaro. Non tutti gli agricoltori lavorano 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno. “Possiamo immaginare un modello economico con pochi fine settimana e giorni festivi“, spiega ai ragazzi. Anche se è vero che questo mestiere è duro e che non bisogna contare le ore. Il direttore del liceo agrario ricorda anche che in agricoltura ci sono tanti mestieri molto diversi tra loro. “Un giovane mi ha detto “questo non mi interessa, voglio lavorare nell’informatica”. Ma oggi l’agricoltura ha bisogno di specialisti informatici.“, spiega Mathieu Prévost.

Studenti delle scuole medie nella fattoria del liceo agrario Olivier de Serres di Mirabel ©Radio Francia
Pierre-Jean Pluvy

Giovani molto eterogenei

La maggior parte dei giovani è piuttosto contenta di questa visita. “Mi piacciono gli animali e lavorare all’aria aperta, non come nelle fabbriche, è elegante” dice Yara, 14 anni. “Ma non vorrei che diventasse il mio lavoro; Non voglio pulire le gabbie degli animali.” Stessa cosa per Paulin, 12 anni. “È un lavoro molto duro” Egli ha detto. “Devi essere appassionato“.

Tuttavia, al termine della visita, alcuni studenti tornano da Sylvain Balmelle per porre una domanda, in silenzio, lontano dalla classe. Zoé, 12 anni, di Vals-les-Bains, è molto interessata all’allevamento di capre. “Mungete le capre a mano? “Zoe ha mille domande e finisce per dire che le piacerebbe fare uno stage in una fattoria. Una scommessa vinta.

#French

-

PREV Gironde: due cavalle ai margini dei vigneti di Château Lapeyre
NEXT Esercizio “proibito”, ruota panoramica, sottomarino… Le 5 cose da ricordare di mercoledì 22 maggio nella Manica