IL PRIMO MINISTRO STIMA IL BISOGNO DEL SENEGAL IN 810.000 CAPI DI PECORE

IL PRIMO MINISTRO STIMA IL BISOGNO DEL SENEGAL IN 810.000 CAPI DI PECORE
IL PRIMO MINISTRO STIMA IL BISOGNO DEL SENEGAL IN 810.000 CAPI DI PECORE
-

Il Primo Ministro, durante il consiglio interministeriale tenutosi martedì a Diamniadio, ha sottolineato i preparativi essenziali per la prossima festa di Tabaski, sottolineando il fabbisogno stimato di 810.000 pecore per l’evento di quest’anno.

Nelle sue osservazioni, il primo ministro Ousmane Sonko ha chiesto il contributo dei cittadini di tutte le parti interessate dell’industria ovina per garantire un’adeguata fornitura di pecore per Tabaski, garantendo al tempo stesso che i prezzi rimangano accessibili per tutti.

Le discussioni hanno portato ad una serie di decisioni, tra cui l’allentamento dei controlli sui camion e veicoli che trasportano pecore in Senegal, l’identificazione e la messa in sicurezza dei punti vendita, nonché la rigorosa applicazione delle misure di esenzione da dazi e tasse sulle pecore destinate al festa religiosa.

Il governo ha inoltre fornito risorse per sovvenzionare l’acquisto di mangimi per bestiame ed elaborare le richieste di credito da parte degli operatori nell’ambito dell’operazione Tabaski 2024.

Il Primo Ministro ha sottolineato l’importanza data dal Presidente della Repubblica al festival Tabaski e ha espresso la sua fiducia nell’impegno di tutte le parti interessate affinché la celebrazione abbia successo.

Ha inoltre sottolineato i recenti sforzi del governo per facilitare il lavoro degli operatori stranieri, in particolare maliani e mauritani, per garantire un’offerta adeguata sul mercato.

L’incontro ha riunito diversi membri del governo, rappresentanti ufficiali, attori economici, allevatori e partner finanziari, tutti impegnati a garantire il successo del prossimo festival Tabaski.


#Senegal

-

PREV Una finale per l’eternità – rts.ch
NEXT Tarascon-sur-Ariège: l’agenda culturale della settimana