Per il suo quindicesimo anniversario, la NSPW punta al “più grande gala nella storia del wrestling del Quebec”

-

Molte cose sono cambiate dal primo gala organizzato da Steve Boutet, davanti a un pugno di spettatori a Pont-Rouge. Quindici anni dopo, il fondatore della NSPW e la sua banda di allegri lottatori rilevarono il padiglione Guy-Lafleur con l’obiettivo di allestire “il più grande gala di wrestling nella storia del Quebec”.

Per fare questo, la North Shore Pro Wrestling ha convinto gli americani Matt Riddle e Shelton Benjamin verranno in Quebec per socializzare con una formazione di star locali come Benjamin Tull, Loue O’Farrell e Pee Wee.

tutto dentro. Vogliamo dimostrare che il wrestling in Quebec non ha nulla da invidiare ad altre organizzazioni come la WWE e l’All Elite Wrestling”,”text”:”È il più grande gala che abbiamo mai fatto. Andiamo fino in fondo. Vogliamo dimostrare che il wrestling in Quebec non ha nulla da invidiare ad altre organizzazioni come la WWE e l’All Elite Wrestling”}}”>È il gala più grande che abbiamo mai avuto. Eccoci qui tutto dentro. Vogliamo dimostrare che il wrestling in Quebec non ha nulla da invidiare ad altre organizzazioni come la WWE e l’All Elite Wrestling.annuncia Boutet a proposito della serata Occasione d’oro XIV dal 15 giugno.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Il più grande evento NSPW ogni anno, il gala Golden Opportunity è stato presentato allo stadio Canac la scorsa estate.

Foto: Radio-Canada / Jean-Michel Cloutier

L’obiettivo può sembrare ambizioso, ma da quindici anni la NSPW non ha fatto altro che superare le più rosee aspettative che il suo creatore avrebbe potuto avere.

Fondamentalmente volevo fare tre serate di gala e poi è finita. Quindici anni dopo, quest’estate avremo il nostro 500esimo galadescrive colui che attribuisce parte del suo successo alle carriere internazionali dei quebecchesi Kevin Owens e Sami Zayn.

Sono passati per casa nostra. Questi sono due ex campioni della NSPW che ora sono in WWE osserva Boutet, noto anche come Stephen Sullivan ai fan del wrestling.

Dai sotterranei delle chiese al padiglione Guy-Lafleur

Yannick, protagonista del primissimo gala della NSPW 15 anni fa Pee Wee Tremblay è nella posizione ideale per apprezzare i progressi compiuti dall’organizzazione sin dall’inizio. Abbiamo lottato davanti a 10-15 persone. Ora abbiamo migliaia di fan che seguono le storie, che conoscono i lottatori, tifano per i buoni e odiano i cattivi. Ci è voluto molto tempo, ma ne è valsa la pena aspettare.

Stessa storia con Loue O’Farrell, campione junior dei pesi massimi dell’organizzazione, che ricorda che il combattimento ebbe luogo perse le lettere nobiliari in Quebec quando è iniziato nel 2008.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Loue O’Farrell (manica rossa) fa parte di una nuova generazione di lottatori che vengono sempre più proposti nel wrestling del Quebec.

Foto: Jason Barker / Femmes fatales

Era un po’ disapprovato dal pubblico e veniva fatto negli scantinati delle chiese e nelle sale della comunità. Ora, l’Horizon Center è pieno zeppo ogni mese, facciamo il Diamant e lì realizzeremo il padiglione Guy-Lafleur. Lo trovo stupido e assolutamente genialedice la lottatrice nota per le sue acrobazie ad alta quota.

Un cenno alle leggende del passato

Se il wrestling sta vivendo una nuova epoca d’oro nella provincia, la sua tradizione è ancora da molto tempo ancorata alla cultura del Quebec. I nomi di Yvon Robert, Dino Bravo e Mad Dog Vachon appartengono oggi al folklore, proprio come quelli di Gilles Il pesce Poisson e Raymond Rougeau, che accettarono entrambi l’invito per la sera del 15 giugno.

Hanno rispettivamente 77 e 69 anni, i due uomini saranno presenti per un’anteprima di gala con il pubblico.

Resta da vedere se la NSPW riuscirà a far rivivere la frenesia di un’epoca che molti pensavano finita nel wrestling del Quebec.

Circa 1.200 biglietti al prezzo compreso tra 25 e 40 dollari hanno già trovato acquirenti per il gala Golden Opportunity XIV, ma Steve Boutet dice di aspettarsi una folla di oltre 2.000 spettatori.

Con informazioni di Jean-Philippe Martin

-

PREV Una seconda morte legata al colera a Mayotte
NEXT Quattro senza timoniere 5° nella finale della Coppa del Mondo di Lucerna