Tra noi: il presidente Faye e l’ECOWAS

Tra noi: il presidente Faye e l’ECOWAS
Tra noi: il presidente Faye e l’ECOWAS
-

Il Presidente della Repubblica del Senegal, Bassirou Diomaye Faye, ha visitato Abidjan martedì 7 maggio 2024. Questa è la quinta trasferta per il successore di Macky Sall. Nella capitale ivoriana, il Capo di Stato senegalese ha incontrato il suo omologo Alassane Ouattara. Entrambi i Presidenti hanno poi rilasciato dichiarazioni alla stampa.

“Ho ricevuto da voi saggi consigli, possibili soluzioni che devono essere esplorate per poter rafforzare ancora una volta l’unione, l’unità nei grandi gruppi regionali e subregionali che condividiamo. Costante sarà la mia disponibilità a lavorare con voi per rafforzare il nostro spazio comune, in particolare per quanto riguarda l’UEMOA, l’ECOWAS e anche l’Unione africana”, ha sottolineato il presidente Bassirou Diamoye Faye, durante una conferenza stampa con il presidente Alassane Ouattara.

E il capo dello Stato senegalese ha aggiunto: “Sono convinto che dobbiamo continuare ad agire in modo solidale all’interno dell’area ECOWAS, fare le riforme necessarie e lavorare per dissipare le incomprensioni che non possono mancare”. Per lui, ECOWAS è un fantastico strumento di integrazione da preservare.

“Trarremo beneficio dal preservarlo. Conosco il tuo impegno nel muoverti in questa direzione. Perché, dopo tutto, abbiamo l’obbligo di preservare l’eredità dei padri fondatori”, ha riconosciuto l’ospite del presidente Ouattara che conta sulla saggezza di quest’ultimo: “So di poter contare sulla vostra saggezza per continuare, al vostro fianco, agire rafforzando soprattutto le azioni preventive. È sempre meglio prevenire una crisi che cercare di risolverla. Ma quando anche le crisi sono già lì, dobbiamo affrontarle di petto”. Dopo questa visita, il presidente Faye è diventato il bersaglio di alcuni “Pan-Africons” stabiliti in Europa. Nessuno stato di grazia per lui. Secondo il giornalista editoriale burkinabé, esperto di geopolitica e geostrategia, Lookman Sawadogo, “i Pan-Africons sono caduti in uno stato di rabbia e di trance in seguito alla visita del giovane presidente Diomaye Faye ad Alassane Ouattara, presidente della Costa d’Avorio… la visita a Ouattara de Faye è realpolitik (da non confondere con la finzione politica) ed entra nel registro normale delle relazioni internazionali e delle questioni geopolitiche e geostrategiche.

Chiaka Doumbia

Lo sfidante

-

PREV La Française des jeux lancerà un gratta e vinci e un “grand lotto” dedicato alle Olimpiadi di Parigi
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News