Le biciclette elettriche potrebbero sostituire fino al 25% degli spostamenti in auto nella Grande Montreal

Le biciclette elettriche potrebbero sostituire fino al 25% degli spostamenti in auto nella Grande Montreal
Le biciclette elettriche potrebbero sostituire fino al 25% degli spostamenti in auto nella Grande Montreal
-

La bicicletta a pedalata assistita (VAE) è “l’elemento mancante che risolverebbe l’equazione della mobilità sostenibile”, secondo Équiterre. Secondo un rapporto pubblicato mercoledì, questa modalità di trasporto potrebbe sostituire fino al 25% dei viaggi attualmente effettuati in auto nella Grande Montreal.

Le conclusioni del documento, prodotto in collaborazione con la Cattedra di Mobilità del Polytechnique Montréal, nascono dall’esperienza Vélovolt. Nell’ambito di questo, che ha avuto luogo negli ultimi tre anni, più di 1.000 persone provenienti da 50 organizzazioni in tutto il Quebec hanno potuto partecipare alle sperimentazioni VAE. Le loro cavalcature erano dotate di localizzatori GPS, consentendo così di misurare le distanze percorse.

“Nell’anno successivo al processo, abbiamo intervistato coloro che avevano preso parte al progetto e il 37% di loro ha affermato di aver ridotto l’uso dell’auto per gli spostamenti casa-lavoro”, sottolinea Marilène Bergeron, vicedirettrice dei programmi educativi della Équiterre.

Tuttavia la bicicletta a pedalata assistita è ancora troppo “poco conosciuta”, lamenta MMe Bergerón. Tuttavia, a suo parere, si tratta del “pezzo mancante” del puzzle della mobilità sostenibile.

Infatti, “attraverso la sua capacità di democratizzare l’uso della bicicletta e di ampliarne la portata territoriale, la VAE contribuisce a diversificare le opzioni di trasporto sostenibile e integra il trasporto pubblico e le modalità attive”, sostiene Catherine Morency, professoressa e titolare della Cattedra di Mobilità al Polytechnique Montreal.

Agire “su tutti i fronti”

Per incentivare la pratica della bicicletta elettrica tra la popolazione è necessario agire “su tutti i fronti”, sottolinea Marilène Bergeron. “Dobbiamo aumentare il numero di formule come BIXI che forniscono VAE self-service nella Grande Montreal. »

“Potrebbe essere un servizio offerto sulla scala di un MRC in cui diverse città si uniscono, o anche nel settore industriale in cui le aziende si uniscono per offrire servizi VAE ai propri dipendenti”, afferma.

Secondo il rapporto, dovrebbero essere introdotti anche incentivi finanziari per l’acquisto o il noleggio di VAE.

Per aumentare il numero degli appassionati di biciclette a pedalata assistita, le infrastrutture ciclistiche restano “il nocciolo della questione”, ritiene M.Me Bergerón. Dobbiamo crearne di più, soprattutto al di fuori dei grandi centri urbani, precisa. “C’è tutta questa preoccupazione di potersi spostare tra quartieri più distanti o tra città diverse. »

Seguiranno ulteriori dettagli.

Da vedere in video


#Canada

-

PREV L’anno scorso il lupo ha ucciso 102 capi di bestiame
NEXT 15 ritratti di volontari per celebrare i 160 anni della Croce Rossa di Ginevra