MONDIALE – Akira Schmid netta, 4° successo svizzero

MONDIALE – Akira Schmid netta, 4° successo svizzero
MONDIALE – Akira Schmid netta, 4° successo svizzero
-
Turno preliminare – Gruppo A

OBIETTIVI (SOG: 30-15)
03:48 Più Hischier (Josi, Fiala) 1-0
13:36 Kukan (Siegenthaler, Herzog) 2-0
39:36 Niederreiter (Fiala, Josi/PP1) 3-0

Dopo due grandi battaglie che hanno consumato energie, la squadra svizzera ha vissuto una serata più tranquilla contro la Gran Bretagna. Dopo aver sbagliato un rigore (Kevin Fiala), ma dopo essersi portati in vantaggio per 2-0 nel primo periodo, gli uomini di Patrizio Fischer non ebbe difficoltà a resistere alla Gran Bretagna, che aspettò ancora un po’ prima di festeggiare un nuovo successo contro i Confederati. L’ultimo risale al 1953!

Lo svizzero ha lavorato duro, molto disciplinato e soprattutto desideroso di non lasciare la squadra Pietro Russell. Cosa fatta con il quarto gol della competizione Nico Hischier. Dean Kukan poi, logicamente, ha raddoppiato al 14′.

Successivamente la Gran Bretagna si è rivelata un avversario di tutto rispetto, senza riuscire a limitare lo slancio svizzero in superiorità numerica: Nino Niederreiter, alla fine del secondo periodo, ha permesso alla sua squadra di portarsi in vantaggio per 3-0, e il powerplay svizzero aveva un record di 8 su 16 nel torneo. L’anno scorso i cechi (i migliori in questo esercizio) hanno segnato otto gol in superiorità numerica, cosa che la Svizzera aveva fatto in quattro partite.

Troppo limitati per frenare la velocità dei Nati, gli inglesi hanno concesso troppe palle perse per sperare in qualcosa di concreto stasera. E si capì presto che la partita sarebbe stata a senso unico: fino al 2-0 di Kukan, la Gran Bretagna aveva pattinato solo… 14 secondi (!!!) in zona svizzera.

Insomma, Fischer e i suoi non hanno dovuto soffrire per ottenere questa vittoria, la quarta del torneo. La partita non è stata delle più entusiasmanti, ma gli Elvezi hanno avuto il pieno controllo. Missione compiuta, con l’ulteriore vantaggio di uno shutout per Akira Schmid in occasione del suo primo mandato con i Nati. Una squadra che beneficerà ora di due giorni di riposo prima di affrontare sabato a mezzogiorno la Danimarca. Potrebbe quindi ufficializzare la sua qualificazione ai quarti di finale.

#Swiss

-

PREV Ristoranti: il marchio “Tables du Gers” è più attuale che mai
NEXT Nel maggio 1974 Vaud riconosce la sua prima donna transgender