Trasporti pubblici gratuiti: il Consiglio di Stato insiste e firma

Trasporti pubblici gratuiti: il Consiglio di Stato insiste e firma
Trasporti pubblici gratuiti: il Consiglio di Stato insiste e firma
-

Ginevra si è mobilitata per le Giornate Nazionali d’Azione per i Diritti delle Persone con Disabilità. Workshop, proiezioni, conferenze: da mercoledì e per un mese sono previste una cinquantina di azioni per festeggiare i 10 anni di applicazione in Svizzera della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.

Parallelamente a queste azioni, il Cantone e la Città di Ginevra lanciano una campagna di sensibilizzazione dal titolo «Come tutti gli altri». Sarà trasmesso su diversi media e in particolare sui veicoli dei trasporti pubblici ginevrini (TPG).

La campagna si concentra su quattro temi, vale a dire il diritto alla formazione delle persone con disabilità, il loro diritto al lavoro, il loro diritto all’alloggio e il loro diritto all’autonomia. La campagna è stata sviluppata in collaborazione con una giuria che includeva persone con disabilità. Dettagli con Christina Kitsos, Consigliera amministrativa responsabile del Dipartimento della Coesione Sociale e della Solidarietà della Città di Ginevra.

type="audio/mpeg" src="https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo5hy/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo5i3.mp3?_=17">https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo5hy/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo5i3.mp3>

“Il compito dei poteri pubblici è quello di attuare gli impegni assunti nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD)”, ha spiegato il consigliere di Stato Thierry Apothéloz, responsabile del Dipartimento per la coesione sociale. Una futura legge sull’uguaglianza e sui diritti delle persone con disabilità dovrebbe dare attuazione a molte delle disposizioni di questa convenzione, ha spiegato il magistrato.

type="audio/mpeg" src="https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4hf/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4hk.mp3?_=18">https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4hf/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4hk.mp3>

Dieci anni dopo l’adozione di questa convenzione si sono osservati progressi in alcuni settori, ma c’è ancora molto lavoro da fare soprattutto a Ginevra. Lo spiega Cyril Mizrahi, presidente della Federazione ginevrina delle associazioni dei disabili e dei loro familiari.

type="audio/mpeg" src="https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4ph/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4po.mp3?_=19">https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4ph/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4po.mp3>

A volte l’ambiente urbano non è adatto alle persone con disabilità.

Le persone con disabilità incontrano ancora quotidianamente molti ostacoli, soprattutto a Ginevra. Corinne Bonnet-Mérier è la presidentessa del Club delle sedie a rotelle di Ginevra.

type="audio/mpeg" src="https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4i5/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4ia.mp3?_=20">https://play.vod2.infomaniak.com/single/1jhvl2uqoo4i5/1jhvl2uqjy78x/1jhvl2uqoo4ia.mp3>

Il consigliere amministrativo della Città di Ginevra, Frédérique Perler, è consapevole di queste difficoltà quotidiane. Proporrà un credito di 10,8 milioni di franchi per ammodernare 150 fermate dei trasporti pubblici e consentire così l’accesso livellato ai veicoli.

Laurie Selli con ATS

-

PREV I primi francobolli postali di Ginevra venduti all’asta
NEXT Quali conseguenze ci si possono aspettare per la Svizzera?