Un salario minimo di 20 dollari l’ora rappresenterebbe un costo di 44,9 miliardi di dollari e minaccerebbe la sopravvivenza di quasi 600.000 imprese canadesi

Un salario minimo di 20 dollari l’ora rappresenterebbe un costo di 44,9 miliardi di dollari e minaccerebbe la sopravvivenza di quasi 600.000 imprese canadesi
Un salario minimo di 20 dollari l’ora rappresenterebbe un costo di 44,9 miliardi di dollari e minaccerebbe la sopravvivenza di quasi 600.000 imprese canadesi
-

MONTREAL, 15 maggio 2024 /PRNewswire/ — Il pagamento obbligatorio di un salario minimo di 20 dollari l’ora in tutte le province costerebbe 44,9 miliardi di dollari in più in salari, secondo un nuovo rapporto della Federazione canadese delle imprese indipendenti (CFIB) e potrebbe danneggiare la redditività di quasi 600.000 imprese . In Quebec ciò rappresenterebbe un rischio per 141.927 PMI e un costo di 10,25 miliardi di dollari.

Contrariamente alla credenza popolare, l’aumento del salario minimo non è una soluzione miracolosa alla crisi di accessibilità economica del paese. Benjamin Rousse, analista politico presso la Canadian Federation of Independent Business, presenta idee preconcette sul salario minimo e raccomandazioni alternative per affrontare il crescente costo della vita.

La relazione intitolata Accessibilità, salario minimo e salario minimo: trovare l’equilibrio per le PMI analizza l’impatto dell’aumento del salario minimo a 20 dollari l’ora, una proposta presa in considerazione da alcuni gruppi. Il rapporto mostra che i governi devono adottare un nuovo approccio per risolvere i problemi di accessibilità economica. In effetti, non solo le tradizionali politiche sul salario minimo e dignitoso non riescono ad affrontare le cause profonde dell’aumento del costo della vita, ma fanno anche aumentare i costi operativi per le PMI.

“Spesso nel Paese le politiche di fissazione del salario minimo non tengono conto della realtà economica e si basano su criteri soggettivi e imprevedibili. I governi dovrebbero concentrarsi su un approccio pragmatico che aiuti i lavoratori a far fronte al crescente costo della vita senza aumentare l’onere sulle PMI. L’adozione di un salario minimo di 20 dollari l’ora avrebbe le conseguenze più dannose per i cittadini e per l’economia», sottolinea François Vincent, vicepresidente del Quebec presso il CFIB.

Costo del pagamento obbligatorio di un salario minimo di $ 20/ora, per provincia

Provincia

Costo (milioni di dollari)

Numero di PMI che
potrebbe diventare no
redditizio

Terranova e Labrador

$ 943

10653

Isola del Principe Edoardo

$ 332

3100

Nuova Scozia

1$ 933

14048

Nuovo Brunswick

1$ 543

12519

Québec

10$ 255

141927

Ontario

16$ 741

200387

Manitoba

2$ 748

23485

Saskatchewan

1$ 823

18432

Alberta

4$ 309

73181

British Columbia

4$ 325

75495

Canada

$ 44.900

572.499


L’impatto negativo degli aumenti del salario minimo

I recenti aumenti del salario minimo hanno costretto il 60% dei proprietari di PMI ad aumentare la retribuzione degli altri dipendenti e il 59% ad aumentare il prezzo dei propri prodotti/servizi, il che non fa altro che alimentare le attuali pressioni inflazionistiche. Inoltre, il 31% ha affermato di aver assunto meno persone giovani o inesperte e il 25% ha dichiarato di aver ridotto il proprio personale. Questi dati evidenziano la necessità di un approccio più articolato alle politiche salariali che tenga conto del loro impatto sui lavoratori e sulle imprese.

“La crisi dell’accessibilità economica Canada richiede un quadro più efficace: dobbiamo garantire che i prezzi dell’affitto, dei generi alimentari e della benzina siano stabili e accessibili, sostenendo al tempo stesso i lavoratori e le PMI abbassando le tasse. Queste misure aiuterebbero notevolmente le persone più vulnerabili”, afferma Benjamin Rousseanalista politico presso CFIB.

La CFIB raccomanda ai governi di intraprendere le seguenti azioni:

  • Mitigare l’impatto degli aumenti del salario minimo sulle PMI riducendo altri costi salariali e tasse (ad esempio, aliquote fiscali per le piccole imprese, piano pensionistico canadese Canadaassicurazione sul lavoro, detrazioni relative alla salute o all’istruzione, ecc.).
  • Stabilire quadri di fissazione del salario minimo che siano prevedibili, trasparenti, riflettano le condizioni di mercato e tengano conto degli impatti economici.
  • Legare gli aggiustamenti del salario minimo alla crescita dei salari del settore privato o a una percentuale predeterminata del salario mediano.
  • Affrontare le cause profonde della crisi dell’accessibilità economica adottando politiche volte ad aumentare l’offerta di alloggi, ridurre le tasse sull’energia e rimuovere le barriere al commercio interprovinciale e internazionale.
  • Trovare modi più mirati per sostenere i lavoratori vulnerabili (riducendo le imposte sul reddito personale, aumentando le esenzioni personali di base e ampliando i crediti d’imposta).

Clicca qui per visualizzare il rapporto.

A proposito del CFIB

La CFIB (Federazione canadese delle imprese indipendenti) è il più grande gruppo di PMI del paese, con 97.000 membri in tutti i settori di attività e in tutte le regioni. Mira ad aumentare le possibilità di successo delle PMI difendendo i loro interessi presso i governi, fornendo loro risorse personalizzate e offrendo loro risparmi esclusivi. Visita fcei.ca per saperne di più.

FONTE Federazione canadese delle imprese indipendenti

Informazioni: Maud Larivière, addetta stampa, FCEI, tel. : 514-861-3234 (interno 1808) | Cellula. : 514-817-0228, [email protected]

-

PREV Oise: Nogent vince il premio di peggior pagatore del dipartimento (elenco completo)
NEXT Tra sfruttamento e diritto territoriale